La cultura è lavoro e merita tutte le garanzie possibili

Stamattina in molte piazze d'Italia hanno manifestato i lavoratori e le lavoratrici della cultura. Persone, percorsi, condizioni lavorative molto diverse che hanno in comune il fatto di subire duramente il peso delle restrizioni legate all'emergenza covid e di essere stati tra i primi a farlo.

Stamattina in molte piazze d’Italia hanno manifestato i lavoratori e le lavoratrici della cultura. Persone, percorsi, condizioni lavorative molto diverse che hanno in comune il fatto di subire duramente il peso delle restrizioni legate all’emergenza covid e di essere stati tra i primi a farlo.

Dai gestori di spazi culturali ai musicisti, a chi lavora nei modi più disparati nei Beni Culturali, agli organizzatori di eventi, le preoccupazioni sono le stesse: con la nuova chiusura decisa dall’ultimo DCPM (che sembra destinato a essere presto superato da un altro più restrittivo, perché la curva del contagio non si appiattisce) per molti riaprire, ricominciare è un’incognita pesantissima.

Proprio nel momento in cui avremmo bisogno di più cultura, non meno, per andare oltre alla superficialità e al dibattito urlato e odioso in cui siamo immersi, per ritrovarci pienamente cittadini e cittadine, rischiamo di soffocare chi con il proprio lavoro ha sostenuto un settore intero, tra mille difficoltà.

Perché l’emergenza ha messo drammaticamente sotto i riflettori una situazione che esisteva anche prima: la precarietà in cui si trovano molti lavoratori e lavoratrici, la mancanza di tutele minime e la lotta per restare sopra la soglia della povertà alla prima difficoltà.

È necessario assicurarsi che questi lavoratori e queste attività possano superare l’emergenza, che siano nelle condizioni di riaprire e di riprendere il loro lavoro quando sarà possibile farlo in sicurezza. Ma è necessario anche che il sistema cambi, che finalmente il lavoro culturale smetta di essere considerato dalle istituzioni a tutti i livelli come una passione, un passatempo, ma venga considerato professionismo a tutti gli effetti, con il rispetto e la considerazione che gli spetta. È necessaria una pianificazione che è mancata per troppo tempo. È necessario che ci siano investimenti all’altezza del patrimonio culturale del paese e del ruolo sociale che la cultura rappresenta. I bonus, che non sono nemmeno arrivati a tutti, non sono la soluzione alle fragilità del sistema: la crisi non passerà se non la sfruttiamo per cambiare, profondamente, le cose.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait