Una mobilitazione permanente, #PrimaDelDiluvio

Sembra un bollettino di guerra. A pochi giorni dalla pubblicazione del rapporto dell’IPCC sui cambiamenti climatici, una sequenza spaventosa di eventi meteorologici estremi, di intensità inedite, si è abbattuta sul nostro Paese.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Sembra un bol­let­ti­no di guer­ra. A pochi gior­ni dal­la pub­bli­ca­zio­ne del rap­por­to dell’IPCC sui cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, una sequen­za spa­ven­to­sa di even­ti meteo­ro­lo­gi­ci estre­mi, di inten­si­tà ine­di­te, si è abbat­tu­ta sul nostro Pae­se.

In pochi gior­ni ci sono sta­ti più di ven­ti mor­ti. Inte­ri comu­ni sono rima­sti iso­la­ti per crol­lo di stra­de e fra­ne, black-out di gior­ni, 300mila albe­ri sra­di­ca­ti (per un quan­ti­ta­ti­vo di legna pari a quel­lo abbat­tu­to in 2 anni), dan­ni mate­ria­li incalcolabili.

Mez­za Ita­lia è in ginoc­chio a cau­sa di “un cli­ma impaz­zi­to” che ampli­fi­ca tut­ta la nostra fra­gi­li­tà (che nei pas­sa­ti decen­ni si é nutri­ta di cemen­to, con­su­mo di suo­lo sel­vag­gio, abu­si, incu­ria, aggres­sio­ni ai ter­ri­to­ri e boni­fi­che mancate…).

Mi doman­do, affran­ta, se sia il cli­ma ad esse­re impaz­zi­to o se i paz­zi veri sia­mo noi, che con­ti­nuia­mo a per­met­te­re che nes­su­no se ne occu­pi.

L’auto-celebrato “Gover­no del cam­bia­men­to”, che non ha fat­to altro che riman­giar­si pro­mes­se ambien­ta­li­ste (Tri­vel­le, TAP, TAV, ILVA, tan­to per citar­ne alcu­ne), non solo si sta ren­den­do col­pe­vo­le di aver ripro­po­sto lo stru­men­to cri­mi­na­le del con­do­no edi­li­zio (ad Ischia e nel­le zone col­pi­te dal sisma del cen­tro Ita­lia), non solo usa decre­ti urgen­ti per infi­la­re dero­ghe su limi­ti ambien­ta­li impor­tan­ti, come quel­lo del­lo span­di­men­to dei fan­ghi nei cam­pi agri­co­li, ma dimen­ti­ca com­ple­ta­men­te la tan­to pro­cla­ma­ta rivo­lu­zio­ne ver­de, non inse­ren­do­ne trac­cia nel­la leg­ge di bilancio.

E, come se non bastas­se la deso­la­zio­ne di un pano­ra­ma così scon­cer­tan­te, arri­va anche la bef­fa: “la col­pa é degli ambien­ta­li­sti”, dico­no il vice-pre­mier e il pre­mier; il pri­mo (che ha vota­to con­tro la rati­fi­ca degli accor­di di Pari­gi in Par­la­men­to euro­peo) lo dice par­lan­do da una regio­ne, il Vene­to, che è gover­na­ta dal 1995 dal­la Lega (par­ti­to che al gover­no del Pae­se ha appro­va­to le peg­gio­ri nefan­dez­ze anti-ambien­ta­li con Ber­lu­sco­ni, a par­ti­re dall’orrida leg­ge obiet­ti­vo del­le gran­di ope­re inu­ti­li), il secon­do, inve­ce, visi­tan­do il luo­go di una tra­ge­dia avve­nu­ta in una casa costrui­ta abu­si­va­men­te, con due con­do­ni fre­schi fre­schi sul­la coscien­za.

Intan­to in Ita­lia set­te milio­ni di per­so­ne vivo­no in ter­ri­to­ri a rischio idro­geo­lo­gi­co. Intan­to il cli­ma col­las­sa più rapi­da­men­te del previsto.

Non so voi, ma io di pro­mes­se, con­ten­ti­ni e cial­tro­ne­rie non ne pos­so più. Ci sareb­be un pia­ne­ta da lascia­re vivi­bi­le ai nostri figli.

Para­fra­san­do le mera­vi­glio­se atti­vi­ste di NonU­na­Di­Me­no, direi che la nostra è una mobi­li­ta­zio­ne per­ma­nente, che non ini­zia nel­le emer­gen­ze e non fini­sce con i pri­mi soli o con i pri­mi col­pi del­le poten­tis­si­me armi di distra­zio­ne di mas­sa. Non pos­sia­mo fare altro che alza­re anco­ra di più la voce, radu­na­re le for­ze, far­ci sen­ti­re in ogni sede pos­si­bi­leCome abbia­mo già pro­po­sto.

Se vole­te dar­ci una mano, scri­ve­te­mi… #Pri­ma­Del­Di­lu­vio: [email protected][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.