Mobilitiamoci contro l’unica paura che dovremmo avere tutti #PrimaDelDiluvio

Incontriamoci. Ritroviamoci e guardiamoci in faccia (magari attraverso una connessione web, magari moltiplicando gli incontri in diverse città). Parliamoci e proviamo assieme a spingere in una direzione diversa, su piani diversi, ognuno con le proprie peculiarità, i propri ambiti, la propria esperienza, le proprie appartenenze.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Sembra di urla­re dal cen­tro di una stan­za inso­no­riz­za­ta, o da infon­do al mare. Sem­bra che il suo­no del­la pro­pria voce non ven­ga per­ce­pi­to dal resto del mon­do, che intan­to con­ti­nua a affac­cen­dar­si in fac­cen­de che ritie­ne impor­tan­ti, sen­za voler sen­ti­re, sen­za nem­me­no accor­ger­si di cosa stia acca­den­do realmente.

E’ una sen­sa­zio­ne che gli eco­lo­gi­sti cono­sco­no benis­si­mo, che si tra­man­da­no da gene­ra­zio­ni… Men­tre, nel disin­te­res­se col­pe­vo­le dei poten­ti, la dimen­sio­ne dei mostri da com­bat­te­re aumen­ta a dismisura.

Sta­vol­ta ci stia­mo gio­can­do la pos­si­bi­li­tà che il pia­ne­ta con­ser­vi le pre­zio­se e deli­ca­tis­si­me con­di­zio­ni che lo han­no reso ospi­ta­le per i mera­vi­glio­si eco­si­ste­mi che abbia­mo cono­sciu­to e per il pro­li­fe­ra­re di quel­lo che ha pre­so le sem­bian­ze di un poten­tis­si­mo e distrut­ti­vo paras­si­ta, cie­co e ingra­to: il gene­re umano.

L’IPCC, il più auto­re­vo­le orga­ni­smo scien­ti­fi­co del­le Nazio­ni Uni­te, costi­tui­to pro­prio per met­te­re assie­me gli stu­di e le men­ti più auto­re­vo­li del pia­ne­ta in rife­ri­men­to ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, ha in que­ste ore pub­bli­ca­to un rap­por­to a dir poco dram­ma­ti­co sull’innalzamento del­la tem­pe­ra­tu­ra media del pia­ne­ta e sul­la con­se­guen­te acce­le­ra­zio­ne dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, già inne­ga­bil­men­te e vio­len­te­men­te in atto.

Un innal­za­men­to di 1,5°C rispet­to alla tem­pe­ra­tu­ra media pre-indu­stria­le, che nel cor­so COP21 di Pari­gi tenu­ta­si nel 2015, era sta­to indi­ca­to come il mas­si­mo ammis­si­bi­le per con­te­ne­re i dan­ni (con­te­ne­re i dan­ni, non cer­to annul­lar­li!) sem­bra ormai qua­si ine­lut­ta­bi­le, rag­giun­gi­bi­le addi­rit­tu­ra a par­ti­re dal 2030, a meno che non avven­ga una spe­cie di mira­co­lo col­let­ti­vo e i poten­ti del­la Ter­ra deci­da­no di ridur­re le emis­sio­ni di CO2 in atmo­sfe­ra del 45% entro il 2030 per ren­der­le nul­le entro il 2050.

Tra 1,5°C e 2°C, poi, soglia mas­si­ma indi­ca­ta dal­la scien­za per evi­ta­re la cata­stro­fe, si gio­ca la par­ti­ta più impor­tan­te che il mon­do abbia affron­ta­to. Mez­zo gra­do che, per esem­pio, fareb­be scom­pa­ri­re Vene­zia (come diver­se nazio­ni insu­la­ri, iso­le mino­ri e cit­tà costie­re), ucci­de­reb­be com­ple­ta­men­te le bar­rie­re coral­li­ne, pro­vo­che­reb­be onda­te di sic­ci­tà cata­stro­fi­che che, come segna­la l’IPCC, distrug­ge­reb­be­ro com­ple­ta­men­te la pos­si­bi­li­tà che Pae­si in via di svi­lup­po pos­sa­no diven­ta­re luo­ghi vivi­bi­li e salu­bri, acuen­do migra­zio­ni di mas­sa, distru­zio­ne, ingiu­sti­zia, guer­ra. Sem­bra fan­ta­scien­za, del­la più spaventosa.

Solo che non è un film di Hol­ly­wood dove un mani­po­lo di eroi poi rimet­te tut­to a posto. E’ quel­lo che vivre­mo noi tra qual­che lustro (sem­pre che un’ondata di calo­re cit­ta­di­na o un even­to cli­ma­ti­co estre­mo, in un Pae­se che abbia­mo reso di pasta frol­la, non ci ucci­da pri­ma) e, soprat­tut­to, è quel­lo che vivran­no i nostri figli e le gene­ra­zio­ni a venire.

Men­tre si dibat­te sul­la quo­ta di debi­to pub­bli­co più facil­men­te mone­tiz­za­bi­le, nes­su­no dei poten­ti poli­ti­ci o dei poten­tis­si­mi indi­riz­za­to­ri dei dibat­ti­ti pub­bli­ci (in par­ti­co­la­re in Ita­lia) che si occu­pi dav­ve­ro del debi­to ambien­ta­le che abbia­mo accu­mu­la­to e che con­ti­nuia­mo ad accu­mu­la­re, sac­cheg­gian­do fero­ce­men­te il futu­ro e distrug­gen­do in manie­ra irre­ver­si­bi­le il capi­ta­le natu­ra­le del nostro Pia­ne­ta. Non che non ci sia­no auto­re­vo­li voci che si leva­no, ma ne par­lia­mo in pochi. Trop­po pochi. E restia­mo com­ple­ta­men­te e dram­ma­ti­ca­men­te taglia­ti fuo­ri dai dibat­ti­ti media­ti­ca­men­te rilevanti.

Lo so. Non dovrei fare la cata­stro­fi­sta per­ché “non pia­ce”, non por­ta like, non por­ta con­sen­so (soprat­tut­to poli­ti­co). Dovrei con­ti­nua­re piut­to­sto nel comu­ni­ca­re visio­ni posi­ti­ve di benes­se­re dif­fu­so, aria respi­ra­bi­le, cibo buo­no e non avve­le­na­to, mobi­li­tà acces­si­bi­le e dol­ce, cit­tà sicu­re e vivi­bi­li per­ché vis­su­te da per­so­ne che le ani­ma­no dav­ve­ro, lavo­ro puli­to, futu­ro bel­lo, futu­ro aper­to, futu­ro! Dovrei sfor­zar­mi di mostra­re che com­bat­te­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, in fon­do, è com­bat­te­re per la giu­sti­zia socia­le, per l’inclusione, per i dirit­ti, per la sicu­rez­za, la salu­te, la feli­ci­tà di tut­ti. Dovrei. Lo so. Ed è quel­lo che pro­vo a fare ogni gior­no. Ma oggi non riesco.

Oggi sono trop­po arrab­bia­ta per­ché i caval­ca­to­ri di pau­ra e odio a sco­po pro­pa­gan­di­sti­co e mani­po­la­to­rio non sono mini­ma­men­te inte­res­sa­ti a dif­fon­de­re l’unica pau­ra che dovrem­mo ave­re tut­ti. Così dirom­pen­te che dovreb­be (e potreb­be!) met­te­re in moto la più poten­te rivo­lu­zio­ne col­let­ti­va che il mon­do abbia mai visto. Sono trop­po pre­oc­cu­pa­ta per­ché nel mon­do l’onda­ta di odio, intol­le­ran­za e sovra­ni­smo si col­le­ga stret­ta­men­te, ovun­que, ad un anti-sto­ri­co nega­zio­ni­smo (Trump sostie­ne che i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci sia­no un inven­zio­ne del­la Cina per rovi­na­re l’economia sta­tu­ni­ten­se, eli­mi­na limi­ti su pesti­ci­di, cen­tra­li a car­bo­ne e per­si­no per l’amianto!); per­ché il “gover­no del cam­bia­men­to”, oltre ad aver per­so il brac­cio di fer­ro con la Lega nel­la scrit­tu­ra del “con­trat­to di Gover­no” pro­vo­can­do la spa­ri­zio­ne di modi, stru­men­ti, tem­pi e risor­se dal capi­to­lo “tran­si­zio­ne ener­ge­ti­ca” e  dimen­ti­can­do com­ple­ta­men­te che agri­col­tu­ra, pesca, suo­lo sono cru­cia­li in que­sta bat­ta­glia, ha, per il momen­to, bal­bet­ta­to gra­ve­men­te nel con­cre­tiz­za­re pro­mes­se poten­zial­men­te altis­si­me (in alcu­ni casi già  rimangiate).

Oggi sono trop­po arrab­bia­ta, infi­ne, per­ché non sono con­vin­ta che sia chia­ro ad un fron­te suf­fi­cien­te­men­te ampio di for­ze quan­to la dimen­sio­ne euro­pea sia asso­lu­ta­men­te cru­cia­le, stra­te­gi­ca ed irri­nun­cia­bi­le (anche!) nel­la bat­ta­glia con­tro i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci: dob­bia­mo poter ipo­tiz­za­re di ave­re la for­za di fare la nostra par­te in un pro­ces­so glo­ba­le, dove gli avver­sa­ri sono poten­tis­si­mi e gli inte­res­si eco­no­mi­ci in bal­lo ben supe­rio­ri a ogni sin­go­la nazio­ne. Eppu­re, anche qui, nel dibat­ti­to tut­to gal­leg­gian­te, auto­re­fe­ren­zia­le e super­fi­cia­le di que­ste set­ti­ma­ne, ascol­to ben poco di rassicurante.

Non rie­sco quin­di, oggi, ad esse­re otti­mi­sta. E così non pos­so fare altro che dare voce all’indefessa atti­vi­sta (che è in me, alla fac­cia dei man­gia­to­ri di futu­ro!) e pro­va­re ad atti­var­mi anco­ra di più, anco­ra con mag­gio­re for­za e deter­mi­na­zio­ne. E lo fac­cio chie­den­do aiu­to.

A tut­ti quel­li che del­la pas­sio­ne per la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca di eco­no­mia e socie­tà han­no fat­to una pro­fes­sio­ne, un’impresa, un’impegno poli­ti­co, una battaglia.

A quel­li che cre­do­no che nel­la COP21 di Pari­gi e nei 17 obiet­ti­vi per lo svi­lup­po soste­ni­bi­le dell’ONU ci sia­no tut­te le rispo­ste che servono.

A quel­li che voglio­no fare di que­sta rab­bia e di que­sta visio­ne mor­ti­fi­ca­ta una spin­ta per cam­bia­re le cose, pri­ma di venir­ne distrutti.

Incon­tria­mo­ci. Ritro­via­mo­ci e guar­dia­mo­ci in fac­cia (maga­ri attra­ver­so una con­nes­sio­ne web, maga­ri mol­ti­pli­can­do gli incon­tri in diver­se cit­tà). Par­lia­mo­ci e pro­via­mo assie­me a spin­ge­re in una dire­zio­ne diver­sa, su pia­ni diver­si, ognu­no con le pro­prie pecu­lia­ri­tà, i pro­pri ambi­ti, la pro­pria espe­rien­za, le pro­prie appartenenze.

Fac­cia­mo­lo dav­ve­ro. Entro poche set­ti­ma­ne da oggi.

Pos­si­bi­le c’è, e met­te a dispo­si­zio­ne le pro­prie com­pe­ten­ze ed ener­gie (a par­ti­re da un comi­ta­to scien­ti­fi­co poten­zia­to e allar­ga­to, con Lucio Cavaz­zo­ni e Ros­sel­la Muro­ni, che ha fat­to dell’ecologia una pie­tra ango­la­re, pas­san­do per i comi­ta­ti ter­ri­to­ria­li impe­gna­ti su sin­go­le bat­ta­glia, fino alla pos­si­bi­li­tà di atti­va­re le rela­zio­ni con­so­li­da­te con esper­ti, asso­cia­zio­ni e movi­men­ti, comin­cian­do da Green Ita­lia).

Fac­cia­mo­lo appe­na pos­si­bi­le. Che tem­po non ce n’è più. #Pri­ma­Del­Di­lu­vio

P.S. Se ave­te voglia di costrui­re assie­me l’incontro, di esser­ci o di dare una mano in qual­che modo, scri­ve­te­mi qui: annalisacorrado.green@gmail.com[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.