La vera emergenza sicurezza di questo paese sono gli uomini violenti che vivono nelle nostre case

Sei don­ne seque­stra­te, tor­tu­ra­te, ucci­se da mari­ti o ex nel­le ulti­me 48 ore in Ita­lia.

La gior­na­li­sta Lui­sa Bet­ti elen­ca le sto­rie di que­sto dram­ma­ti­co bol­let­ti­no di guer­ra del fine set­ti­ma­na, che evi­den­te­men­te non meri­ta l’indignazione gene­ra­le, sopra­tut­to da par­te del Gover­no, nor­mal­men­te così soler­te a twit­ta­re se il car­ne­fi­ce è stra­nie­ro, finen­do di appro­fit­ta­re una vol­ta di più del­lo stra­zio com­piu­to sul cor­po di una don­na, per far­ne car­ne da cam­pa­gna elettorale.

A Cor­si­co, una ragaz­za di 29 anni è sta­ta seque­stra­ta, stu­pra­ta, tor­tu­ra­ta per 48 ore dal suo ex, che non ha rispar­mia­to vio­len­za nean­che al loro pic­co­lo bam­bi­no. Si è sal­va­ta solo gra­zie a un bigliet­ti­no con scrit­to “aiu­to” con­se­gna­to al volo a una badan­te che pas­sa­va davan­ti la loro fine­stra. Le vio­len­ze anda­va­no avan­ti da anni, lei lo ave­va lascia­to, ma da un aguz­zi­no, da sole, non si scap­pa qua­si mai.

A Napo­li una don­na è sta­ta seque­stra­ta dal suo ex, lascia­to per le con­ti­nue vio­len­ze e soc­cor­sa in fin di vita da un vici­no, dopo 12 ore di violenze.

A Roma una don­na è sta­ta libe­ra­ta dopo anni di segre­ga­zio­ne e vio­len­ze dome­sti­che.

A Novi di Mode­na una don­na è sta­ta aggre­di­ta dal suo ex, nono­stan­te il divie­to di avvi­ci­na­men­to emes­so per com­por­ta­men­ti violenti.

A Cosen­za una don­na è sta­ta ucci­sa con un basto­ne e fini­ta a col­tel­la­te dal mari­to, per­ché, ripor­ta­no i gior­na­li, esa­spe­ra­to dal­la sua malat­tia, per cui non era più la don­na che ave­va sposato.

In Pro­vin­cia di Saler­no una don­na è sta­ta arsa viva dal mari­to, che ha svuo­ta­to due tani­che di ben­zi­na men­tre lei era davan­ti al cami­no, lascian­do orfa­ni 3 bambini.

I gior­na­li in ogni caso par­la­no di “liti fami­lia­ri”. E inve­ce no.

E’ un guer­ra. Da nord a Sud. Non c’è età, sta­to socia­le, zona geo­gra­fi­ca che sia al sicuro.

Una guer­ra con­tro tut­te noi. Una guer­ra che quo­ti­dia­na­men­te si svol­ge den­tro le mura dome­sti­che, ma che si nutre di una cul­tu­ra radi­ca­ta in tut­to il Pae­se che vuo­le la don­na un gra­di­no sot­to, ras­se­gna­ta al pote­re del maschio.

Nel lavo­ro, in casa, nel­le pub­bli­ci­tà ses­si­ste, nei lin­guag­gi comu­ni, nell’educazione dei figli maschi “for­ti” e del­le figlie fem­mi­ne “sen­si­bi­li”, nel­la man­can­za di pari­tà di sala­ri, nel­le dif­fa­ma­zio­ni ano­ni­me se una don­na fa car­rie­ra, nel­le quo­ti­dia­ne mole­stie che ven­go­no fat­te pas­sa­re come cor­teg­gia­men­to, nel pat­to di Gover­no che con­si­de­ra la don­na solo come “madre”, nel­le pro­po­ste di leg­ge come il Pil­lon che ren­de di fat­to impra­ti­ca­bi­le il divor­zio, nel­le ordi­nan­ze con­tro i vesti­ti suc­cin­ti come a Nova­ra, nel­le mozio­ni con­tro la liber­tà di scel­ta sul pro­prio cor­po come a Verona.

E’ una guer­ra che ogni gior­no si ali­men­ta in ogni stra­to del­la socie­tà. Quel­lo che arri­va alle cro­na­che sono sem­pre solo le pun­te di enor­mi ice­berg di vio­len­ze e mal­trat­ta­men­ti mol­to più radi­ca­ti nel tem­po e nel­lo spa­zio, che avven­go­no in silen­zio o nell’indifferenza generale.

Tut­te e tut­ti devo­no sen­tir­si chia­ma­ti a con­tra­sta­re que­sta guer­ra, lo dob­bia­mo a noi stes­se, alle nostre sorel­le che non ven­go­no cre­du­te e ascol­ta­te ade­gua­ta­men­te, alle nostre bam­bi­ne e alle ragaz­ze che non devo­no cre­sce­re in un Pae­se dove ogni gior­no di più la loro vita è mes­sa in pericolo.

Anche per que­sto Pos­si­bi­le sta ela­bo­ran­do uno spa­zio di par­te­ci­pa­zio­ne e pro­po­sta poli­ti­ca avvia­to saba­to scor­so a Bolo­gna con gli Sta­ti Gene­ra­li del­le Don­ne, per que­sto abbia­mo ade­ri­to allo Sta­to di Mobi­li­ta­zio­ne Per­ma­nen­te indet­to da Non Una di Meno, per que­sto saba­to sare­mo in tut­te le Piaz­ze dove si mani­fe­ste­rà con­tro l’abominio del DDL Pil­lon, per que­sto oggi sono per­so­nal­men­te in Cor­te di Assi­se, ad Anco­na, duran­te la requi­si­to­ria fina­le del Pub­bli­co Mini­ste­ro, per sta­re vici­no ai geni­to­ri di Jes­si­ca, ridot­ta in schia­vi­tù dal com­pa­gno, poi diven­ta­to suo marito.

Non si trat­ta solo di testi­mo­nian­za, si trat­ta di alza­re la voce e di impor­re tut­ta l’importanza e l’attenzione che meri­ta la vera emer­gen­za sicu­rez­za di que­sto Pae­se, che non sono i dispe­ra­ti che scap­pa­no dal­la guer­ra e dal­la fame, ma sono gli uomi­ni vio­len­ti che vivo­no nel­le nostre case.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.