Un trattamento europeo per gli insegnanti italiani

Uno dei temi più “caldi” dell’estate, in ambito scolastico, visto l’imminente quanto tardivo rinnovo del contratto per i dipendenti della PA, è la richiesta di equiparazione degli stipendi degli insegnanti italiani a quelli dei colleghi europei.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1503302253124{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Uno dei temi più “cal­di” dell’estate, in ambi­to sco­la­sti­co, visto l’imminente quan­to tar­di­vo rin­no­vo del con­trat­to per i dipen­den­ti del­la PA, è la richie­sta di equi­pa­ra­zio­ne degli sti­pen­di degli inse­gnan­ti ita­lia­ni a quel­li dei col­le­ghi europei.

Scor­ren­do le tabel­le in alle­ga­to, infat­ti, appa­re evi­den­te che alcu­ni dei luo­ghi comu­ni più spes­so ripor­ta­ti da colo­ro che inten­do­no giu­sti­fi­ca­re una razio­na­liz­za­zio­ne con­ti­nua del­la spe­sa sul capi­to­lo Scuo­la e Istru­zio­ne sono facil­men­te confutabili.

Da una rapi­da occhia­ta ai gra­fi­ci ela­bo­ra­ti dal­la Uil Scuo­la su dati Eury­di­ce, si evin­ce facil­men­te che l’orario di lavo­ro dei docen­ti ita­lia­ni non è, come si rac­con­ta, net­ta­men­te infe­rio­re a quel­lo dei col­le­ghi euro­pei: le ore di lezio­ne in Ita­lia sono supe­rio­ri alla media euro­pea sia nel­la scuo­la pri­ma­ria (22 con­tro 19,6) che nel­la secon­da­ria supe­rio­re (18 con­tro 16,3) e ugua­li nel­la secon­da­ria infe­rio­re (18 con­tro 18,1).

Altro aspet­to, spes­so fon­te di para­go­ne inap­pro­pria­to con i col­le­ghi dell’Unione, è quel­lo che con­cer­ne il mon­te ore degli alun­ni per anno sco­la­sti­co, che in Ita­lia è net­ta­men­te supe­rio­re a quel­lo degli altri Pae­si Euro­pei gra­zie ad alcu­ne spe­ci­fi­ci­tà del nostro siste­ma sco­la­sti­co, qua­li, ad esem­pio, il tem­po pie­no alla scuo­la pri­ma­ria e i rien­tri pome­ri­dia­ni come opzio­ne ora­ria nel­la scuo­la secon­da­ria di I gra­do. Que­ste spe­ci­fi­ci­tà, dal­le qua­li non si può pre­scin­de­re per una equi­pa­ra­zio­ne seria con gli altri Pae­si, inci­do­no anche sul rap­por­to tra alun­ni e inse­gnan­ti, neces­sa­ria­men­te più alto in Ita­lia, visto che i nostri stu­den­ti tra­scor­ro­no più tem­po a scuo­la dei com­pa­gni euro­pei.

Di segui­to la tabel­la con la com­pa­ra­zio­ne degli sti­pen­di dei docen­ti ita­lia­ni con quel­li degli inse­gnan­ti degli altri Pae­si Euro­pei; si evi­den­zia la dif­fe­ren­za tra la retri­bu­zio­ne di base e quel­la a fine car­rie­ra, sud­di­vi­sa per ordi­ne di scuola.

Il dato del nostro Pae­se ci mostra come le retri­bu­zio­ni ini­zia­li dei nostri docen­ti assi­cu­ri­no un teno­re di vita al di sot­to di quel­lo medio italiano.

Per que­sti moti­vi, rite­nen­do altre­sì che anche nel nostro Pae­se la pro­fes­sio­ne docen­te deb­ba esse­re rico­no­sciu­ta — non solo a paro­le — per le respon­sa­bi­li­tà edu­ca­ti­ve e for­ma­ti­ve che le sono pro­prie, soste­nia­mo la peti­zio­ne “CHIEDIAMO L’EQUIPARAZIONE DEL TRATTAMENTO ECONOMICO TRA DOCENTI ITALIANI ED EUROPEI” diret­ta al Mini­stro dell’Istruzione, dell’Università e del­la Ricer­ca Vale­ria Fedeli.

Eula­lia Gril­lo, Comi­ta­to “ P.P.Pasolini”, Pos­si­bi­le Bolo­gna[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.