Per un Parlamento che funziona meglio: la prima nostra proposta alla Camera, ora anche al Senato

Si tratta di un primo ma importante tassello di riforme istituzionali che - come diciamo sempre - non passano solo attraverso la Costituzione (che pure può richiedere singoli aggiornamenti o miglioramenti): dalla legge elettorale a quella sul conflitto di interessi, alla revisione di alcune incompatibilità e ineleggibilità, per assicurare una maggiore trasparenza e un effettivo svolgimento delle funzioni pubbliche con disciplina e onore.

Come ave­va­mo pre­an­nun­cia­to, abbia­mo depo­si­ta­to la nostra pri­ma pro­po­sta di revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le dopo la boc­cia­tu­ra del­la “gran­de rifor­ma” (o meglio del­la rifor­ma gran­de) da par­te di ben 12 milio­ni di cit­ta­di­ni. Come ave­va­mo det­to, infat­ti, rite­nia­mo uti­li alcu­ni aggiu­sta­men­ti al testo costituzionale.

Que­sta pri­ma pro­po­sta ridu­ce di cir­ca un quar­to sia i depu­ta­ti che i sena­to­ri, per i qua­li abbia­mo già pre­vi­sto tagli del­le inden­ni­tà e dei trat­ta­men­ti pen­sio­ni­sti­ci con altra pro­po­sta di leg­ge, e rico­no­sce ai diciot­ten­ni la pos­si­bi­li­tà di vota­re per il Sena­to.

Una ana­lo­ga pro­po­sta è sta­ta ades­so pre­sen­ta­ta al Sena­to dai sena­to­ri Cas­son e Mineo.

A que­sto pun­to non rima­ne che ini­zia­re in uno dei rami del Par­la­men­to: si può arri­va­re in poche set­ti­ma­ne all’ap­pro­va­zio­ne, a mag­gio­ran­za di due ter­zi e quin­di con imme­dia­ta appro­va­zio­ne sen­za refe­ren­dum. Così, a segui­to del­le pros­si­me ele­zio­ni avrem­mo Came­re più snel­le, per­ché ridot­te nel nume­ro, e più omo­ge­nee, dive­nen­do elet­te dal­lo stes­so cor­po elettorale.

Si trat­ta di un pri­mo ma impor­tan­te tas­sel­lo di rifor­me isti­tu­zio­na­li che — come dicia­mo sem­pre — non pas­sa­no solo attra­ver­so la Costi­tu­zio­ne (che pure può richie­de­re sin­go­li aggior­na­men­ti o miglio­ra­men­ti): dal­la leg­ge elet­to­ra­le a quel­la sul con­flit­to di inte­res­si, alla revi­sio­ne di alcu­ne incom­pa­ti­bi­li­tà e ine­leg­gi­bi­li­tà, per assi­cu­ra­re una mag­gio­re tra­spa­ren­za e un effet­ti­vo svol­gi­men­to del­le fun­zio­ni pub­bli­che con disci­pli­na e ono­re. E anco­ra, una leg­ge sul­la par­te­ci­pa­zio­ne capa­ce di supe­ra­re le attua­li stret­to­ie del siste­ma, con cui i cit­ta­di­ni sono mar­gi­na­liz­za­ti, la que­stio­ne del­le Pro­vin­ce, rima­ste sot­trat­te al voto popo­la­re e del fun­zio­na­men­to degli enti loca­li in generale.

Su que­sto con­ti­nue­re­mo a insi­ste­re e a fare pro­po­ste, per ela­bo­ra­re le qua­li aspet­tia­mo con­tri­bu­ti da par­te di tut­ti in vista del­la Costi­tuen­te del­le idee.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.