Per un Parlamento che funziona meglio: la prima nostra proposta alla Camera, ora anche al Senato

Si tratta di un primo ma importante tassello di riforme istituzionali che - come diciamo sempre - non passano solo attraverso la Costituzione (che pure può richiedere singoli aggiornamenti o miglioramenti): dalla legge elettorale a quella sul conflitto di interessi, alla revisione di alcune incompatibilità e ineleggibilità, per assicurare una maggiore trasparenza e un effettivo svolgimento delle funzioni pubbliche con disciplina e onore.

Come ave­va­mo pre­an­nun­cia­to, abbia­mo depo­si­ta­to la nostra pri­ma pro­po­sta di revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le dopo la boc­cia­tu­ra del­la “gran­de rifor­ma” (o meglio del­la rifor­ma gran­de) da par­te di ben 12 milio­ni di cit­ta­di­ni. Come ave­va­mo det­to, infat­ti, rite­nia­mo uti­li alcu­ni aggiu­sta­men­ti al testo costituzionale.

Que­sta pri­ma pro­po­sta ridu­ce di cir­ca un quar­to sia i depu­ta­ti che i sena­to­ri, per i qua­li abbia­mo già pre­vi­sto tagli del­le inden­ni­tà e dei trat­ta­men­ti pen­sio­ni­sti­ci con altra pro­po­sta di leg­ge, e rico­no­sce ai diciot­ten­ni la pos­si­bi­li­tà di vota­re per il Sena­to.

Una ana­lo­ga pro­po­sta è sta­ta ades­so pre­sen­ta­ta al Sena­to dai sena­to­ri Cas­son e Mineo.

A que­sto pun­to non rima­ne che ini­zia­re in uno dei rami del Par­la­men­to: si può arri­va­re in poche set­ti­ma­ne all’ap­pro­va­zio­ne, a mag­gio­ran­za di due ter­zi e quin­di con imme­dia­ta appro­va­zio­ne sen­za refe­ren­dum. Così, a segui­to del­le pros­si­me ele­zio­ni avrem­mo Came­re più snel­le, per­ché ridot­te nel nume­ro, e più omo­ge­nee, dive­nen­do elet­te dal­lo stes­so cor­po elettorale.

Si trat­ta di un pri­mo ma impor­tan­te tas­sel­lo di rifor­me isti­tu­zio­na­li che — come dicia­mo sem­pre — non pas­sa­no solo attra­ver­so la Costi­tu­zio­ne (che pure può richie­de­re sin­go­li aggior­na­men­ti o miglio­ra­men­ti): dal­la leg­ge elet­to­ra­le a quel­la sul con­flit­to di inte­res­si, alla revi­sio­ne di alcu­ne incom­pa­ti­bi­li­tà e ine­leg­gi­bi­li­tà, per assi­cu­ra­re una mag­gio­re tra­spa­ren­za e un effet­ti­vo svol­gi­men­to del­le fun­zio­ni pub­bli­che con disci­pli­na e ono­re. E anco­ra, una leg­ge sul­la par­te­ci­pa­zio­ne capa­ce di supe­ra­re le attua­li stret­to­ie del siste­ma, con cui i cit­ta­di­ni sono mar­gi­na­liz­za­ti, la que­stio­ne del­le Pro­vin­ce, rima­ste sot­trat­te al voto popo­la­re e del fun­zio­na­men­to degli enti loca­li in generale.

Su que­sto con­ti­nue­re­mo a insi­ste­re e a fare pro­po­ste, per ela­bo­ra­re le qua­li aspet­tia­mo con­tri­bu­ti da par­te di tut­ti in vista del­la Costi­tuen­te del­le idee.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Il governo è allergico al dissenso. Ma manifestare è un diritto

In que­sto caso la leg­ge non è “ad per­so­nam” ma let­te­ral­men­te “ad pro­te­stam”: ina­spri­men­to del­le pene per chi vie­ne accu­sa­to di resi­sten­za a un pub­bli­co uffi­cia­le se sta cer­can­do di impe­di­re la rea­liz­za­zio­ne di un’opera pub­bli­ca o di un’infrastruttura strategica.

A Parigi con il Nuovo Fronte Popolare

A Pari­gi si lavo­ra per fini­re le strut­tu­re del­le Olim­pia­di men­tre ini­zia a sen­tir­si il cal­do che pre­oc­cu­pa atle­ti e scien­zia­ti: “Rings of Fire”, si