Un anno senza #PatrickZaki: insistiamo ancora e ancora

Continuiamo a ricordarlo. Insistiamo, ancora e ancora, perché le istituzioni italiane ed europee si mobilitino per la sua liberazione, come abbiamo fatto sin dal primo giorno insieme a migliaia di persone. 

La mat­ti­na del 7 feb­bra­io 2020 Patrick Zaki è appe­na arri­va­to all’Aero­por­to del Cai­ro. Fino a qual­che ora pri­ma si tro­va­va a Bolo­gna, dove fre­quen­ta­va un master in “Wome­n’s and gen­der stu­dies”. La sua fami­glia lo aspet­ta fuo­ri dal gate. È al tele­fo­no con loro men­tre è in fila al con­trol­lo pas­sa­por­ti, nel cel­lu­la­re c’è anco­ra la sim italiana.

Un agen­te si accor­ge che su di lui pen­de un man­da­to di arre­sto, lo pren­de in con­se­gna e lo con­du­ce in una stan­za. Patrick rie­sce ad avver­ti­re i geni­to­ri, pri­ma che le comu­ni­ca­zio­ni ven­ga­no inter­rot­te.

Vie­ne ben­da­to, rin­chiu­so in una stan­za. Vie­ne tra­sfe­ri­to in un edi­fi­cio dei ser­vi­zi segre­ti egi­zia­ni, con­dot­to in una stan­za con due agen­ti, pic­chia­to e tor­tu­ra­to con l’elettricità in un modo che uno dei suoi avvo­ca­ti defi­ni­rà “pro­fes­sio­na­le”.

Da allo­ra, ini­zia un incu­bo che non ha anco­ra fine.

Altri due tra­sfe­ri­men­ti, l’ul­ti­mo nel car­ce­re di Tora, riser­va­to a ter­ro­ri­sti e pri­gio­nie­ri politici.

I con­ti­nui rin­vii del­le udienze.

La man­can­za di comu­ni­ca­zio­ne con la fami­glia, che dure­rà mesi.

La pau­ra del virus.

La pre­oc­cu­pa­zio­ne per la sua salu­te fisi­ca e mentale.

Con­ti­nuia­mo a ricor­dar­lo. Insi­stia­mo, anco­ra e anco­ra, per­ché le isti­tu­zio­ni ita­lia­ne ed euro­pee si mobi­li­ti­no per la sua libe­ra­zio­ne, come abbia­mo fat­to sin dal pri­mo gior­no insie­me a miglia­ia di persone. 

Quel­la di Patrick è una del­le “cau­se per­se” – che spe­ria­mo con tut­to il cuo­re che alla fine non si rive­li tale – a cui ci sia­mo affe­zio­na­ti e appassionati.

Chi pen­sa che la poli­ti­ca non dovreb­be occu­par­se­ne la con­fi­na a un ruo­lo mino­re, ancil­la­re, grottesco.

Con una poli­ti­ca così ci si puli­sco­no i pie­di i poten­ti. E con­ti­nue­ran­no a farlo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.