Biodiversità: la grande assente dal Recovery Plan

Un’elevata diversità biologica nelle nostre immediate vicinanze è importante quanto il nostro reddito per essere soddisfatti della propria vita e soprattutto la biodiversità svolge un ruolo importante per il benessere umano in tutta Europa, anche al di là dei suoi servizi materiali.

Più leg­gia­mo il Pia­no Nazio­na­le di Ripre­sa e Resi­lien­za pre­di­spo­sto dal Gover­no e abbon­dan­te­men­te ana­liz­za­to e miglio­ra­to dal gran­de lavo­ro di Davi­de Sera­fin e più ci ren­dia­mo con­to che gli ulti­mi col­pi del Gover­no Con­te sia­no la degna con­clu­sio­ne di una para­bo­la discen­den­te pri­va di qual­sia­si atten­zio­ne per un pro­get­to serio e sostenibile.

Ci sono buchi da riem­pi­re, pro­get­ti da ripen­sa­re e soprat­tut­to inve­sti­men­ti da fare.

Uno di que­sti buchi riguar­da anche la bio­di­ver­si­tà e gli inter­ven­ti per la sua sal­va­guar­dia.

Pren­dia­mo come pun­to di par­ten­za il Rio Earth Sum­mit del 1992. Solo cin­que anni pri­ma era sta­to pub­bli­ca­to “Il futu­ro di tut­ti noi” rap­por­to del­la Com­mis­sio­ne Brund­tland su ambien­te e svi­lup­po. Da quel momen­to e nel perio­do 1992 — 2003 sono sta­ti inve­sti­ti 14,4 miliar­di di dol­la­ri per ral­len­ta­re l’estinzione di mas­sa del­le spe­cie di tut­to il mon­do. Un buon lavo­ro, così come con­fer­ma­to qual­che han­no dopo dal­lo stu­dio “Reduc­tions in glo­bal bio­di­ver­si­ty loss pre­dic­ted from con­ser­va­tion spending”.

Pur­trop­po, dal 2003 ad oggi, gli inve­sti­men­ti han­no subi­to un for­te ral­len­ta­men­to e non a caso apren­do l’United Nations Sum­mit on Bio­di­ver­si­ty nel set­tem­bre 2020, il segre­ta­rio gene­ra­le dell’Onu, Antó­nio Guter­res ha det­to che «L’umanità ha fat­to guer­ra alla natu­ra. Dob­bia­mo rico­strui­re la nostra rela­zio­ne con lei», men­tre il pre­si­den­te dell’Assemblea gene­ra­le dell’Onu, Vol­kan Boz­kir, ha ricor­da­to che «La nostra esi­sten­za su que­sto pia­ne­ta dipen­de inte­ra­men­te dal­la nostra capa­ci­tà di pro­teg­ge­re il mon­do natu­ra­le che ci circonda».

In quel­la stes­sa occa­sio­ne Guter­res ave­va con­clu­so i lavo­ri evi­den­zian­do tre prio­ri­tà per sal­va­guar­da­re e gesti­re la bio­di­ver­si­tà nell’era post-Covid19:

Le solu­zio­ni basa­te sul­la natu­ra devo­no esse­re inte­gra­te nei pia­ni di svi­lup­po post-Covi­d19 e anco­ra più ampia­men­te. Pre­ser­va­re la bio­di­ver­si­tà del mon­do può gene­ra­re i posti di lavo­ro e la cre­sci­ta eco­no­mi­ca di cui il mon­do ha urgen­te biso­gno oggi. Le solu­zio­ni basa­te sul­la natu­ra sono anche stru­men­ti essen­zia­li nel­la lot­ta per risol­ve­re la cri­si cli­ma­ti­ca. Le fore­ste, gli ocea­ni e gli eco­si­ste­mi intat­ti sono effi­ca­ci poz­zi di assor­bi­men­to del car­bo­nio. Le zone umi­de sane miti­ga­no le inondazioni.

I siste­mi eco­no­mi­ci e i mer­ca­ti finan­zia­ri devo­no tene­re con­to del­la bio­di­ver­si­tà e inve­sti­re nel­la natu­ra. Le risor­se del­la natu­ra non sono anco­ra inclu­se nei cal­co­li del­la ric­chez­za dei Pae­si. Il siste­ma attua­le è incen­tra­to sul­la distru­zio­ne e non sul­la con­ser­va­zio­ne. Inve­sti­re nel­la natu­ra pro­teg­ge­rà la bio­di­ver­si­tà e miglio­re­rà l’azione cli­ma­ti­ca, la salu­te uma­na e la sicu­rez­za ali­men­ta­re. I gover­ni devo­no inclu­de­re la bio­di­ver­si­tà come cri­te­rio nel pro­ces­so deci­sio­na­le finanziario.

Garan­ti­re le poli­ti­che e gli obiet­ti­vi più ambi­zio­si che tute­li­no la bio­di­ver­si­tà e non lasci­no indie­tro nes­su­no. La Con­ven­tion on bio­lo­gi­cal diver­si­ty sti­ma che i ser­vi­zi eco­si­ste­mi­ci rap­pre­sen­ti­no tra il 50 e il 90% dei mez­zi di sus­si­sten­za del­le fami­glie rura­li e fore­sta­li pove­re. Tut­to dipen­de dal­la con­ser­va­zio­ne del­la bio­di­ver­si­tà e dal suo uso sostenibile.

Set­tem­bre 2020! Già dal­la pri­ma­ve­ra 2020 noi ave­va­mo già ini­zia­to ad ana­liz­za­re e appro­fon­di­re il testo che poi sareb­be diven­ta­to Poli­ti­ca!.

Vie­ne da chie­der­si, il Gover­no che face­va nel­lo stes­so perio­do? Di cosa si occu­pa­va? Di sicu­ro non si occu­pa­va di cli­ma e di cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e di sicu­ro non si occu­pa­va di biodiversità.

Nel frat­tem­po sul tema del­la natu­ra e del­la bio­di­ver­si­tà l’Europa ave­va inco­min­cia­to la discus­sio­ne per arri­va­re a Mar­zo 2020 a pro­por­re la stra­te­gia per la bio­di­ver­si­tà 2030, un pro­get­to deci­sa­men­te ambi­zio­so per tut­to il ter­ri­to­rio europeo.

Il Green New Deal pre­ve­de una serie di obiet­ti­vi non indif­fe­ren­ti per l’Eu­ro­pa: diven­ta­re cli­ma­ti­ca­men­te neu­tra entro il 2050, pro­teg­ge­re vite uma­ne, ani­ma­li e pian­te ridu­cen­do l’inquinamento. Oltre agli inter­ven­ti in mate­ria di cli­ma­te chan­ge come la pro­po­sta di una leg­ge euro­pea sul cli­ma, alla decar­bo­niz­za­zio­ne, all’efficientamento ener­ge­ti­co degli edi­fi­ci, all’industria ver­de e alla mobi­li­tà, una note­vo­le par­te – ma non esau­sti­va – era rivol­ta alla con­ser­va­zio­ne e pro­te­zio­ne del­la biodiversità.

Gli eco­si­ste­mi natu­ra­li for­ni­sco­no cibo, acqua, aria puli­ta e ripa­ro. Atte­nua­no le cata­stro­fi natu­ra­li, con­tra­sta­no i paras­si­ti e le malat­tie e con­tri­bui­sco­no a rego­la­re il cli­ma. Per fare que­sto però occor­re poten­zia­re gli eco­si­ste­mi, aumen­ta­re la loro pro­te­zio­ne e anche uti­liz­za­re stru­men­ti nuo­vi per la gestio­ne ter­ri­to­ria­le come la rete ecologica.

Un impe­gno con­si­de­re­vo­le dovrà esse­re fat­to per aumen­ta­re la bio­di­ver­si­tà negli ambi­ti urba­ni così come dovrà esse­re rea­liz­za­ta una stra­te­gia fore­sta­le che oltre alle nuo­ve pian­tu­ma­zio­ni (3 miliar­di di pian­te entro il 2030) dovrà pre­ve­de­re il ripri­sti­no del­le fore­ste danneggiate.

Sen­za dimen­ti­ca­re gli inter­ven­ti sull’oceano e sui mari, le stra­te­gie per con­ser­va­re le zone umi­de, per ridur­re in agri­col­tu­ra dei pesticidi.

Paral­le­la­men­te però c’è biso­gno di ade­gua­re anche gli stru­men­ti e miglio­ra­re la situa­zio­ne del­la bio­di­ver­si­tà in Ita­lia. Tut­ti par­la­no di bio­di­ver­si­tà, in mol­ti con­ti­nua­no a par­la­re ma nes­su­no agi­sce. Raf­fae­le Cat­ta­neo, asses­so­re all’ambiente di Regio­ne Lom­bar­dia, non per­de occa­sio­ne per par­la­re dell’importanza del­la bio­di­ver­si­tà ma poi auto­riz­za infra­strut­tu­re inu­ti­li e deva­stan­ti per aree natu­ra­li impor­tan­ti come il Par­co del Tici­no o come la zona pre­al­pi­na lom­bar­da che con la scu­sa del­la Olim­pia­di 2026 ver­rà ulte­rior­men­te cemen­ti­fi­ca­ta. Ma l’elenco degli asses­so­ri che par­la­no e deli­be­ra­no l’esatto oppo­sto è lun­go e cor­po­so e viag­gia dal­la Lom­bar­dia alla Ligu­ria, all’Emilia Roma­gna per tran­si­ta­re dal Lazio fino alla Puglia e iso­le comprese.

Sen­za dimen­ti­ca­re la que­stio­ne rela­ti­va ai nuo­vi posti di lavo­ro che la bio­di­ver­si­tà por­ta in dote. È la stes­sa UE che ha quan­ti­fi­ca­to ad esem­pio che la Rete Natu­ra 2000 sostie­ne 104.000 posti di lavo­ro diret­ti in atti­vi­tà di gestio­ne e con­ser­va­zio­ne del­le zone pro­tet­te e altri 70.000 posti di lavo­ro indi­ret­ti, a fron­te di un inve­sti­men­to di 6 miliar­di di euro per la gestio­ne e il ripri­sti­no del­la rete eco­lo­gi­ca. I nume­ri del futu­ro pre­ve­do­no che le esi­gen­ze lega­te alla bio­di­ver­si­tà potreb­be­ro gene­ra­re fino a 500.000 posti di lavoro.

Abbia­mo inol­tre una serie di pro­ble­mi aperti:

Per quan­to riguar­da la Rete Natu­ra 2000, gli Sta­ti mem­bri e il nostro in par­ti­co­la­re sono in ritar­do – le pro­ce­du­re per i nuo­vi rico­no­sci­men­ti sono trop­po lun­ghe e non c’è modo di supe­ra­re even­tua­li Enti volu­ta­men­te reti­cen­ti sul­le proposte.

In mate­ria di Suo­lo man­ca pur­trop­po una nor­ma­ti­va euro­pea e que­sta con­ti­nua a crea­re enor­mi dispa­ri­tà sul ter­ri­to­rio euro­peo tra real­tà dove il suo­lo è già tute­la­to e altre come l’Italia dove sia­no indie­tro anni luce.

Il Ruo­lo dei Par­chi Natu­ra­li e del­le Riser­ve Natu­ra­li deve esse­re mag­gior­men­te tute­la­to e pro­tet­to a livel­lo Euro­peo e nazio­na­le rispet­to alle minac­ce di ridu­zio­ne dei loro con­fi­ni o rispet­to a pro­gram­ma­zio­ni urba­ni­sti­che che minac­cia­no la loro esistenza.

Inol­tre in que­sto momen­to non c’è anco­ra un rico­no­sci­men­to for­ma­le del­la Riser­ve Mab Une­sco all’interno del­la gestio­ne dei pro­get­ti di tute­la e con­ser­va­zio­ne del­la bio­di­ver­si­tà ita­lia­na ed europea.

Ci sarem­mo aspet­ta­ti di tro­va­re nel PNRR anche que­sti aspet­ti, e inve­ce c’è il nul­la, il vuo­to cosmi­co rispet­to ad una tema­ti­ca, quel­la del­la bio­di­ver­si­tà, fon­da­men­ta­le per la vita stessa.

Imma­gi­na­te un Pae­se che inve­ste su un futu­ro miglio­re, desi­de­ra­bi­le, possibile.

Imma­gi­na­te un Pae­se che inve­ste nel­la natu­ra, nei boschi e nel­le fore­ste, che imple­men­ta la Rete Eco­lo­gi­ca e ban­di­sce la cac­cia, che inve­ste seria­men­te nell’educazione ambien­ta­le, che valo­riz­za i par­chi natu­ra­li ita­lia­ni come model­li di gestio­ne soste­ni­bi­le del ter­ri­to­rio, che tute­la e imple­men­ta le zone umide.

Imma­gi­na­te un Pae­se dove la bio­di­ver­si­tà diven­ta un inve­sti­men­to per la qua­li­tà del­la vita e per la salu­te umana.

Un’elevata diver­si­tà bio­lo­gi­ca nel­le nostre imme­dia­te vici­nan­ze è impor­tan­te quan­to il nostro red­di­to per esse­re sod­di­sfat­ti del­la pro­pria vita e soprat­tut­to la bio­di­ver­si­tà svol­ge un ruo­lo impor­tan­te per il benes­se­re uma­no in tut­ta Euro­pa, anche al di là dei suoi ser­vi­zi materiali.

Noi di Pos­si­bi­le, sia­mo pron­ti per lavo­ra­re in que­sta dire­zio­ne. Che aspet­ta­te ad unir­vi a noi?

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.