Umbria, Brignone: Subito stop ad accordi con Libia, serve cambio passo del governo

“Il voto alle Regio­na­li in Umbria c’è sta­to in un con­te­sto mol­to par­ti­co­la­re, visto come si è arri­va­ti alle ele­zio­ni. Quin­di il risul­ta­to non sor­pren­de. Ma l’azio­ne del gover­no non ha por­ta­to alcun valo­re aggiun­to. Fino­ra non c’è sta­ta quel­la svol­ta annun­cia­ta fin dal­la for­ma­zio­ne del­l’e­se­cu­ti­vo. Il cam­bio di pas­so deve arri­va­re subi­to, a par­ti­re dal­lo stop all’ac­cor­do con la Libia pri­ma del rin­no­vo pre­vi­sto il 2 novem­bre. Per evi­ta­re nuo­ve deba­cle in sti­le umbro, è neces­sa­ria dav­ve­ro una svol­ta. Altri­men­ti gli elet­to­ri vedo­no solo una con­ti­nui­tà… con i risul­ta­ti che sono sot­to gli occhi di tut­ti”. Lo dichia­ra la segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, Bea­tri­ce Bri­gno­ne.

“L’e­ven­tua­le no al memo­ran­dum con la Libia — aggiun­ge Bri­gno­ne — sareb­be un segna­le impor­tan­te da un pun­to di vista poli­ti­co, dan­do il sen­so di un cam­bia­men­to rea­le nel­l’o­rien­ta­men­to del gover­no. Ma soprat­tut­to è una deci­sio­ne neces­sa­ria per evi­ta­re con l’I­ta­lia si ren­da cor­re­spon­sa­bi­le del­la vio­la­zio­ne dei dirit­ti uma­ni. È ormai noto che in quei cen­tri avven­go­no tor­tu­re, vio­len­ze e stupri”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.