#tendenzaClaire: pagate Robin Wright come Kevin Spacey

Robin Wright è pagata meno del suo collega maschio, come ha spiegato nel corso di un suo intervento a una serata di beneficienza. E noi ci schieriamo con lei: #tendenzaClaire.

Robin Wright è un’at­tri­ce note­vo­le, lo ha dimo­stra­to nel suo ruo­lo in For­re­st Gump mol­ti anni pri­ma di Hou­se of cards, la serie che le ha per­mes­so di mostrar­si nel­lo splen­do­re del­la sua matu­ri­tà arti­sti­ca e per­so­na­le, cosa che spes­so è nega­ta alle attri­ci (e que­sta sareb­be la pri­ma ingiustizia).

Il suo per­so­nag­gio, Clai­re Under­wood, non è cer­ta­men­te quel­lo di “moglie di”, e pas­se­reb­be sen­za affan­ni, caso più uni­co che raro, il test di Bech­del sul carat­te­re dei ruo­li fem­mi­ni­li nel­le rap­pre­sen­ta­zio­ni cine­ma­to­gra­fi­che, ma è piut­to­sto il geli­do e non meno dia­bo­li­co con­tral­ta­re del­l’i­strio­ni­co Frank Under­wood inter­pre­ta­to da Kevin Spacey.

Col pas­sa­re del­le sta­gio­ni, inol­tre, la sua par­te è cre­sciu­ta in spes­so­re e pro­fon­di­tà, dive­nen­do il vero car­di­ne del­la serie tra la fine del­la ter­za sta­gio­ne e la quar­ta, dove di fat­to domi­na la sce­na (e la tra­ma), oltre a esse­re regi­sta di nume­ro­si degli episodi.

Eppu­re, Robin Wright è paga­ta meno del suo col­le­ga maschio, come ha spie­ga­to nel cor­so di un suo inter­ven­to a una sera­ta di bene­fi­cen­za. Stia­mo par­lan­do di divi di Hol­ly­wood, e quin­di di per­so­ne che gua­da­gna­no in ogni caso cifre mol­to alte, e la cui vita è pri­vi­le­gia­ta rispet­to a quel­la di gran par­te del resto del mon­do. Ciò mal­gra­do, nem­me­no il jet set resi­ste alla dispa­ri­tà, e come si suol dire, come nel gran­de, così nel pic­co­lo, e la sua situa­zio­ne è quel­la di tut­te le don­ne, in ogni luo­go di lavo­ro, in ogni par­te del mondo.

Pos­si­bi­le è da tem­po impe­gna­ta — impe­gnata — nel soste­gno di una serie di pro­po­ste mira­te al rag­giun­gi­men­to del­la pari­tà fra i ses­si in mol­ti ambi­ti, dal­la pari retri­bu­zio­ne negli appal­ti pub­bli­ci alla pari spe­sa, ovve­ro alla pari­fi­ca­zio­ne del prez­zo di pro­dot­ti che, sep­pur iden­ti­ci, nel­la ver­sio­ne “fem­mi­ni­le” costa­no di più, dal rico­no­sci­men­to del pro­fes­sio­ni­smo spor­ti­vo alle atle­te, oggi incre­di­bil­men­te anco­ra nega­to, al supe­ra­men­to, per resta­re al mede­si­mo ambi­to, del­la dispa­ri­tà di ses­si nei pre­mi del­le com­pe­ti­zio­ni spor­ti­ve. Oltre ovvia­men­te alla nostra pro­po­sta sul­la Tam­pon tax, ini­zial­men­te tan­to irri­sa — incre­di­bil­men­te, anche da alcu­ne don­ne — e oggi sul­la coper­ti­na di Inter­na­zio­na­le sul­l’on­da di una cam­pa­gna globale.

Per tut­te que­ste ragio­ni, plau­dia­mo alla pre­sa di posi­zio­ne di Robin Wright, non faci­le con­si­de­ran­do l’am­bien­te di cui fa par­te, e all’i­dea che comun­que ognu­no e ognu­na abbia un suo ruo­lo — any sen­se — da por­ta­re avan­ti, per rag­giun­ge­re l’ob­biet­ti­vo di miglio­ra­re le cose. Nel­la sua lot­ta con Frank Under­wood, insom­ma, dichia­ria­mo sen­za dub­bio alcu­no la nostra #ten­den­za­Clai­re.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.