Nello sport italiano troppe discriminazioni tra uomini e donne

Le donne italiane per legge sono di fatto ai margini anche per quanto riguarda lo sport: in pochi sanno infatti che con la legge 91 del 1981 alle donne è impedito il professionismo sportivo.

Le don­ne ita­lia­ne per leg­ge sono di fat­to ai mar­gi­ni anche per quan­to riguar­da lo sport: in pochi san­no infat­ti che con la leg­ge 91 del 1981 alle don­ne è impe­di­to il pro­fes­sio­ni­smo spor­ti­vo. Que­sto vuol dire che indi­pen­den­te­men­te dal loro livel­lo tec­ni­co e ago­ni­sti­co e mal­gra­do il fat­to che lo sport sia per loro la pri­ma fon­te di red­di­to, le don­ne sono defi­ni­te ‘dilet­tan­ti’. Ciò impli­ca che nes­su­na atle­ta può gode­re di alcu­na tute­la occu­pa­zio­na­le, pre­vi­den­zia­le e di pro­te­zio­ne in caso di mater­ni­tà nono­stan­te le atle­te don­ne sia­no par­te inte­gran­te del siste­ma eco­no­mi­co del nostro Pae­se, in un set­to­re che pro­du­ce cir­ca il 3% del Pil. A que­sto si aggiun­ga che la pre­sen­za del­le don­ne nei ruo­li api­ca­li del­le fede­ra­zio­ni spor­ti­ve ita­lia­ne è bas­sis­si­ma: sono 45 le Fede­ra­zio­ni Spor­ti­ve nazio­na­li e a nes­su­na di que­ste vi è a capo una don­na, la pre­sen­za nei Con­si­gli Fede­ra­li è del 9% (60 don­ne su 670 mem­bri), e a oggi non è mai sta­ta elet­ta una pre­si­den­te don­na al Comi­ta­to Olim­pi­co Nazio­na­le Ita­lia­no. Per que­sto abbia­mo pre­sen­ta­to un’interrogazione al Pre­si­den­te del Con­si­glio al qua­le chie­dia­mo di chia­ri­re se sia a cono­scen­za del­la situa­zio­ne in cui ver­sa­no le don­ne atle­te con­si­de­ra­te ‘dilet­tan­ti’. In pro­spet­ti­va di una pos­si­bi­le can­di­da­tu­ra dell’Italia ad ospi­ta­re le Olim­pia­di del 2024 ci sem­bra neces­sa­rio scio­glie­re un nodo così deli­ca­to e met­te­re fine a qual­sia­si tipo di discri­mi­na­zio­ne.

Per que­sto sareb­be oppor­tu­no nomi­na­re un Mini­stro del­lo Sport e modi­fi­ca­re la leg­ge 91 del 1981 per attua­re una rea­le pari­tà tra le atle­te don­ne e gli atle­ti uomini.

Nel 2016 non sono tol­le­ra­bi­li que­ste dispa­ri­tà di trat­ta­men­to tra uomi­ni e don­ne che pra­ti­ca­no sport a livel­lo ago­ni­sti­co e lo sport nazio­na­le potreb­be esse­re un vola­no impor­tan­te per dif­fon­de­re a tut­ti i livel­li un mes­sag­gio di pari­tà di gene­re anco­ra trop­po debo­le nel nostro Paese.

Bea­tri­ce Brignone

Giu­sep­pe Civati

LEGGI IL TESTO DELL’INTERROGAZIONE PER LA PARITA’ DI GENERE NELLO SPORT

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.