Decreto Lorenzin: l’illusione dell’appropriatezza

Il decreto Lorenzin sta mettendo in luce, giorno dopo giorno, le sue molteplici lacune e i suoi aspetti negativi, minando inoltre la fiducia tra medico e paziente.

“Esa­mi­na­re meno, esa­mi­na­re tut­ti”, il prin­ci­pio alla base del con­cet­to di appro­pria­tez­za in cam­po sani­ta­rio sem­bra in fon­do voler rivi­si­ta­re il cele­bre mot­to del­la cam­pa­gna per le 35 ore.

Secon­do un cele­bre stu­dio pub­bli­ca­to nel mag­gio del 2012 sul New England Jour­nal of Medi­ci­ne, infat­ti, ben il 30% del­la spe­sa sani­ta­ria vie­ne desti­na­to a pre­sta­zio­ni che non por­ta­no alcun bene­fi­cio al pazien­te. Quin­di, se ne rica­va, inter­ve­ni­re sui cosid­det­ti “esa­mi inu­ti­li” è tan­to urgen­te quan­to neces­sa­rio, spe­cie in un perio­do di dif­fi­col­tà eco­no­mi­che come quel­lo che attra­ver­sa il nostro Paese.

Il Decre­to “Loren­zin” del 9 dicem­bre 2015, che trat­ta appun­to l’appropriatezza pre­scrit­ti­va, ha susci­ta­to però da un lato la pre­oc­cu­pa­zio­ne dei medi­ci, dall’altro la pro­te­sta dei cit­ta­di­ni. Allar­mi­smo? Inte­res­si lob­bi­sti­ci da par­te del­la clas­se medi­ca? A nostro avvi­so, no. La veri­tà è che il decre­to sta met­ten­do in luce, gior­no dopo gior­no, le sue mol­te­pli­ci lacu­ne e i suoi aspet­ti nega­ti­vi, minan­do inol­tre la fidu­cia tra medi­co e paziente.

Ciò che non con­vin­ce riguar­da tan­to la que­stio­ne dell’appropriatezza in sé, quan­to il qua­dro gene­ra­le orga­niz­za­ti­vo del nostro Siste­ma Sani­ta­rio Nazionale.

Se l’ap­pro­pria­tez­za è sicu­ra­men­te un fine da per­se­gui­re per l’ot­ti­miz­za­zio­ne del­le spe­se, per evi­ta­re esa­mi inu­ti­li ai pazien­ti, per accor­cia­re le liste d’at­te­sa, per orien­tar­si ver­so una medi­ci­na basa­ta sul­le evi­den­ze, que­sto decre­to di appro­pria­to ha ben poco:

  • L’appropriatezza in una medi­ci­na basa­ta sul­le evi­den­ze dovreb­be tene­re con­to dell’evidenza scien­ti­fi­ca, dell’esperienza del cli­ni­co e del­la pre­fe­ren­za del pazien­te. Ed è sem­pre bene ricor­da­re che se col sen­no di poi è faci­le sta­bi­li­re se una pre­sta­zio­ne sia appro­pria­ta o meno, mol­to più dif­fi­ci­le è far­lo nel momen­to in cui la deci­sio­ne cli­ni­ca vie­ne pre­sa. Que­sta non è che la pri­ma del­le prin­ci­pa­li obie­zio­ni che sono sta­te poste nel dibat­ti­to sull’appropriatezza che anco­ra divi­de la comu­ni­tà medica.
  • L’introduzione di una san­zio­ne pecu­nia­ria a cari­co del medi­co che non effet­tua una pre­scri­zio­ne appro­pria­ta, prov­ve­di­men­to attual­men­te sospe­so, è un meto­do che di cer­to non farà dimi­nui­re il nume­ro di esa­mi non neces­sa­ri pre­scrit­ti, anzi, andrà ad aumen­ta­re sola­men­te il feno­me­no del “dele­ga­re ad altri” la pre­scri­zio­ne, nel timo­re di san­zio­ni. Tut­to que­sto con un evi­den­te dan­no per il pazien­te che si tro­ve­rà spes­so a dover ricor­re­re a spe­cia­li­sti per otte­ne­re pre­scri­zio­ni che pri­ma pote­va effet­tua­re il MMG, que­sto anche per­ché alcu­ni esa­mi neces­si­ta­no da decre­to di pre­scri­zio­ne spe­cia­li­sti­ca: una visi­ta spe­cia­li­sti­ca cor­ri­spon­de ad un ulte­rio­re tic­ket da paga­re per il cit­ta­di­no, e viste le lun­ghe liste di atte­sa è un incen­ti­vo a ricor­re­re al pri­va­to, con un gran­de van­tag­gio per le assi­cu­ra­zio­ni. Il dover mag­gior­men­te ricor­re­re a spe­cia­li­sti non farà altro che aumen­ta­re le liste d’attesa e i costi per i cit­ta­di­ni a tut­to van­tag­gio del­le assi­cu­ra­zio­ni, le uni­che per cui que­sto decre­to pare appropriato.
  • Il decre­to non sem­bra chia­ri­re in manie­ra effi­ca­ce e pre­ci­sa i mec­ca­ni­smi di con­trol­lo e i prin­ci­pi alla base degli stessi.
  • Il mec­ca­ni­smo incer­to mes­so in atto risul­te­rà inol­tre in un aumen­to del­le ricet­te “bian­che” che i medi­ci di medi­ci­na gene­ra­le, nell’incertezza, pre­fe­ri­ran­no a quel­le del SSN. Que­sto por­te­rà a un’ennesima dispa­ri­tà di trat­ta­men­to, che in alcu­ni casi para­dos­sal­men­te andrà a svan­tag­gia­re il cit­ta­di­no con ricet­ta del SSN, che si tro­ve­rà a paga­re di più di quel­lo con ricet­ta bianca.

Pen­sa­re, poi, che il pro­ble­ma del­la gestio­ne eco­no­mi­ca del nostro Siste­ma Sani­ta­rio Nazio­na­le si risol­va inter­ve­nen­do uni­ca­men­te (e come abbia­mo visto in manie­ra già poco accu­ra­ta) sul­la que­stio­ne dell’appropriatezza, appa­re quan­to­me­no un’illusione.

La cre­scen­te spe­sa sani­ta­ria nei pae­si occi­den­ta­li ha tra le sue prin­ci­pa­li cau­se l’aumento dell’aspettativa di vita, e di con­se­guen­za l’aumento del­la popo­la­zio­ne affet­ta da una o più malat­tie cro­ni­che. E’ que­sta popo­la­zio­ne, il cui nume­ro è in costan­te cre­sci­ta, ad assor­bi­re la gran par­te del­le pre­scri­zio­ni medi­che. Ed è bene ricor­da­re che si trat­ta pro­prio del­le per­so­ne che mag­gior­men­te sof­fro­no i dis­ser­vi­zi di un Siste­ma Sani­ta­rio mal­fun­zio­nan­te, sof­fe­ren­za che si som­ma e mol­ti­pli­ca con le sof­fe­ren­ze dovu­te alle dise­gua­glian­ze sociali.

La pri­ma azio­ne, a nostro avvi­so, che andreb­be mes­sa in atto per rispon­de­re a que­sto qua­dro, è quel­la di raf­for­za­re e miglio­ra­re le cure pri­ma­rie, soprat­tut­to negli aspet­ti rela­ti­vi al coor­di­na­men­to e con­ti­nui­tà del­le cure e del­la faci­li­tà nell’accesso ai servizi.

La secon­da riguar­da l’efficienza dei siste­mi infor­ma­ti­vi. Il coor­di­na­men­to dell’assistenza e la gestio­ne del­la spe­sa dipen­do­no mol­to dal poter dispor­re in tem­po rea­le di infor­ma­zio­ni accu­ra­te e aggior­na­te sul­la situa­zio­ne dei pazien­ti nel pun­to dove ven­go­no pre­se le decisioni.

Qua­lun­que inter­ven­to che non pren­da in con­si­de­ra­zio­ne que­sti aspet­ti non può che esse­re par­zia­le e scar­sa­men­te risolutivo.

Il decre­to Loren­zin è per­ciò l’ennesima rispo­sta insod­di­sfa­cen­te ai biso­gni di salu­te del­la popo­la­zio­ne e allo stes­so tem­po alla neces­si­tà di un miglior con­trol­lo e allo­ca­zio­ne del­la spe­sa sani­ta­ria, masche­ra­to da gran­de e rivo­lu­zio­na­rio inter­ven­to, come abi­tu­di­ne di que­sto governo.

Fosca Ben­ne

Franz Foti

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?