Possibile di nuovo sulla strada e nelle piazze. Contro le trivellazioni in mare

Ripartiamo con i nostri banchetti per fermare le trivellazioni in mare e proteggere le acque territoriali italiane. Dal Salento costeggiamo l’Italia minacciata dalle estrazioni di gas e petrolio in vista del referendum del 17 aprile. Il referendum taciuto dal governo e boicottato da Renzi.
Stampa

In que­sti gior­ni, ven­ti anni fa, un pull­man in par­ten­za per un viag­gio in Ita­lia stra­vol­se i pia­ni di una poli­ti­ca che viag­gia­va lun­go i bina­ri del­lo slo­gan e del­la tv. Era “il pull­man di Pro­di”, che por­ta­va il sim­bo­lo dell’Ulivo in tut­te le piaz­ze da nord a sud. Quel­la sta­gio­ne poli­ti­ca è dura­ta trop­po poco, e chi l’ha ere­di­ta­ta ne ha stra­vol­to il significato.

A ven­ti anni di distan­za con Pos­si­bi­le ci sia­mo rimes­si in viag­gio su un pul­mi­no Volk­swa­gen che ci accom­pa­gna dal­le cam­pa­gne refe­ren­da­rie, ai ban­chet­ti, fino al Road Show Pos­si­bi­le. Abbia­mo incon­tra­to per­so­ne delu­se, ragaz­ze e ragaz­zi entu­sia­sti, entu­sia­smi inaspettati.

Da oggi voglia­mo rimet­ter­ci in viag­gio per fer­ma­re le tri­vel­la­zio­ni in mare e pro­teg­ge­re le acque ter­ri­to­ria­li ita­lia­ne. Dal Salen­to costeg­gia­mo l’Italia minac­cia­ta dal­le estra­zio­ni di gas e petro­lio in vista del refe­ren­dum del 17 apri­le. Un refe­ren­dum taciu­to dal gover­no, boi­cot­ta­to da Renzi.

Il nostro viag­gio a tap­pe lun­go l’i­ti­ne­ra­rio dise­gna­to dai comi­ta­ti di Pos­si­bi­le, che stan­no ria­pren­do i ban­chet­ti (che non ave­va­no mai abban­do­na­to in real­tà) e si pre­pa­ra­no a inva­de­re le piaz­ze di tut­te le cit­tà, come già fat­to l’estate scor­sa quan­do rac­co­glie­va­no le fir­me sui que­si­ti refe­ren­da­ri, tra cui ben due con­tro le trivellazioni.

Voglia­mo por­ta­re a ter­mi­ne quel­la bat­ta­glia. Voglia­mo can­cel­la­re la nor­ma che con­sen­te alle socie­tà petro­li­fe­re di son­da­re i nostri mari ed estrar­re gas e petro­lio entro le 12 miglia dal­le coste ita­lia­ne, sen­za limi­ti di tem­po. Nono­stan­te, infat­ti, le socie­tà petro­li­fe­re non pos­sa­no più richie­de­re per il futu­ro nuo­ve con­ces­sio­ni per estrar­re in mare entro le 12 miglia, le ricer­che e le atti­vi­tà petro­li­fe­re già in cor­so non avreb­be­ro più sca­den­za certa.

Per tute­la­re defi­ni­ti­va­men­te i nostri mari dal­le atti­vi­tà petro­li­fe­re, occor­re vota­re “Sì” al refe­ren­dum. In que­sto modo, quel­le stes­se atti­vi­tà andran­no pro­gres­si­va­men­te a ces­sa­re, secon­do la sca­den­za “natu­ra­le” fis­sa­ta al momen­to del rila­scio del­le concessioni.

Il gover­no ha deci­so di non accor­pa­re ele­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve e voto refe­ren­da­rio spre­can­do oltre 360 milio­ni, nel­la spe­ran­za di impe­di­re il rag­giun­gi­men­to del quo­rum. Curio­so che lo fac­cia un gover­no che si auto­pro­cla­ma ere­de di quel pull­man con il sim­bo­lo dell’Ulivo sul­la scoc­ca. Quel­la poli­ti­ca vole­va incen­ti­va­re le ener­gie rin­no­va­bi­li e ren­de­re auto­no­mo que­sto pae­se dal pun­to di vista dell’energia.

Inve­ce que­sto gover­no si osti­na con le ener­gie fos­si­li, por­tan­do aven­ti un model­lo vec­chio e dan­no­so, che non por­ta alcun bene­fi­cio al Pae­se. Le sti­me dico­no che tut­to il petro­lio pre­sen­te nei fon­da­li del mare ita­lia­no baste­reb­be a copri­re solo 7 set­ti­ma­ne di fab­bi­so­gno ener­ge­ti­co, e quel­le di gas appe­na 6 mesi.

Per que­sto ci rimet­tia­mo in viag­gio con il nostro pul­mi­no Volk­swa­gen, per­ché la sta­gio­ne dell’impegno e la poli­ti­ca del­le pos­si­bi­li­tà non finisca.

Sul­la nostra pagi­na dedi­ca­ta le infor­ma­zio­ni uti­li e il mate­ria­le per la cam­pa­gna referendaria.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.