L’8 marzo è passato, ma noi continuiamo il 9, 10, 11, ogni giorno

Possibile è nato con l'obiettivo di portare avanti la battaglia per l'uguaglianza, in tutte le sue forme, tra cui quella più importante che chiamiamo da sempre "questione maschile". Sono molte le sue declinazioni e per ognuna di esse abbiamo una campagna o una proposta di legge. Perché le nostre proposte sono valide 365 giorni, quindi anche il 9, 10, 11, sempre. 8 Marzo Sempre.

Pos­si­bi­le è nato con l’o­biet­ti­vo di por­ta­re avan­ti la bat­ta­glia per l’u­gua­glian­za, in tut­te le sue for­me, tra cui quel­la più impor­tan­te che chia­mia­mo da sem­pre “que­stio­ne maschi­le” (non fem­mi­ni­le, per­ché in que­sto Pae­se i pro­ble­mi ce li han­no i maschi). Sono mol­te le sue decli­na­zio­ni: dal­la com­ple­ta e cor­ret­ta appli­ca­zio­ne del­la Leg­ge 194, alla pari­tà sala­ria­le; dal­la pari­tà di costo dei pro­dot­ti maschi­li e fem­mi­ni­li, all’a­bo­li­zio­ne del­l’an­ti­pa­ti­ca tam­pon tax. Per ognu­na di esse abbia­mo una cam­pa­gna o una pro­po­sta di leg­ge. Per­ché le nostre pro­po­ste sono vali­de 365 gior­ni, quin­di anche il 9, 10, 11, ogni gior­no. 8 Mar­zo Sem­pre.

8Marzo_Sempre_Legge194Possibile è per la piena applicazione della Legge 194. Per questo abbiamo depositato una proposta di legge con la quale vogliamo garantire che almeno il 50 per cento del personale sanitario e ausiliario degli enti ospedalieri e delle case di cura autorizzate sia non obiettore.
194: la piena applicazione è #possibile
 

 

 

 

 

8Marzo_Sempre_Legge194

“Sembra un’assurdità (e lo è) ma gli stessi prodotti se destinati alle donne costano più di quanto non costino agli uomini. In Uk si parla del 37% in più”, come ha scritto Giuseppe Civati, con il quale Possibile ha promosso la campagna #parispesa. Con l’occasione abbiamo chiesto (senza risposta) a Luciana Littizzetto di diventarne testimonial.
Pari spesa (assorbenti e non solo)

 

 

8Marzo_Sempre_Legge194Con Beatrice Brignone abbiamo presentato la proposta per istituire una commissione parlamentare per la libertà e la salvaguardia delle donne vittime di violenza e stalking.
La presentazione della proposta di legge

 

 

 

 

 

8Marzo_Sempre_Legge194 Giuseppe Civati ha già presentato la proposta di legge per superare la disparità retributiva tra donne e uomini. Vogliamo che tutte le medie e grandi aziende siano tenute a pubblicare, ogni anno, il confronto tra gli stipendi, a parità di mansione, che riguardano donne e uomini.
Parità salariale tra donne e uomini: la proposta di legge

 

 

 

 

8Marzo_Sempre_Legge194

Con Beatrice Brignone e Giuseppe Civati abbiamo presentato la Proposta di Legge “Tampon tax” perché gli assorbenti femminili siano equiparati a beni di prima necessità, con la conseguente riduzione dell’Iva su assorbenti igienici, tamponi, coppe e spugne mestruali.
Tampon Tax: la Proposta di legge di Possibile

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.