Possibile presenta la proposta di legge per una Commissione Parlamentare sul contrasto alla violenza di genere

La proposta a prima firma della deputata Beatrice Brignone, ha come obiettivo quello di istituire un'apposita Commissione parlamentare bicamerale al fine di analizzare in tutto il territorio nazionale le attività e il funzionamento dei Centri Antiviolenza, dei Servizi Sociali preposti alla tutela delle donne vittime di violenza, delle Associazioni, degli Istituti e degli Enti protetti cui sono affidate donne con figli minori.

La vio­len­za di gene­re va con­tra­sta­ta con poli­ti­che chia­re, a par­ti­re dal­le isti­tu­zio­ni: è per que­sto che Pos­si­bi­le pre­sen­ta la pro­po­sta di leg­ge per isti­tui­re una Com­mis­sio­ne Par­la­men­ta­re di indi­riz­zo, vigi­lan­za e con­trol­lo sul con­tra­sto alla vio­len­za di gene­re e per la liber­tà e sal­va­guar­dia dei dirit­ti del­le don­ne vit­ti­me di mal­trat­ta­men­ti e stal­king.

La pro­po­sta a pri­ma fir­ma del­la depu­ta­ta Bea­tri­ce Bri­gno­ne, ha come obiet­ti­vo quel­lo di isti­tui­re un’ap­po­si­ta Com­mis­sio­ne  par­la­men­ta­re bica­me­ra­le al fine di ana­liz­za­re in tut­to il ter­ri­to­rio nazio­na­le le atti­vi­tà e il fun­zio­na­men­to dei Cen­tri Anti­vio­len­za, dei Ser­vi­zi Socia­li pre­po­sti alla tute­la del­le don­ne vit­ti­me di vio­len­za, del­le Asso­cia­zio­ni, degli Isti­tu­ti e degli Enti pro­tet­ti cui sono affi­da­te don­ne con figli minori.

Sco­po del­la Com­mis­sio­ne è inol­tre quel­lo di indi­vi­dua­re le lacu­ne legi­sla­ti­ve a livel­lo nazio­na­le che non per­met­to­no l’arrestarsi dei feno­me­ni di vio­len­za di gene­re e che inve­ce con­ti­nua­no a esse­re in aumen­to. Le cro­na­che del­le ulti­me set­ti­ma­ne, con 9 fem­mi­ni­ci­di nel solo mese di gen­na­io 2016, par­la­no chia­ro: occor­re un inter­ven­to mira­to e coor­di­na­to da par­te del Par­la­men­to per inver­ti­re una ten­den­za dram­ma­ti­ca che vede anco­ra mori­re una don­na ogni tre gior­ni per mano del compagno.

L’Italia pur aven­do rati­fi­ca­to la con­ven­zio­ne di Istan­bul è in for­te ritar­do, in par­ti­co­la­re rispet­to agli altri Pae­si euro­pei, sul­le poli­ti­che di con­tra­sto alla vio­len­za in essa pre­vi­ste. La man­can­za di una Mini­stra per le pari oppor­tu­ni­tà e quel­la di un sot­to­se­gre­ta­rio con dele­ga alle poli­ti­che di gene­re non fan­no che aumen­ta­re l’urgenza di una Com­mis­sio­ne di que­sto tipo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.