Solito Cinema Pensioni d’Oro

Ritornano, ad ogni fine estate, le Pensioni d’Oro. Come certi film messi in onda a colmare i buchi del palinsesto. Film visti per l’ennesima volta. Ma si tratta pur sempre dello stesso antico e amato terreno di dispute televisive sul quale esibire la forza muscolare del governo, perché rinunciarvi?

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Ritor­na­no, ad ogni fine esta­te, le Pen­sio­ni d’Oro. Come cer­ti film mes­si in onda a col­ma­re i buchi del palin­se­sto. Film visti per l’ennesima vol­ta. Ma si trat­ta pur sem­pre del­lo stes­so anti­co e ama­to ter­re­no di dispu­te tele­vi­si­ve sul qua­le esi­bi­re la for­za musco­la­re del gover­no, per­ché rinunciarvi?

Pec­ca­to che il pri­mo eser­ci­zio al tra­pe­zio dell’equità del siste­ma pen­sio­ni­sti­co è dram­ma­ti­ca­men­te fal­li­to, al pun­to che ora i pro­di fir­ma­ta­ri del dise­gno di leg­ge — l’Atto Came­ra n. 1071 — ossia D’Uva, capo­grup­po alla Came­ra del Movi­men­to 5 Stel­le, e Moli­na­ri, capo­grup­po Lega, si ritro­va­no improv­vi­sa­men­te su spon­de oppo­ste.

La fret­ta di sfer­ra­re il col­po deci­si­vo alla plu­to­cra­ti­ca ban­da di pen­sio­na­ti che usur­pa l’italico popo­lo ha pro­dot­to un testo che — in ambien­ti leghi­sti — è rite­nu­to per­si­no peg­gio­re del­la Leg­ge For­ne­ro. Il per­ché è pre­sto det­to: la nor­ma così scrit­ta col­pi­reb­be gli asse­gni sopra 4 mila euro con una pena­liz­za­zio­ne cal­co­la­ta in misu­ra diret­ta­men­te pro­por­zio­na­le al nume­ro di anni di anti­ci­po rispet­to all’età ana­gra­fi­ca pen­sio­na­bi­le. La decur­ta­zio­ne degli asse­gni vale anche per colo­ro che han­no matu­ra­to l’anzianità con­tri­bu­ti­va pre­vi­sta dal­la leg­ge in vigo­re. Insom­ma, l’elettorato di rife­ri­men­to del­la Lega, che cer­ta­men­te anno­ve­ra pen­sio­na­ti con cospi­cui asse­gni matu­ra­ti dopo anni di lavo­ro nell’azienda di fami­glia, non gra­di­reb­be affatto.

Capi­ta l’antifona, i leghi­sti han­no spin­to il gover­no a dirot­ta­re sul­la mode­sta e abu­sa­ta for­mu­la del con­tri­bu­to di soli­da­rie­tà. Un’arma che, per esse­re effi­ca­ce rispet­to agli obiet­ti­vi di cas­sa del gover­no, deve esse­re pun­ta­ta mol­to in bas­so — direm­mo alle cavi­glie — all’incirca a par­ti­re da 2 mila euro lor­di al mese. Si mira non più alle sole pen­sio­ni d’oro ma anche a quel­le d’argento o di lat­ta che dir si voglia.

Eppu­re la recen­te sto­ria avreb­be dovu­to sug­ge­ri­re un più mite approc­cio. A sal­ta­re in grop­pa all’Oca del­le Pen­sio­ni d’Oro fu per pri­mo il mini­stro Tre­mon­ti, nel 2011: il suo con­tri­bu­to di pere­qua­zio­ne vale­va per gli asse­gni supe­rio­ri a 90mila euro e sta­bi­li­va pre­lie­vi con un cer­to gra­do di pro­gres­si­vi­tà. Ini­zial­men­te gli sca­glio­ni era­no solo due (5% da 90 mila fino a 150 mila; 10% oltre a 150 mila), poi diven­ta­ro­no tre alla fine del 2011 (15% oltre i 200 mila). La nor­ma ven­ne impu­gna­ta da un magi­stra­to, ex Pre­si­den­te del­la Cor­te dei con­ti, in quie­scen­za dal 2007, è fu dichia­ra­ta inco­sti­tu­zio­na­le.

Miglior for­tu­na han­no avu­to i ten­ta­ti­vi del gover­no Let­ta. La nor­ma sul pre­lie­vo pere­qua­ti­vo, ven­ne ripri­sti­na­ta con la Leg­ge di Sta­bi­li­tà 2014, ed è rima­sta in vigo­re fino al 31 Dicem­bre 2017. Il con­tri­bu­to di soli­da­rie­tà pre­ve­de­va un’aliquota del 6% sugli asse­gni supe­rio­ri a 14 vol­te il trat­ta­men­to mini­mo (TM, nel 2013 era sta­to fis­sa­to a 495,43 euro) e fino a ven­ti vol­te il TM, del 12% tra ven­ti e tren­ta vol­te il TM, e del 18% per trat­ta­men­ti supe­rio­ri a tren­ta vol­te. Vi era inol­tre un ulte­rio­re con­tri­bu­to di soli­da­rie­tà su tut­ti i red­di­ti supe­rio­ri ai 300 mila euro (art. 2 com­ma 2 D.L. 138/2011 – ali­quo­ta del 3%) pro­ro­ga­to dal gover­no Let­ta sino alla fine del 2017 e lascia­to deca­de­re da Gentiloni.

Men­tre il con­tri­bu­to del 3% è sem­pre sta­to appli­ca­to alla gene­ra­li­tà dei con­tri­buen­ti — non solo alla cate­go­ria dei pen­sio­na­ti —  ed è per que­sta ragio­ne immu­ne alle azio­ni cau­te­la­ti­ve del­le par­ti inte­res­sa­te, la per­si­sten­za del pre­lie­vo pere­qua­ti­vo nel­la for­mu­la­zio­ne del gover­no Let­ta è dovu­ta al rispet­to di due essen­zia­li cri­te­ri (frut­to del­la giu­ri­spru­den­za deli­nea­ta dal­le sen­ten­ze del­la Con­sul­ta): la tem­po­ra­nei­tà e la sua carat­te­riz­za­zio­ne come tri­bu­to di soli­da­rie­tà. D’altronde, il red­di­to da pen­sio­ne è retri­bu­zio­ne dif­fe­ri­ta, per­tan­to non ha natu­ra diver­sa dagli altri red­di­ti; il pre­lie­vo cir­co­scrit­to alla sola cate­go­ria dei pen­sio­na­ti, pur d’oro, si carat­te­riz­ze­reb­be per irra­gio­ne­vo­lez­za ed arbi­tra­rie­tà.

Se si trat­te­rà nuo­va­men­te di un simi­le tri­bu­to, sarà anco­ra una misu­ra tam­po­ne, prov­vi­so­ria e di scar­so appor­to per i con­ti pub­bli­ci, a meno di non col­pi­re alle cavi­glie, come det­to: già Cot­ta­rel­li, nel 2014, ave­va pre­vi­sto che si sareb­be­ro dovu­ti col­pi­re ben 2,5 milio­ni di pen­sio­na­ti per otte­ne­re un get­ti­to signi­fi­ca­ti­vo, esten­den­do la pla­tea ben al di là dei pen­sio­na­ti d’oro e gene­ran­do qua­si cer­ta­men­te altri effet­ti distor­si­vi in ter­mi­ni di equi­tà del­la tas­sa­zio­ne. Cer­ta­men­te non si risol­ve l’anno­so pro­ble­ma del­le ‘pen­sio­ni d’oro’ — o per meglio dire, dell’equità all’interno del siste­ma pen­sio­ni­sti­co. Tut­ta­via, è curio­so che i fau­to­ri del­la mini-Flat Tax, del­la cosid­det­ta pace fisca­le, si ridu­ca­no ad intro­dur­re un nuo­vo bal­zel­lo, alla stre­gua di un Mon­ti o di un Let­ta qualsiasi.

Ovvia­men­te abbia­mo un sug­ge­ri­men­to, che cer­ta­men­te non ver­rà ascol­ta­to: la miglior via per resti­tui­re equi­tà è quel­la di agi­re dal lato dell’imposta sul red­di­to riba­den­do il cri­te­rio di pro­gres­si­vi­tà pre­vi­sto dall’articolo 53 del­la Costi­tu­zio­ne attra­ver­so il ritoc­co del­la cur­va del­le ali­quo­te. Al posto del­la Flat Tax e dei pre­lie­vi postic­ci, noi di Pos­si­bi­le rilan­cia­mo la nostra Pro­gres­si­vi­tax: l’equità pri­ma di tut­to.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?