Progressività fiscale contro Flat Tax

Diciamolo a chiare lettere: flat tax è una dichiarazione di guerra alla società, al vivere comune. Significa accettare, anzi premiare, l’allocazione delle risorse come avvenuta nel molto poco libero scambio del mercato, una allocazione che divide in vincitori e vinti

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Se doves­si­mo misu­ra­re la pro­po­sta di rifor­ma fisca­le del Con­trat­to di Gover­no Gial­lo-Ver­de sul­la base del cri­te­rio del­la soste­ni­bi­li­tà, del­la pro­por­zio­na­li­tà (nel sen­so del rispet­to del­le pro­por­zio­ni), del­la equi­di­stri­bu­zio­ne, ebbe­ne, tut­ti e tre que­sti indi­ca­to­ri sareb­be­ro al di fuo­ri dell’ambito dell’accettabilità socia­le. Dicia­mo­lo a chia­re let­te­re: flat tax è una dichia­ra­zio­ne di guer­ra alla socie­tà, al vive­re comu­ne. È la rot­tu­ra del pat­to socia­le fra le dif­fe­ren­ti clas­si di red­di­to in cui sia­mo gio­co­for­za divi­si, è disor­di­ne. Signi­fi­ca accet­ta­re, anzi pre­mia­re, l’allocazione del­le risor­se come avve­nu­ta nel mol­to poco libe­ro scam­bio del mer­ca­to, una allo­ca­zio­ne che divi­de in vin­ci­to­ri e vin­ti, quei vin­ci­to­ri che sono sem­pre gli stes­si e si nutro­no e repli­ca­no sé mede­si­mi sul­la base del­le posi­zio­ni di van­tag­gio gua­da­gna­te nel cor­so del­le generazioni.

Stan­do ai dati del­la Ban­ca d’Italia (Inda­gi­ne sui bilan­ci del­le fami­glie ita­lia­ne — anno 2016, pub­bli­ca­to il 12 Mar­zo 2018), è nuo­va­men­te aumen­ta­to l’indice di Gini (33,5%) del­la misu­ra del­la disu­gua­glian­za nel­la distri­bu­zio­ne dei red­di­ti, «tor­na­ta in pros­si­mi­tà dei livel­li pre­va­len­ti alla fine degli anni novan­ta del seco­lo scor­so». È aumen­ta­ta anche «la quo­ta di indi­vi­dui a rischio di pover­tà, defi­ni­ti come quel­li che dispon­go­no di un red­di­to equi­va­len­te infe­rio­re al 60 per cen­to di quel­lo media­no. L’incidenza di que­sta con­di­zio­ne, che inte­res­sa per­lo­più le fami­glie gio­va­ni, del Mez­zo­gior­no o dei nati all’estero, è sali­ta al 23 per cento».

In uno sce­na­rio del gene­re, la paro­la chia­ve dovreb­be esse­re redi­stri­bu­zio­ne, non detas­sa­zio­ne. Lo dicia­mo da mesi. L’unica via per rilan­cia­re que­sta socie­tà è tor­na­re a figu­rar­si per quel­lo che si è, e noi — noi altri, noi che non sia­mo com­pre­si nel per­cen­ti­le più ric­co, ric­chis­si­mo e che la flat tax age­vo­le­reb­be parec­chio — sia­mo il 99%. Noi che sia­mo col­pi­ti dal­la fine del­la redi­stri­bu­zio­ne del siste­ma fisca­le ita­lia­no, sia­mo il 99%. Se non l’avete anco­ra capi­to, se anco­ra non è chia­ro, chi dice “flat tax” ci sta pun­tan­do il dito con­tro. Ci sta sot­traen­do la sani­tà pub­bli­ca e la scuo­la pub­bli­ca. Ci sta dicen­do che noi non ne abbia­mo dirit­to. È il momen­to di ren­der­se­ne conto.

La pro­po­sta di mag­gio­re pro­gres­si­vi­tà fisca­le, avan­za­ta lo scor­so anno nel nostro Mani­fe­sto, è vol­ta a ridur­re la pres­sio­ne fisca­le sui red­di­ti medio-bas­si ed impor­re un mag­gio­re tas­so di pro­gres­si­vi­tà sui red­di­ti più ele­va­ti. Voglia­mo redi­stri­bui­re get­ti­to ver­so gli inca­pienti, sen­za più peri­co­lo di rim­bor­si, taglian­do i con­tri­bu­ti. Ha addi­rit­tu­ra le coper­tu­re, la nostra pro­po­sta, e que­sto è senz’altro un fat­to rivo­lu­zio­na­rio.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?