Contratto di governo: che fine ha fatto l’ambiente?

L'ambiente, ancora una volta, è un capitolo. Un capitolo striminzito e tutto teorico: non ci sono numeri. Non ci sono date, non ci sono obiettivi quantificabili, non ci sono strumenti e non ci sono strategie

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Mi doman­do cosa stia­no pen­san­do i nume­ro­si elet­to­ri e mili­tan­ti ambien­ta­li­sti o sen­si­bi­li ai temi eco­lo­gi­sti che han­no river­sa­to ener­gie e spe­ran­ze nel Movi­men­to 5 stel­le, men­tre scor­ro­no la boz­za del #con­trat­to. Chis­sà se sono incre­du­li e delu­si, alme­no un cen­te­si­mo di quan­to quan­to sono arrab­bia­ta io.

La pri­ma cosa che sal­ta agli occhi è che l’am­bien­te, anco­ra una vol­ta, è un capi­to­lo. Un capi­to­lo stri­min­zi­to e tut­to teo­ri­co: non ci sono nume­ri. Non ci sono date, non ci sono obiet­ti­vi quan­ti­fi­ca­bi­li, non ci sono stru­men­ti e non ci sono stra­te­gie (e non si par­la nem­me­no di quel­li che ci sareb­be­ro già. Come la SEN già scrit­ta e anco­ra trop­po fos­si­le di Calen­da, come il pia­no per il Cli­ma e l’e­ner­gia al 2050, attual­men­te in costru­zio­ne, come gli obiet­ti­vi al 2030 in revi­sio­ne in Europa).

Approc­cio eco­lo­gi­sta e rivo­lu­zio­ne ver­de scom­pa­io­no nei capi­to­li chia­ve, come nel­le peg­gio­ri tra­di­zio­ni del­la poli­ti­ca ita­lia­na: né quan­do si par­la di lavo­ro, né quan­do si par­la di eco­no­mia, ricer­ca, turi­smo o di fisca­li­tà. Si rie­sce addi­rit­tu­ra a par­la­re di agri­col­tu­ra sen­za cita­re mini­ma­men­te del­l’im­pat­to del­l’a­gri­col­tu­ra indu­stria­le su bio­di­ver­si­tà e cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci; si par­la di pesca sen­za un accen­no alle con­di­zio­ni di fau­na e flo­ra mari­na, sot­to scac­co con­ti­nuo, a par­ti­re dal­la pla­sti­ca disper­sa in mare, che ben pre­sto supe­re­rà in quan­ti­tà quel­la dei pesci

L’am­bien­te tor­na a fare capo­li­no con la mobi­li­tà e i tra­spor­ti (anche qui, con prin­ci­pi con­di­vi­si­bi­li, ma in tota­le assen­za di obiet­ti­vi strin­gen­ti di alcun gene­re), nel­lo stes­so para­gra­fo in cui si pro­met­te di fini­re il ter­zo vali­co tal qua­le, men­tre la TAV inve­ce… pure (pri­ma no, poi boh, alla fine si).

Spa­ri­sce del tut­to l’i­dea di intro­dur­re la fisca­li­tà ambien­ta­le con la car­bon tax, e al suo posto, inve­ce, com­pa­re uno scon­to sul­le acci­se dei car­bu­ran­ti (che si tra­du­ce in un incen­ti­vo all’u­ti­liz­zo del­la mobi­li­tà pri­va­ta su gom­ma… Esat­ta­men­te il con­tra­rio di quel­li di cui ci sareb­be biso­gno, esat­ta­men­te il con­tra­rio del­la car­bon tax o del­la neces­sa­ria deco­stru­zio­ne del siste­ma di incen­ti­vi alle fos­si­li che in Ita­lia cuba 16 miliar­di di €/anno).

Si par­la di incen­ti­va­re e sta­bi­liz­za­re l’ef­fi­cien­za ener­ge­ti­ca, ma inve­ce si accet­ta lo sche­ma del­la flat tax, che gli eco­no­mi­sti del­la Lega asso­cia­no da sem­pre alla sospen­sio­ne dei mec­ca­ni­smi di cre­di­to d’im­po­sta, a par­ti­re dal­l’e­co-bonus e dai più nuo­vi e “poten­ti” stru­men­ti, vara­ti a fine 2016.

Si cita la que­stio­ne amian­to, pro­po­nen­do un po’ trop­po gene­ri­ca­men­te boni­fi­che, sem­pli­fi­ca­zio­ni e moni­to­rag­gi, dimen­ti­can­do di pro­get­ta­re l’in­di­vi­dua­zio­ne del­le risor­se da inve­sti­re, e le stra­de da per­cor­re­re (anche quan­do sareb­be­ro dav­ve­ro a por­ta­ta di mano, come ad esem­pio il ripri­sti­no degli extra-incen­ti­vi per chi boni­fi­ca un tet­to e pro­du­ce ener­gia puli­ta da foto­vol­tai­co, come chie­dia­mo da tem­po qui: change.org/bastaamianto).

Men­tre potreb­be piom­ba­re una maxi-mul­ta dal con­si­glio d’Eu­ro­pa per l’as­so­lu­ta ina­dem­pien­za del nostro Pae­se in rela­zio­ne alle diret­ti­ve sul­la qua­li­tà del­l’a­ria (che non c’è e che è la pri­ma tra le cau­se dei 90.000 morti/anno che l’or­ga­niz­za­zio­ne mon­dia­le del­la sani­tà asso­cia all’in­qui­na­men­to in Ita­lia), assi­stia­mo quin­di all’en­ne­si­mo rin­vio del­la rivo­lu­zio­ne di cui avrem­mo un incre­di­bi­le biso­gno, che avreb­be dovu­to esse­re ver­de… Sì. Ma non in sal­sa fascio-leghista.

Un rin­vio che non ci pos­sia­mo pro­prio più per­met­te­re, #PrimaDelDiluvio.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.