Progressività fiscale: basta maquillage, torniamo ai fondamenti

Mentre qualcuno che non l'ha fatto quando era al governo pensa a tagliare l’Irpef, noi abbiamo messo nero su bianco una proposta in grado di tagliare in maniera strutturale l’imposta sul reddito a 16,4 milioni di contribuenti (circa l’80% della platea dei lavoratori dipendenti). E che, se estesa ai lavoratori autonomi, amplierebbe la propria portata ad altri 3,9 milioni di contribuenti.

Dice il costi­tu­zio­na­li­sta che l’arti­co­lo 53 del­la Costi­tu­zio­ne sta­bi­li­sce il dove­re di tut­ti i cit­ta­di­ni di con­cor­re­re alle spe­se pub­bli­che in ragio­ne del­la loro capa­ci­tà con­tri­bu­ti­va, secon­do un siste­ma tri­bu­ta­rio infor­ma­to a cri­te­ri di pro­gres­si­vi­tà al fine di pro­dur­re effet­ti redi­stri­bu­ti­vi tra i consociati.

Men­tre qual­cu­no pen­sa a taglia­re l’Irpef (il mede­si­mo qual­cu­no che, quan­do era in pos­ses­so del­le facol­tà di gover­no, è inve­ce inter­ve­nu­to con prov­ve­di­men­ti del­la cosid­det­ta “lun­ga sta­gio­ne dei bonus”, cfr. Cor­rie­re del­la Sera), noi abbia­mo mes­so nero su bian­co una pro­po­sta in gra­do di taglia­re in manie­ra strut­tu­ra­le l’imposta sul red­di­to a 16,4 milio­ni di con­tri­buen­ti (cir­ca l’80% del­la pla­tea dei lavo­ra­to­ri dipen­den­ti). E che, se este­sa ai lavo­ra­to­ri auto­no­mi, amplie­reb­be la pro­pria por­ta­ta ad altri 3,9 milio­ni di contribuenti.

Con­si­de­ria­mo in pri­mis l’attuale strut­tu­ra dell’imposta sul red­di­to del lavo­ro dipen­den­te: è noto ai più come essa impli­chi una ecces­si­va pres­sio­ne fisca­le sui red­di­ti medio-bassi, prin­ci­pal­men­te a cau­sa del­la strut­tu­ra del­la detra­zio­ne e di un’aliquota, quel­la al 38 per cen­to, che si appli­ca a red­di­ti com­pre­si tra i 28mila e i 55mila euro lor­di. Per quan­to riguar­da i red­di­ti supe­rio­ri ai 55mila euro, assi­stia­mo poi a un sostan­zia­le appiat­ti­men­to del­la cur­va del­le ali­quo­te mar­gi­na­li, con un’a­li­quo­ta al 41 per cen­to sui red­di­ti com­pre­si tra i 55 e i 75mila euro ed una al 43 per cen­to per red­di­ti supe­rio­ri ai 75mila euro.

La detra­zio­ni inte­ra­gi­sco­no con que­sto tipo di strut­tu­ra del pre­lie­vo deter­mi­nan­do una rile­van­te distor­sio­ne tra gli 8 e i 55mila euro di red­di­to, lad­do­ve l’aliquota mar­gi­na­le si appiat­ti­sce sostan­zial­men­te su due livel­li, quel­lo nell’intorno del 30% e quel­lo intor­no al 40%. A soste­ni­to­ri del­la Flat Tax dicia­mo quin­di di sve­gliar­si: il loro pro­get­to è già in atto e da mol­to tem­po. In que­sto sce­na­rio di for­te detri­men­to del cri­te­rio del­la pro­gres­si­vi­tà fisca­le, si inse­ri­sce il fat­to­re Bonus 80 Euro sul qua­le non pos­sia­mo non ricor­da­re le paro­le del­la Cor­te dei con­ti (2014):

«Vi è sor­ta di limi­te socio­lo­gi­co e di psi­co­lo­gia socia­le a modi­fi­ca­re la strut­tu­ra dell’Irpef, in con­se­guen­za del­la rilut­tan­za del deci­so­re poli­ti­co nel pren­de­re deci­sio­ni di natu­ra tri­bu­ta­ria che non assu­ma­no il carat­te­re del bonus. Scel­te selet­ti­ve sono affi­da­te a stru­men­ti sur­ro­ga­ti ed improv­vi­sa­ti; misu­re fuo­ri del peri­me­tro del­l’Ir­pef ma che «ope­ra­no come l’Ir­pef intrec­cian­do­si con la stes­sa imposta».

E l’effetto del bonus 80 euro è anch’esso distor­si­vo, spe­cie per la fascia di red­di­to fra 24mila e 26mila, in cui l’aliquota mar­gi­na­le schiz­za in manie­ra irra­zio­na­le al 75–80% (vuol dire che per ogni euro in più gua­da­gna­to fra le due soglie, il pre­lie­vo fisca­le si atte­sta a cir­ca 80 centesimi!).

Que­sta, inve­ce, è la nostra proposta.

a) Comin­cia­mo dal­la detra­zio­ne: la nuo­va cur­va del­le detra­zio­ni che vi pro­po­nia­mo non è nuo­va, è l’ap­pli­ca­zio­ne del­la pro­po­sta di Bor­ri et altri (2014), pub­bli­ca­ta su lavoce.info ma sino­ra igno­ra­ta dal deci­so­re poli­ti­co, che prevede:

  1. i) una secon­da detra­zio­ne fis­sa rispet­to alla clas­se di red­di­to da 8mila a 15mila in sosti­tu­zio­ne del­le soglie di detra­zio­ne for­te­men­te decre­scen­ti in que­sto inter­val­lo di reddito.
  2. ii) Oltre i 15 mila euro, le detra­zio­ni si ridu­co­no linear­men­te, fino ad azze­rar­si per i red­di­ti oltre i 55 mila euro. Il costo sti­ma­to è pari a 3,3 miliar­di di euro.

b) Il secon­do inter­ven­to è vol­to ad atte­nua­re il bru­sco incre­men­to di ali­quo­ta nomi­na­le per red­di­ti supe­rio­ri ai 28 mila euro, per i qua­li l’a­li­quo­ta pas­sa dal 27 per cen­to al 38 per cen­to. In que­sto caso pro­po­nia­mo di por­ta­re l’a­li­quo­ta del 38 per cen­to al 35 per cen­to. Il costo sti­ma­to è di 2,1 miliar­di di euro.

c) Per con­tra­sta­re il gene­ra­le appiat­ti­men­to del­la cur­va del­l’a­li­quo­ta mar­gi­na­le effet­ti­va, inten­dia­mo rive­de­re le ali­quo­te nel sen­so di agi­re sull’1% più ric­co del­la pla­tea dei con­tri­buen­ti. Era il mot­to di Occu­py Wall Street (We are the 99%), qual­cu­no lo ricor­de­rà. A tal sco­po, pro­po­nia­mo l’introduzione di altri tre ulte­rio­ri sca­glio­ni di impo­sta sopra la clas­se di red­di­to di 75 mila euro, così defi­ni­ti: 45 per cen­to per i red­di­ti fra 75 mila e 120 mila euro; 50 per cen­to per i red­di­ti fra 120 mila e 300 mila euro, 55 per cen­to per i red­di­ti supe­rio­ri a 300 mila euro.

Qual­cu­no vi dirà: ecco il par­ti­to del­le tasse!

E inve­ce, stia­mo ai numeri.

Sono inte­res­sa­ti da ridu­zio­ni di impo­sta cir­ca 16,4 milio­ni di con­tri­buen­ti (80 per cen­to del tota­le, con uno sgra­vio medio di 483 euro), di cui 12 milio­ni col­lo­ca­ti nel­la fascia fra 10mila e 28mila euro (cir­ca il 60%).

Sono inte­res­sa­ti da aumen­ti di impo­sta solo 241mila con­tri­buen­ti con impo­ni­bi­le supe­rio­re a 100mila euro (1.2 per cen­to del tota­le), con un recu­pe­ro di get­ti­to pari a qua­si 1 miliar­do.

Com­ples­si­va­men­te rispar­mie­rem­mo ben 4 miliar­di rispet­to alla spe­sa attua­le fat­ta per gli 80 euro (che equi­va­le a cir­ca 8,6 miliardi).

Vor­rem­mo quin­di met­te­re fine alla dispa­ri­tà di trat­ta­men­to esi­sten­te tra lavo­ro subor­di­na­to e indi­pen­den­te e appli­ca­re la mede­si­ma detra­zio­ne e lo stes­so sche­ma di ali­quo­te alle due cate­go­rie red­di­tua­li (men­tre oggi non è così e la No Tax Area per gli indi­pen­den­ti ter­mi­na appe­na sopra i 5mila euro, con­tro gli 8mila dei dipen­den­ti): il risul­ta­to, come anti­ci­pa­to, vede l’estensione del­la ridu­zio­ne di impo­ste per altri 3,9 milio­ni di con­tri­buen­ti (sgra­vio medio 380 euro), per un costo aggiun­ti­vo di cir­ca 2 miliar­di di euro. In tota­le, il costo del­la rifor­ma che vi pre­sen­tia­mo non supe­ra i 6,5 miliar­di, cir­ca due miliar­di in meno del bonus 80 euro e coin­vol­gen­do una pla­tea più vasta.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.