Tulipano rosso – la sinistra olandese e le elezioni/2

Continuiamo il nostro viaggio nella sinistra olandese a ormai meno di un mese dalle elezioni per parlare della Groen Links (Sinistra Verde). La GroenLinks è stata fondata nel 1990. Il partito deriva dalla fusione tra il Partito Politico Radicale, il Partito Socialista Pacifista, il Partito Comunista d'Olanda e il Partito Popolare Evangelico. Al suo debutto parlamentare il partito ottenne 6 seggi. Successivamente il numero dei seggi ottenuti ha fluttuato tra 11 (1998) e il record negativo alle ultime elezioni di 4 seggi (2012). Gli ultimi sondaggi danno il partito in promettente rimonta tra 16 e 18 seggi (circa l’11% dei consensi elettorali).

Con­ti­nuia­mo il nostro viag­gio nel­la sini­stra olan­de­se a ormai meno di un mese dal­le ele­zio­ni per par­la­re del­la Groen Links (Sini­stra Ver­de). La Groen­Links è sta­ta fon­da­ta nel 1990. Il par­ti­to deri­va dal­la fusio­ne tra il Par­ti­to Poli­ti­co Radi­ca­le, il Par­ti­to Socia­li­sta Paci­fi­sta, il Par­ti­to Comu­ni­sta d’O­lan­da e il Par­ti­to Popo­la­re Evan­ge­li­co. Al suo debut­to par­la­men­ta­re il par­ti­to otten­ne 6 seg­gi. Suc­ces­si­va­men­te il nume­ro dei seg­gi otte­nu­ti ha flut­tua­to tra 11 (1998) e il record nega­ti­vo alle ulti­me ele­zio­ni di 4 seg­gi (2012). Gli ulti­mi son­dag­gi dan­no il par­ti­to in pro­met­ten­te rimon­ta tra 16 e 18 seg­gi (cir­ca l’11% dei con­sen­si elet­to­ra­li)[1].

Il suc­ces­so vie­ne da mol­ti ascrit­to all’in­no­va­ti­va cam­pa­gna elet­to­ra­le del­l’at­tua­le gio­va­ne lea­der del par­ti­to, Jes­se Kla­ver. Il 40% di un panel di esper­ti inter­pel­la­ti dal quo­ti­dia­no NRC Han­del­sblad ritie­ne in effet­ti che Kla­ver sia il più pro­ba­bi­le can­di­da­to a dive­ni­re il lea­der del­la sini­stra olan­de­se.[2] E’ cari­sma­ti­co e attrae l’at­ten­zio­ne dei media. Al dibat­ti­to tele­vi­si­vo di dome­ni­ca sera, Kla­ver ha sfi­da­to i labu­ri­sti a col­la­bo­ra­re a un gover­no sen­za i loro attua­li part­ner libe­ra­li di destra del VVD[3]. Appe­na 30 anni, nato da padre maroc­chi­no e madre ori­gi­na­ria del­le Indie olan­de­si, Kla­ver tie­ne ormai da alcu­ni mesi incon­tri pub­bli­ci (“meet-up”) in tut­ta l’O­lan­da, adot­tan­do la for­mu­la per­so­na­li­sti­ca (da mol­ti, non sen­za iro­nia, defi­ni­ta “oba­mia­na”) del­l’one-man show in tea­tri e pala­sport per comu­ni­ca­re il pro­gram­ma a mili­tan­ti e sim­pa­tiz­zan­ti. Cre­sciu­to in un allog­gio socia­le in un quar­tie­re di Rosen­daal, cit­tà del sud del­l’O­lan­da, Kla­ver uti­liz­za spes­so la sto­ria del­le sue ori­gi­ni mode­ste per par­la­re di quel­lo che è un suo pal­li­no, le pari oppor­tu­ni­tà nel­l’i­stru­zio­ne e la lot­ta alle dise­gua­glian­ze in gene­ra­le.

Kla­ver si for­ma poli­ti­ca­men­te come respon­sa­bi­le del­la sezio­ne gio­va­ni del sin­da­ca­to CNV di cui divie­ne pre­si­den­te nel 2008. La nomi­na di Jes­se Kla­ver a lea­der del par­ti­to è sta­ta una scel­ta con­sa­pe­vo­le del­la vec­chia lea­der­ship, un ten­ta­ti­vo di riscos­sa dal­la pesan­te scon­fit­ta elet­to­ra­le del 2012. Jes­se Kla­ver si è carat­te­riz­za­to sin dal­la sua nomi­na per un’in­ten­sa atti­vi­tà di comu­ni­ca­zio­ne cul­tu­ra­le anco­ra pri­ma che poli­ti­ca. Ha invi­ta­to Tho­mas Piket­ty a par­la­re al par­la­men­to. Nel 2015 ha pub­bli­ca­to e discus­so in nume­ro­si incon­tri in tut­to il pae­se (quan­do la cam­pa­gna elet­to­ra­le non era anco­ra acce­sa) un libro dal tito­lo “Il mito del­l’e­co­no­mi­ci­smo”[4]. In que­sto testo si pro­po­ne con for­za un “nuo­vo idea­li­smo” in un pae­se in cui la poli­ti­ca sem­bra ormai ten­de­re a ridur­re tut­te le deci­sio­ni a una que­stio­ne di con­ti e di cifre (in Olan­da l’a­na­li­si costi-bene­fi­ci e’ dif­fu­sa e appli­ca­ta per­va­si­va­men­te a tut­ti i cam­pi del­la vita poli­ti­ca e socia­le). L’e­co­no­mi­ci­smo por­te­reb­be a met­te­re in secon­do pia­no aspet­ti e valo­ri non misu­ra­bi­li, ma impor­tan­ti. Un esem­pio tipi­co è la scuo­la, dove la ten­den­za a misu­ra­re i risul­ta­ti con test di cal­co­lo e scrit­tu­ra ha por­ta­to a tra­scu­ra­re tut­te quel­le capa­ci­tà e mate­rie che non influi­sco­no su tali test. Inol­tre le scuo­le sono disin­cen­ti­va­te a occu­par­si degli alun­ni che riman­go­no indie­tro, per­ché sono pena­liz­za­te nei finan­zia­men­ti quan­do han­no alun­ni ripe­ten­ti. Con­si­de­ra­zio­ni simi­li val­go­no per la sani­tà, il lavo­ro, l’am­bien­te. Un esem­pio del carat­te­re para­dos­sa­le del­l’ap­proc­cio eco­no­mi­ci­sta ripor­ta­to da Jes­se Kla­ver nel suo libro è l’os­ser­va­zio­ne, appar­sa sul sito web del­l’i­sti­tu­to pub­bli­co di ricer­ca CPB nel 2015, che lo scio­gli­men­to del­la calot­ta arti­ca avreb­be offer­to buo­ne chan­ce di cre­sci­ta eco­no­mi­ca per l’O­lan­da. “Chi in nome del cie­lo può met­ter­si a cal­co­la­re i van­tag­gi del­lo scio­gli­men­to dei ghiac­ci? Sem­bra un pesce d’a­pri­le di cat­ti­vo gusto”, scri­ve Jes­se. Il libro oltre alla par­te cri­ti­ca ha anche un pars con­struens con alcu­ne linee di poli­ti­ca pub­bli­ca accom­pa­gna­te da pro­po­ste concrete:

  • “Demo­cra­tiz­za­zio­ne dei ser­vi­zi di for­ni­tu­ra ener­ge­ti­ca”: eli­mi­na­re il paga­men­to di tas­se sul­la ener­gia soste­ni­bi­le auto­pro­dot­ta e una tas­sa fis­sa basa­ta sul­la pro­du­zio­ne di CO2 anzi­ché sul con­su­mo di ener­gia, per incen­ti­va­re l’u­so del­le ener­gie rin­no­va­bi­li; incen­ti­vi a pro­get­ti indi­vi­dua­li e col­let­ti­vi di pro­du­zio­ne di ener­gia rin­no­va­bi­le; inve­sti­men­ti pub­bli­ci nel­le rin­no­va­bi­li sul­l’e­sem­pio del­l’E­ner­gie­fonds avvia­to ad Amster­dam dal­l’as­ses­so­re del­la Groen-Links Maar­ten van Poelgeest.
  • “La salu­te non è un pro­dot­to”: in Olan­da vige un siste­ma basa­to su assi­cu­ra­zio­ni sani­ta­rie pri­va­te e Groen Links non vuo­le ritor­na­re al siste­ma sani­ta­rio nazio­na­le pub­bli­co (come il Par­ti­to Socia­li­sta) per­ché ritie­ne che i costi e i tem­pi sareb­be­ro enor­mi, ma vuo­le ridur­re gli ele­men­ti mer­ca­ti­sti­ci nel siste­ma sti­mo­lan­do la coo­pe­ra­zio­ne anzi­ché la con­cor­ren­za tra i medi­ci e tra i ser­vi­zi e dan­do un ruo­lo al gover­no nel­l’ac­qui­sto di medi­ci­na­li al fine di con­tra­sta­re lo stra­po­te­re del­l’in­du­stria farmaceutica.
  • “Rim­pic­cio­li­re il set­to­re finan­zia­rio”: man­te­ne­re il con­trol­lo pub­bli­co sul­la ban­ca ABN Amro nazio­na­liz­za­ta negli anni pas­sa­ti in segui­to alla cri­si anzi­ché — come altri par­ti­ti vor­reb­be­ro — riman­dar­la in bor­sa il pri­ma pos­si­bi­le; sepa­ra­re ban­che d’af­fa­ri e ban­che commerciali.
  • “Il lavo­ra­to­re non è un arti­co­lo usa e get­ta”: meno fles­si­bi­li­tà e più sicu­rez­za nel mer­ca­to del lavo­ro; dare fidu­cia alle per­so­ne che riscuo­to­no un sus­si­dio (anzi­ché far­le ogget­to di con­ti­nui con­trol­li e sospet­to di fro­de) e dare più pos­si­bi­li­tà da fon­ti di gua­da­gno com­ple­men­ta­ri. Tra le altre cose, vie­ne soste­nu­to il pro­se­gui­men­to del­le spe­ri­men­ta­zio­ni del red­di­to di cit­ta­di­nan­za, in cui l’as­se­gno socia­le non è più con­di­zio­na­to da con­trol­li e obbli­ghi vari di ricer­ca lavo­ro (eli­mi­nan­do anche i costi del­la buro­cra­zia relativa).
  • “Nuo­va poli­ti­ca di livel­la­men­to”: tas­sa patri­mo­nia­le pro­gres­si­va e lot­ta all’e­lu­sio­ne fisca­le ponen­do fine ai pri­vi­le­gi accor­da­ti alle mul­ti­na­zio­na­li ma anche del­le azien­de in gene­ra­le, obbli­gan­do i soci di mag­gio­ran­za con ruo­li di mana­ge­ment ad attri­buir­si uno sti­pen­dio ade­gua­to (e tas­sa­bi­le) ridu­cen­do così la loro pos­si­bi­li­tà di accu­mu­la­re ric­chez­za asse­gnan­do­si solo pro­fit­ti (sog­get­ti a tas­sa­zio­ne in misu­ra minore).
  • “Lo svi­lup­po per­so­na­le deve tor­na­re al cen­tro nel­la scuo­la”: por­re fine alla cul­tu­ra dei test e dei cal­co­li nel siste­ma edu­ca­ti­vo. Valo­riz­za­re e rispet­ta­re le dif­fe­ren­ze indi­vi­dua­li. Pro­muo­ve­re anche abi­li­tà come l’au­to­ri­fles­sio­ne, la crea­ti­vi­tà, la per­se­ve­ran­za e la curiosità.

In que­sti due anni, la Groen Links si è inol­tre carat­te­riz­za­ta come il par­ti­to più aper­to e favo­re­vo­le all’ac­co­glien­za dei rifu­gia­ti, distin­guen­do­si dagli atteg­gia­men­ti più ambi­gui di altre for­ze di sini­stra come il Par­ti­to del Lavo­ro e il Par­ti­to Socia­li­sta. Ad esem­pio, ha pre­mu­to in par­la­men­to affin­ché l’O­lan­da ottem­pe­ras­se celer­men­te agli obbli­ghi assun­ti nel qua­dro dei pia­ni euro­pei di ricol­lo­ca­men­to dei rifugiati.

Con un pro­gram­ma fon­da­to su que­sti temi[5], ma tra­dot­ti in for­ma­to più popo­la­re non disde­gnan­do i clas­si­ci cli­ché comu­ni­ca­ti­vi da cam­pa­gna elet­to­ra­le (tot posti di lavo­ro, tot sol­di inve­sti­ti nell’assistenza, ecc.) la Groen Links si pre­sen­ta alle ele­zio­ni del 15 mar­zo. Il tut­to insie­me a un discor­so più gene­ra­le sul­la neces­si­tà di una socie­tà più “empa­ti­ca”, tema di un nuo­vo libro di Kla­ver[6], in cui si ridu­co­no le distan­ze e le divi­sio­ni socia­li che il lea­der del­la destra xeno­fo­ba Wil­ders, ma anche il pre­mier libe­ra­le Rut­te non smet­te­reb­be­ro di ali­men­ta­re. Nel­l’in­tro­du­zio­ne, si fa rife­ri­men­to a una scel­ta per “un’e­co­no­mia ver­de dove il benes­se­re è al pri­mo posto e il wel­fa­re è con­di­vi­so”, “una con­vi­ven­za in cui cia­scu­no par­te­ci­pa e ogni bam­bi­no rice­ve le oppor­tu­ni­tà che meri­ta”. E soprat­tut­to l’im­pe­gno ad affron­ta­re “la dise­gua­glian­za di red­di­to, risor­se e oppor­tu­ni­tà tra le persone”.

Infi­ne, nel suo pro­gram­ma la Groen Links fa un richia­mo espli­ci­to alla scel­ta per la coo­pe­ra­zio­ne al livel­lo euro­peo nel­la con­sa­pe­vo­lez­za che que­stio­ni come il riscal­da­men­to glo­ba­le, la qua­li­tà del­l’a­ria e del­l’ac­qua, l’e­qui­tà fisca­le, una giu­sta poli­ti­ca socia­le e un approc­cio uma­no al tema dei rifu­gia­ti vada­no affron­ta­ti insie­me dai diver­si pae­si. Anche que­sta, una pre­sa di posi­zio­ne non da poco in un pae­se dove i ven­ti del­la Nexit sof­fia­no ormai da mesi.

Comi­ta­to Ger­ma­nia e Olan­da Possibile

 

[1] A con­fron­to, il Par­ti­to del Lavo­ro è dato al 9% e il Par­ti­to Socia­li­sta all’8%, la Demo­cra­zia Cri­stia­na e il D66 all’11%, il VVD – Libe­ra­li di destra – al 16% e il PVV – par­ti­to di destra xeno­fo­ba – rima­ne sem­pre il pri­mo par­ti­to al 17%. Son­dag­gio del 26.2.2017 http://peilingwijzer.tomlouwerse.nl/

[2] https://deverkiezingswijzer.nl/2017/02/15/politiek-panel-klaver-kanshebber-links/

[3] http://www.dutchnews.nl/news/archives/2017/02/sober-leaders-debate-fails-to-produce-clear-rival-to-rutte/

[4] Jes­se Kla­ver, De mythe van het eco­no­mi­sme,. Plei­dooi voor nieuw idea­li­sme”. Amsterdam/Antwerpen, De Bezi­ge Bij, 2015.

[5] http://deverkiezingswijzer.nl/wp-content/uploads/2017/02/Verkiezingsprogramma-GroenLinks-2017–20213.pdf

[6] https://tijdvoor.groenlinks.nl/nieuws/de-empathische-samenleving

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.