A proposito di Sinistra: ma una battaglia contro i voucher, ad esempio?

Continuano a perdersi in rivoli inutili, ballottaggi da cui sono rimasti fuori, ma sulle vere battaglie per i lavoratori risultano "non pervenuti".

Io dav­ve­ro vor­rei capi­re. Sul serio. Met­ter­ci testa a costo di spac­car­me­la su que­sta sini­stra che s’imballa, si con­ta (e non con­ta) e con­ti­nua a per­der­si in deci­ne di rivo­li. Scot­ta anco­ra il delu­den­te risul­ta­to del­le ele­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve e men­tre ci si alam­bic­ca sui bal­lot­tag­gi (degli altri, ovvia­men­te) il Gover­no con­su­ma l’ennesimo spot sul­la macel­le­ria dei vou­cher. Basta leg­ge­re i nume­ri per capi­re che i vou­cher sono la bom­bo­nie­ra per­fet­ta del­la lati­tan­za poli­ti­ca a tute­la del lavo­ro: un Pae­se che accet­ta cosi som­mes­sa­men­te (se non addi­rit­tu­ra entu­sia­sti­ca­men­te) il fetic­cio del­la pre­ca­rie­tà come solu­zio­ne alla cri­si è un Pae­se arre­so. Lo sman­tel­la­men­to del siste­ma di garan­zie lavo­ra­ti­ve (di cui l’articolo 18 è sta­to solo una par­te, pur ecla­tan­te) ini­zia­to da Ber­lu­sco­ni e per­se­gui­to con cura dai gover­ni suc­ces­si­vi (fino all’apice Renzi).

La crescita esponenziale dei voucher

«A fron­te dell’obiettivo, più vol­te annun­cia­to dal Gover­no, — si leg­ge nel­le con­clu­sio­ni del­la sche­da ana­li­ti­ca di Danie­la Min­net­ti — di garan­ti­re una mag­gior sta­bi­liz­za­zio­ne con­trat­tua­le, le modi­fi­che appor­ta­te al lavo­ro acces­so­rio dal job act, in con­ti­nua­zio­ne con la Rifor­ma For­ne­ro, mostra­no nei fat­ti una ten­den­za oppo­sta»: si è pas­sa­ti da 353.985 vou­cher del 2012 al 1.392.906 dell’anno scor­so. Nume­ri e pro­por­zio­ni che non han­no biso­gno dell’occhio alle­na­to di un ana­li­sta per bal­za­re agli occhi e, anco­ra di più, basta guar­dar­si intor­no, tra la gen­te, per scor­ge­re miglia­ia di lavo­ra­to­ri ridot­ti a mesti pen­do­la­ri tra le diver­se prov­vi­so­rie­tà. Baste­reb­be sta­re in un tre­no, pren­de­re un bus per incon­tra­re qual­cu­no che ogni mat­ti­na spe­ra di dover­si inven­ta­re un pro­fes­sio­ne per qual­che deci­na di ore. I vou­cher sono il tro­feo del bor­ghe­se di ritor­no dal safa­ri: la pel­le di leo­ne di que­sti ulti­mi anni è uno schi­zo­fre­ni­ca­men­te occu­pa­to ammae­stra­to ad esser gra­to per qual­che spic­chio di diritti.

Lavoratori in leasing

I lavo­ra­to­ri (final­men­te, pen­se­rà qual­cu­no) sono com­par­se uti­li di sfon­do alla sce­na eco­no­mi­ca e socia­le. Nul­la di più: com­po­nen­ti uma­ne da inven­ta­ria­re insie­me agli arne­si e ai mac­chi­na­ri in lea­sing. Lavo­ra­to­ri in lea­sing sen­za nem­me­no l’obbligo di riscat­to con la maxi rata fina­le (come per le auto in offer­ta) ma addi­rit­tu­ra con l’assicurazione in omag­gio. Sem­bra qua­si natu­ra­le che il risul­ta­to a sini­stra sia una cata­stro­fe: non sono le ulti­me ele­zio­ni a dover allar­ma­re una clas­se diri­gen­te fal­li­men­ta­re ma que­sti moder­ni lavo­ra­to­ri diven­ta­ti car­pac­cio per lo spun­ti­no dell’impresa. Ave­te per­mes­so alla poli­ti­ca di rac­con­ta­re l’etica come un fasti­dio buro­cra­ti­co d’ostacolo all’impresa per poi agi­re di con­se­guen­za; altro che Roma o Tori­no, que­sta sini­stra ha per­so lì.

Contro i voucher, partiamo da qui

E men­tre la Fran­cia si bat­te (per una leg­ge non mol­to dis­si­mi­le) con i lavo­ra­to­ri pron­ti a diven­ta­re argi­ne qui stia­mo a discu­te­re se appa­ren­tar­ci o no con il ren­zia­no di tur­no? No, gra­zie. Gra­zie, no. C’è un cam­po da pre­si­dia­re e difen­de­re, c’è un ingan­no uni­ver­sa­le da sbri­cio­la­re e c’è un mon­do da difen­de­re. E lo fare­mo con tut­te le paro­le, con tut­te le azio­ni e con tut­te le nostre for­ze sen­za tener con­to di baro­net­ti deca­du­ti o dei soli­ti diri­gen­ti trop­po poco vigi­li. Qui. Par­tia­mo da qui.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.