#Abitipuliti: storie di migranti e lavoro minorile, parliamone

Il 12 giugno è la giornata internazionale contro lo sfruttamento del lavoro minorile, Possibile sostiene la campagna #abitipuliti, per il miglioramento delle condizioni nell'industria tessile globale e una maggiore consapevolezza.

Dome­ni­ca 12 giu­gno è la gior­na­ta inter­na­zio­na­le con­tro lo sfrut­ta­men­to del lavo­ro minorile:

“Il lavo­ro mino­ri­le non ha cit­ta­di­nan­za in mer­ca­ti fun­zio­nan­ti e ben rego­la­men­ta­ti o in nes­su­na filie­ra pro­dut­ti­va. I Sustai­na­ble Deve­lo­p­ment Goals han­no lan­cia­to il mes­sag­gio che dob­bia­mo agi­re con for­za per scon­fig­ger­lo una vol­ta per tut­te. Se agia­mo uni­ti, l’o­biet­ti­vo di crea­re un futu­ro sen­za lavo­ro mino­ri­le sarà alla nostra portata

(Guy Ryder, Diret­to­re Gene­ra­le dell’ Orga­niz­za­zio­ne Inter­na­zio­ne del Lavo­ro, agen­zia spe­cia­liz­za­ta del­le Nazio­ni Unite)

Pos­si­bi­le ha a cuo­re il mon­do del lavo­ro, l’acco­glien­za ai migran­ti e la soste­ni­bi­li­tà socio-eco­no­mi­ca e ambien­ta­le di lun­go perio­do. Ad un occhio poco atten­to, que­sti pos­so­no sem­bra­re argo­men­ti scol­le­ga­ti, e inve­ce sono pro­fon­da­men­te cor­re­la­ti tra loro. 

E il filo che li lega è il sus­se­guir­si del­le nostre scel­te indi­vi­dua­li, che si riflet­to­no in un modo di fare poli­ti­ca degno di una demo­cra­zia occi­den­ta­le avan­za­ta, real­tà che l’Italia dovreb­be ave­re l’ambizione di rappresentare. 

Ma la poli­ti­ca non basta: sono anche le deci­sio­ni che pren­dia­mo, sui nostri sti­li di vita e di con­su­mo, che pos­so­no con­tri­bui­re alla rea­liz­za­zio­ne del mon­do in cui vor­rem­mo vivere.

Si par­la quin­di di migran­ti, di lavo­ro e di sostenibilità.

Mol­tis­si­me sono le fami­glie che abban­do­na­no la Siria per tro­va­re rifu­gio in Euro­pa.

Per­so­ne che lascia­no i loro cari e le loro case sven­tra­te dal­le bom­be, per cer­ca­re di dare un futu­ro miglio­re ai pro­pri figli. 

Uomi­ni, don­ne e bam­bi­ni che sogna­no di rag­giun­ge­re la pace e rico­struir­si una vita che sia degna di que­sto nome. Ma nel loro viag­gio dispe­ra­to dal­la Siria all’Europa incon­tra­no la Turchia.

Il lavoro minorile in Turchia

La Tur­chia è uno dei mag­gio­ri espor­ta­to­ri di pro­dot­ti di abbi­glia­men­to in tut­ta Euro­pa. All’interno del­le sue fab­bri­che si ope­ra spes­so sen­za elet­tri­ci­tà, al di fuo­ri del­le linee gui­da trac­cia­te dal­le orga­niz­za­zio­ni inter­na­zio­na­li per la ridu­zio­ne dell’inquinamento ambien­ta­le, in assen­za di stru­men­ti che garan­ti­sca­no la sicu­rez­za dei lavo­ra­to­ri. Ope­rai sot­to­pa­ga­ti, sfrut­ta­ti, spes­so mino­ri.

Un bam­bi­no che lavo­ra per 12 ore vie­ne paga­to 5 Lire al gior­no (1,50 Euro), sei vol­te meno di un adul­to: in pra­ti­ca un uomo gua­da­gna in un gior­no la stes­sa cifra che un bim­bo rice­ve in una set­ti­ma­na. E tut­to que­sto dovreb­be esse­re rite­nu­to quan­to­me­no inaccettabile.

Quei vesti­ti sono figli del­lo sfrut­ta­men­to dei pro­fu­ghi che resta­no intrap­po­la­ti a un pas­so dal­le coste euro­pee. Bam­bi­ni che vor­reb­be­ro anda­re a scuo­la, stu­dia­re, gio­ca­re: come dovreb­be esse­re la vita di ognu­no di loro, e come è san­ci­to dal­la Dichia­ra­zio­ne Uni­ver­sa­le sui Dirit­ti dell’Infanzia. E inve­ce si tro­va­no le mani rico­per­te di col­la per scar­pe, oppu­re fini­sco­no som­mer­si da nuvo­le di sostan­ze tos­si­che usa­te per la lavo­ra­zio­ne dei tes­su­ti: “i bam­bi­ni blu”. 

sfruttamento lavoro minorileDal­la pun­ta­ta di Piaz­za Puli­ta del 23 mag­gio 2016.

La mano d’opera a bas­so costo così otte­nu­ta per­met­te di pro­dur­re scar­pe e vesti­ti che poi saran­no ven­du­ti sul­le ban­ca­rel­le dei nostri mer­ca­ti a 7–10 Euro, ma non solo. 

Sono capi di abbi­glia­men­to che ven­go­no distri­bui­ti nei nego­zi di gros­se cate­ne di abbi­glia­men­to che sub-appal­ta­no la pro­du­zio­ne a fab­bri­che che sfrut­ta­no la mano d’opera mino­ri­le. Sono alme­no 20 i mar­chi di gros­se case che ope­ra­no nel mer­ca­to del tes­si­le, che usu­frui­sco­no del lavo­ro svol­to da bam­bi­ni che spes­so non han­no nean­che 10 anni. 

È per que­sti moti­vi che Pos­si­bi­le sostie­ne la cam­pa­gna #abi­ti­pu­li­ti, sezio­ne ita­lia­na del­la Clean Clo­thes Cam­pai­gn. Una cam­pa­gna dedi­ca­ta al miglio­ra­men­to del­le con­di­zio­ni di lavo­ro nell’industria tes­si­le glo­ba­le, che pone al cen­tro del­la sua atti­vi­tà la mobi­li­ta­zio­ne su tema­ti­che spe­ci­fi­che e tra­sver­sa­li come il sala­rio digni­to­so, la salu­te e la sicu­rez­za, il rispet­to dei dirit­ti del lavo­ro nel­le filie­re pro­dut­ti­ve, il lavo­ro migran­te, e la sen­si­bi­liz­za­zio­ne e la mobi­li­ta­zio­ne dei consumatori. 

I con­su­ma­to­ri: per­ché mol­to dipen­de anche da noi, e dal­le nostre scel­te di con­su­mo. E se è vero che le cose pos­so­no cam­bia­re, dovrem­mo ini­zia­re a cam­biar­le par­ten­do dal­le nostre abi­tu­di­ni per pri­mi: dare il buon esem­pio e bat­ter­si per un mon­do che sia miglio­re di così. Anche quan­do si fa shopping.

Vero­ni­ca Gian­fal­do­ni e Ste­fa­nia Silva

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.