Oltre la finestra mediatica, l’Italia che non si rassegna

È uscito il nuovo libro di Marco Boschini, sulla «rivoluzione che si fa uscendo di casa», che cambiando piccole cose si può cambiare tanto.

Del­le vol­te, a guar­dar den­tro alla fine­stra media­ti­ca che ci con­net­te quo­ti­dia­na­men­te al mon­do in vetri­na, mi sem­bra di vive­re come den­tro ad una gran­de bol­la tra­spa­ren­te. Che mi sepa­ra dal­le cose con­cre­te, e mi met­te nel­la con­di­zio­ne poco invi­dia­bi­le (secon­do una cer­ta logi­ca) del “pove­ro illuso”.

Come sareb­be infat­ti pos­si­bi­le con­ti­nua­re a par­la­re di buo­ne pra­ti­che, cer­car­le e rac­con­tar­le da oltre un decen­nio, men­tre tut­to intor­no sem­bra venir giù un inte­ro pez­zo di mon­ta­gna in un tem­po che è il tem­po del con­ti­nuo affan­no, del­le cri­si sovrap­po­ste, del­le tra­ge­die annun­cia­te a reti unificate…?

Ma il pun­to di cesu­ra, cre­do, è pro­prio que­sto. Che basta get­ta­re lo sguar­do oltre quel­la fine­stra, per accor­ger­si facil­men­te che il pae­sag­gio intor­no a noi è (anche) altra cosa.
Che dav­ve­ro e per for­tu­na esi­ste un’altra Ita­lia in costru­zio­ne, come un len­to ma inar­re­sta­bi­le can­tie­re in dive­ni­re. Fat­to di cose con­cre­te, di con­ta­mi­na­zio­ni, di espe­rien­ze loca­li e tra­sver­sa­li che avven­go­no den­tro e fuo­ri le isti­tu­zio­ni per mano di (a vol­te) visio­na­ri e sogna­to­ri (i pove­ri illu­si di cui sopra), ma anche di inge­gne­ri e pro­fes­so­ri uni­ver­si­ta­ri, ope­rai e arti­gia­ni, stu­den­ti e coo­pe­ran­ti internazionali…

C’è di tut­to, e c’è il meglio, lì fuo­ri. Per­fet­ti­bi­le e imper­fet­to, come le cose che acca­do­no ogni gior­no alle per­so­ne nor­ma­li, come a chi fa poli­ti­ca met­ten­do al cen­tro del­la pro­pria azio­ne il bene comu­ne che è sem­pre e comun­que l’orizzonte a cui ten­de­re, costi quel che costi.
Ed è vero ed è bel­lo che sia così, che come sug­ge­ri­to nel sot­to­ti­to­lo di que­sto nuo­vo lavo­ro (“Le pan­chi­ne ribel­li”, EMI 2016 — www.emi.it) basta poco per cam­bia­re tut­to. Come nel caso del­la comu­ni­tà di Castel del Giu­di­ce (IS) in gra­do di tra­sfor­ma­re pro­ble­mi appa­ren­te­men­te insu­pe­ra­bi­li (abban­do­no resi­den­ti; chiu­su­ra pre­si­di pub­bli­ci, ter­re­ni ed edi­fi­ci in disu­so) in oppor­tu­ni­tà. O nel caso di Arva­ia, cen­ti­na­ia di fami­glie che alle por­te di Bolo­gna si met­to­no in gio­co per sot­trar­si dal ricat­to dei cen­tri com­mer­cia­li e far da sé nel­la pro­du­zio­ne di ciò che si mangia.
In que­sto libro ho mes­so pez­zi di sto­rie in cui sono inciam­pa­to nell’ultimo anno. Ci sono den­tro le fac­ce e le paro­le e le espe­rien­ze del­le tan­te per­so­ne che ho visto all’opera. E c’è tut­ta la fazio­si­tà di un cro­ni­sta di par­te come il sot­to­scrit­to, che fa un tifo sfe­ga­ta­to e dichia­ra­to per que­sto pez­zo d’Italia che non va in tele­vi­sio­ne, ma che l’Italia la sta già cam­bian­do. Un gior­no per volta.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.