Il tribunale di Milano dice che bisogna accogliere anche chi scappa dalla fame

Migranti economici o rifugiati? La questione è spinosa, la distinzione è difficile - a volte impossibile -, e spesso si presta a fini secondari, che non sono quelli della tutela delle persone e dei loro diritti.

Migran­ti eco­no­mi­ci o rifu­gia­ti? La que­stio­ne è spi­no­sa, la distin­zio­ne è dif­fi­ci­le — a vol­te impos­si­bi­le -, e spes­so si pre­sta a fini secon­da­ri, che non sono quel­li del­la tute­la del­le per­so­ne e dei loro dirit­ti. Per­ché se la distin­zio­ne è dif­fi­ci­le, al con­tra­rio è mol­to sem­pli­ce dif­fe­ren­zia­re a paro­le, rim­pol­pan­do la reto­ri­ca del­l’in­va­sio­ne, o dif­fe­ren­zia­re sul­la base del­la nazio­ne di pro­ve­nien­za, scor­dan­do­si che il dirit­to a rice­ve­re pro­te­zio­ne è un dirit­to indi­vi­dua­le, che non può esse­re lega­to a flus­si e nem­me­no alla pro­pria pro­ve­nien­za, ma deve tene­re con­to del­la con­di­zio­ne del sin­go­lo migran­te, dei rischi ai qua­li è espo­sto in patria, del viag­gio che ha com­piu­to, dei luo­ghi attra­ver­so i qua­li è tran­si­ta­to. Scap­pa­re da un pae­se in cui non ci sono con­flit­ti ma tra­scor­re­re un anno in una pri­gio­ne libi­ca solo per­ché si è clan­de­sti­ni è moti­vo suf­fi­cien­te per ave­re protezione?

La Con­ven­zio­ne di Gine­vra (1951) rico­no­sce lo sta­tus di rifu­gia­to a colui che:

nel giu­sti­fi­ca­to timo­re d’essere per­se­gui­ta­to per la sua raz­za, la sua reli­gio­ne, la sua cit­ta­di­nan­za, la sua appar­te­nen­za a un deter­mi­na­to grup­po socia­le o le sue opi­nio­ni poli­ti­che, si tro­va fuo­ri del­lo Sta­to di cui pos­sie­de la cit­ta­di­nan­za e non può o, per tale timo­re, non vuo­le doman­da­re la pro­te­zio­ne di det­to Stato.

La nostra Costi­tu­zio­ne (art. 10), inve­ce, crea una fat­ti­spe­cie mol­to più ampia:

Lo stra­nie­ro, al qua­le sia impe­di­to nel suo pae­se l’ef­fet­ti­vo eser­ci­zio del­le liber­tà demo­cra­ti­che garan­ti­te dal­la Costi­tu­zio­ne ita­lia­na, ha dirit­to d’a­si­lo nel ter­ri­to­rio del­la Repub­bli­ca, secon­do le con­di­zio­ni sta­bi­li­te dal­la legge.

Atten­zio­ne al par­ti­co­la­re: le liber­tà garan­ti­te dal­la nostra Costi­tu­zio­ne, non dal­la Costi­tu­zio­ne del­lo Sta­to di cui è cit­ta­di­no lo straniero.

La distin­zio­ne si è fat­ta ancor più dif­fi­ci­le nei gior­ni scor­si, quan­do la pri­ma sezio­ne civi­le del Tri­bu­na­le ordi­na­rio di Mila­no si è pro­nun­cia­ta rispet­to al ricor­so riguar­dan­te un dinie­go nel rico­no­sci­men­to del­lo sta­tus di rifu­gia­to a SWOBCR92S21Z317Z, un ragaz­zo nato in Gam­bia nel 1992.

Nel­l’or­di­nan­za il giu­di­ce, sostan­zial­men­te, con­fer­ma che a SWOBCR92S21Z317Z non si può rico­no­sce­re lo sta­tus di rifu­gia­to, non si può rico­no­sce­re la pro­te­zio­ne sus­si­dia­ria, non si può rico­no­sce­re dirit­to d’a­si­lo ex art. 10 del­la Costi­tu­zio­ne, ma che si può rico­no­sce­re la pro­te­zio­ne uma­ni­ta­ria.

Nel­l’af­fer­ma­re tale dirit­to, si fa rife­ri­men­to a una sen­ten­za del­la Cor­te di Cassazione:

“Con­di­zio­ne per il rila­scio di un per­mes­so di natu­ra uma­ni­ta­ria D.Lgs. n. 286 del 1998, ex art. 5, com­ma 6 è il rico­no­sci­men­to di una situa­zio­ne di vul­ne­ra­bi­li­tà da pro­teg­ge­re alla luce degli obbli­ghi costi­tu­zio­na­li ed inter­na­zio­na­li gra­van­ti sul­lo Sta­to italiano”.

E pro­se­gue:

Van­no esa­mi­na­ti i dirit­ti che più diret­ta­men­te inte­res­sa­no la sfe­ra per­so­na­le ed uma­na del ricor­ren­te e che più gra­ve­men­te rischia­no di esse­re com­pro­mes­si nel Pae­se di pro­ve­nien­za. Trat­ta­si del dirit­to alla salu­te e del dirit­to all’alimentazione […]. Appa­re inve­ro incon­fu­ta­bi­le che la com­pro­mis­sio­ne del dirit­to alla salu­te e del dirit­to all’alimentazione com­por­ta gra­vi situa­zio­ni di vul­ne­ra­bi­li­tà giu­ri­di­ca­men­te rile­van­ti quan­to al rico­no­sci­men­to del­la pro­te­zio­ne uma­ni­ta­ria […]. Si badi infat­ti che la salu­te e l’accesso all’alimentazione sono dirit­ti ina­lie­na­bi­li dell’individuo, appar­te­nen­ti all’uomo in quan­to tale, dal momen­to che deri­va­no dall’affermazione del più uni­ver­sa­le dirit­to alla vita ed all’integrità fisi­ca di cui rap­pre­sen­ta­no una del­le decli­na­zio­ni principali.

Dopo aver elen­ca­to gli obbli­ghi costi­tu­zio­na­li e inter­na­zio­na­li, e dopo aver for­ni­to dati sul­la situa­zio­ne eco­no­mi­ca e socia­le in cui ver­sa il Gam­bia, la con­clu­sio­ne è di una bana­li­tà qua­si rivo­lu­zio­na­ria:

E la pro­va che le con­di­zio­ni di vita del ricor­ren­te nel Pae­se di ori­gi­ne sono del tut­to ina­de­gua­te è in re ipsa. Appa­ri­reb­be infat­ti con­trad­dit­to­ria ed inve­ro­si­mi­le la scel­ta del ricor­ren­te di per­cor­re­re un viag­gio così tan­to lun­go, incer­to e rischio­so per la pro­pria vita, se nel Pae­se di ori­gi­ne godes­se di con­di­zio­ni di vita sopra la soglia di accet­ta­bi­li­tà ed adeguatezza.

La sen­ten­za inte­gra­le è dispo­ni­bi­le qui, la noti­zia inve­ce l’ho appre­sa tra­mi­te Meltingpot.org.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.