Siamo sicuri che sia uno “scudo” per i medici?

Gli orga­ni di infor­ma­zio­ne han­no dato noti­zia del­la immi­nen­te discus­sio­ne in com­mis­sio­ne Bilan­cio di un emen­da­men­to al decre­to Cura Ita­lia, che ha già rice­vu­to l’approvazione del Gover­no, defi­ni­to impro­pria­men­te “scu­do pena­le per i medi­ci” con rife­ri­men­to all’attuale emer­gen­za sani­ta­ria per Covid-19 in corso.

Una pri­ma, som­ma­ria, let­tu­ra dell’emendamento in que­stio­nefer­mo un prin­ci­pio di fon­do asso­lu­ta­men­te con­di­vi­si­bi­le, cioè tute­la­re il lavo­ro quo­ti­dia­no, la sere­ni­tà (per quan­to pos­si­bi­le), la futu­ra tran­quil­li­tà di chi sta rischian­do, e pur­trop­po anche dan­do, la vita per cura­re e sal­va­re le per­so­ne col­pi­te da coro­na­vi­rus, sol­le­va tut­ta­via mol­te per­ples­si­tà, di carat­te­re giu­ri­di­co e politico.

Va però det­to, anzi­tut­to, che la rile­van­za pena­le del­la nor­ma è mol­to limi­ta­ta.

L’emendamento limi­ta “per tut­ti gli even­ti avver­si che si sia­no veri­fi­ca­ti od abbia­no tro­va­to cau­sa duran­te l’emergenza epi­de­mio­lo­gi­ca COVID-19 di cui alla deli­be­ra del Con­si­glio dei Mini­stri 31 gen­na­io 2020” la puni­bi­li­tà pena­le ai soli casi di col­pa gra­ve, defi­ni­ta tale ove con­si­sta nel­la “macro­sco­pi­ca e ingiu­sti­fi­ca­ta vio­la­zio­ne dei prin­ci­pi basi­la­ri che rego­la­no la pro­fes­sio­ne sani­ta­ria o dei pro­to­col­li o pro­gram­mi emer­gen­zia­li even­tual­men­te pre­di­spo­sti per fron­teg­gia­re la situa­zio­ne in essere”.

Più arti­co­la­to, inve­ce, è lo “scu­do” di carat­te­re civi­li­sti­co, che copre non solo e non tan­to i medi­ci e gli ope­ra­to­ri sani­ta­ri, ma anche le strut­tu­re sani­ta­rie e socio sani­ta­rie pub­bli­che e pri­va­te, non­chè le figu­re tec­ni­che-ammi­ni­stra­ti­ve del ser­vi­zio sanitario.

Ovvia­men­te, di con­se­guen­za, lo scu­do copre anche le com­pa­gnie assi­cu­ra­ti­ve garan­ti dei sog­get­ti in questione.

Il rife­ri­men­to tem­po­ra­le e cau­sa­le è iden­ti­co a quel­lo pena­le, ma la coper­tu­ra di que­sti sog­get­ti riguar­da la respon­sa­bi­li­tà civi­le ed era­ria­le, del tut­to esclu­se eccet­to che per con­dot­te inten­zio­na­li (dolo), col­pa gra­ve (defi­ni­ta negli stes­si ter­mi­ni uti­liz­za­ti per la puni­bi­li­tà pena­le), o per “con­dot­te gestio­na­li o ammi­ni­stra­ti­ve poste in esse­re in pale­se vio­la­zio­ne dei prin­ci­pi basi­la­ri del­le pro­fes­sio­ni del Ser­vi­zio sani­ta­rio nazio­na­le in cui sia sta­to accer­ta­to il dolo del fun­zio­na­rio o dell’agente che le ha poste in esse­re o che vi ha dato esecuzione”.

Per tut­ti i casi di col­pa gra­ve, sia in ambi­to pena­le che civi­le, la stes­sa va valu­ta­ta con­si­de­ran­do “la pro­por­zio­ne tra le risor­se uma­ne e mate­ria­li dispo­ni­bi­li e il nume­ro di pazien­ti su cui è neces­sa­rio inter­ve­ni­re non­ché il carat­te­re ete­ro­ge­neo del­la pre­sta­zio­ne svol­ta in emer­gen­za rispet­to al livel­lo di espe­rien­za e di spe­cia­liz­za­zio­ne del sin­go­lo operatore”.

Un pri­mo enor­me pro­ble­ma, alla luce del­la for­mu­la­zio­ne dell’emendamento, riguar­da il suo ambi­to di appli­ca­zio­ne.

Così come è scrit­to, infat­ti, lo stes­so copre tut­ti i casi di respon­sa­bi­li­tà medi­ca che si sia­no veri­fi­ca­ti dopo il 31 gen­na­io 2020 e fino al 31 luglio 2020, cioè avve­nu­ti duran­te lo sta­to di emergenza.

Appa­re evi­den­te come tale for­mu­la­zio­ne copra anche erro­ri medi­ci che non han­no alcu­na atti­nen­za con l’emergenza sani­ta­ria.

Non si vede per­ché, soprat­tut­to dal pun­to di vista civi­li­sti­co, deb­ba esse­re limi­ta­ta la respon­sa­bi­li­tà per fat­ti che non han­no alcu­na atti­nen­za cau­sa­le con il COVID-19, per­ché avve­nu­ti ad esem­pio nel mese di feb­bra­io oppu­re anche suc­ces­si­va­men­te in zone non anco­ra col­pi­te o comun­que in repar­ti che non sono sta­ti inte­res­sa­ti, o non lo saran­no in futu­ro, dall’emergenza, anche per ope­ra­zio­ni avve­nu­te in cli­ni­che pri­va­te, del tut­to esclu­se al momen­to dall’emergenza se non per rico­ve­ri temporanei.

Va anche det­to che per tut­te le atti­vi­tà di carat­te­re stret­ta­men­te medi­co o assi­sten­zia­le, già la nor­ma­ti­va vigen­te pote­va esse­re suf­fi­cien­te ad esclu­de­re la respon­sa­bi­li­tà, se non per dolo o col­pa gra­ve, per tut­ti quei casi in cui fos­se pro­va­ta la sus­si­sten­za di con­di­zio­ni ecce­zio­na­li, che avreb­be­ro deter­mi­na­to l’applicabilità del­le esi­men­ti di carat­te­re generale.

Ma ben ven­ga la pre­ci­sa­zio­ne, sem­pre per i nostri ope­ra­to­ri sani­ta­ri che tan­to stan­no dan­do alla comunità.

Solo non si com­pren­de per­ché lo scu­do civi­li­sti­co sia este­so alle con­dot­te gestio­na­li o ammi­ni­stra­ti­ve, che appa­re, a ben vede­re, pro­prio alla luce del­la nor­ma­ti­va gene­ra­le, la vera novi­tà, e for­se il vero obiet­ti­vo, dell’emendamento.

Quin­di, da un lato il pazien­te anche per pato­lo­gia indi­pen­den­te dal virus, non ha alcu­na tute­la, di carat­te­re risar­ci­to­rio, per sei mesi, se non per casi di dolo o col­pa gra­ve, defi­ni­ta in modo mol­to restrit­ti­vo, ma non solo nei con­fron­ti diret­ti dei sani­ta­ri, ma in defi­ni­ti­va dell’intero ser­vi­zio sani­ta­rio nazio­na­le e del ser­vi­zio pri­va­to, e non solo per la respon­sa­bi­li­tà del­la strut­tu­ra con­se­guen­te all’errore del medi­co, ma anche per la respon­sa­bi­li­tà pro­pria, di carat­te­re gestio­na­le e amministrativa.

Non sarà troppo?

For­se sareb­be più equo limi­ta­re lo “scu­do” alla tute­la dei sani­ta­ri, alla loro sere­ni­tà nel­le dif­fi­col­tà attua­li, lascian­do tut­ta­via aper­ta la pos­si­bi­li­tà risar­ci­to­ria, alme­no da par­te del­le strut­tu­re sani­ta­rie pub­bli­che e pri­va­te, e del­le loro assi­cu­ra­zio­ni, sia per i fat­ti che non han­no atti­nen­za cau­sa­le, ma solo tem­po­ra­le, con l’emergenza sani­ta­ria, che per le respon­sa­bi­li­tà ammi­ni­stra­ti­ve e gestionali.

Allo sta­to e con que­sta for­mu­la­zio­ne, si potreb­be pen­sa­re che l’emergenza e i sacro­san­ti dirit­ti dei sani­ta­ri a poter ope­ra­re con la mas­si­ma sere­ni­tà (per quan­to pos­si­bi­le ovvia­men­te, date le cir­co­stan­ze) ven­ga­no “usa­ti”, anche media­ti­ca­men­te, in modo stru­men­ta­le per tute­la­re in modo tom­ba­le, sen­za alcu­na pos­si­bi­li­tà di valu­ta­zio­ne di meri­to, altri inte­res­si, che non sono ugual­men­te meri­te­vo­li di tute­la, a dan­no del cittadino.

Quan­to, inve­ce, ai dan­ni lega­ti all’emergenza, si potreb­be, fer­mo lo scu­do pena­le e civi­le per i sani­ta­ri, inter­ve­ni­re con una nor­ma­ti­va a carat­te­re inden­ni­ta­rio, sul­la fal­sa­ri­ga, ad esem­pio, del­la leg­ge 210/92 per i sog­get­ti dan­neg­gia­ti irre­ver­si­bil­men­te da com­pli­ca­zio­ni insor­te a cau­sa di vac­ci­na­zio­ni obbli­ga­to­rie, tra­sfu­sio­ni di san­gue e som­mi­ni­stra­zio­ne di emo­de­ri­va­ti, quan­do cioè il dan­no sus­si­ste ma è sta­to arre­ca­to in modo involontario.

Solo in que­sto modo la tute­la sareb­be uni­ver­sa­le ed equa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.