“Scuole Sicure”: la propaganda di Salvini contro la realtà della Scuola

#

In un Paese in cui la criminalità organizzata, lungi dall’essere sgominata, allunga sempre più i propri tentacoli sulle imprese, in cui la microcriminalità semina la paura fra i ceti più deboli e il fascismo rialza la testa, il Ministro dell’Interno ha evidentemente deciso che uno dei principali problemi di ordine pubblico è la scuola.

E’ di oggi, infatti, la sua firma sulla direttiva chiamata “Scuole Sicure”, riguardo alla diffusione della “droga” nella scuola.

2,5 milioni di euro dati alle scuole delle principali città italiane (da Roma a Milano, da Trieste a Palermo): una sparata propagandistica, che prevede di piazzare carabinieri e polizia davanti alle scuole in funzione antidroga, dove si rivela tutto il dilettantismo di Salvini: oltre che poco realizzabile da un punto di vista pratico, data la sproporzione tra organici delle forze dell’ordine e numero di scuole, la sua idea dimostra chiaramente che non conosce né la complessità del mondo della scuola né la fase delicata, a livello educativo e pedagogico, che si vive in quel periodo della vita.

Lo strumento migliore per gli scopi che intende perseguire è la prevenzione: uno strumento certamente di minor impatto propagandistico, ma riconosciuto da tutti come il principale e che si realizza attraverso informazioni puntuali e conoscenza esatta di cosa le droghe sono e dei loro effetti. Per fare ciò servono progetti mirati da finanziare con risorse adeguate, e un complesso e infaticabile lavoro educativo e sociale da parte di tutte le Agenzie educative coinvolte.

Il punto è che Salvini, ogni volta che dispensa i suoi progetti sulla scuola, sottolinea di farlo “da papà”. Ecco, per affrontare i problemi della scuola, che sono enormi e seri, non serve un papà, serve un Ministro dell’Istruzione, che ufficialmente c’è, ma tace o parla in modo del tutto generico dei problemi da risolvere.

I problemi veri della scuola, quelli che rappresentano le vere “emergenze”, sono altri, quelli che denunciamo ormai da mesi con la campagna #AllabaselaScuola (www.facebook.com/allabaselascuola): serve la riduzione del numero degli alunni per classe, servono spazi adatti a una didattica rinnovata e inclusiva, sicurezza, una seria edilizia scolastica. Se il governo vuole realizzare un piano per le “scuole sicure” probabilmente farebbe meglio a pensare ai 44 crolli all’anno che si registrano negli edifici scolastici in Italia e al 97% di scuole che avrebbero bisogno di  interventi di manutenzione (fonte Associazione Nazionale Presidi).

Sono questioni note a tutti e logico prerequisito per poter svolgere pienamente quel ruolo formativo, educativo, di prevenzione e perciò di sostegno e intervento efficace, rispetto a quel disagio giovanile che pare stare così a cuore al Ministro.

Le cui esternazioni nella migliore delle ipotesi distraggono dai problemi reali. E in realtà danneggiano, strumentalizzano e offendono chi nella scuola quotidianamente lavora.

 

  • 191
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati