Martedì a Milano, per la Costituzione e la Repubblica

Dal lan­cio del­la nostra peti­zio­ne per chie­de­re una mozio­ne di sfi­du­cia nei con­fron­ti di Mat­teo Sal­vi­ni, solo un mese fa, gli even­ti sem­bra­no pre­ci­pi­ta­re in una spi­ra­le da cui è più che mai neces­sa­rio uscire.

Il mini­stro dell’Interno ha pas­sa­to il mese di ago­sto in una con­ti­nua esca­la­tion di ten­sio­ne ver­ba­le e non solo, cul­mi­na­ta nel seque­stro di 177 dispe­ra­ti (tra cui mino­ri e per­so­ne in gra­vi con­di­zio­ni di salu­te) a bor­do del­la nave Diciot­ti del­la Guar­dia Costie­ra italiana.

Una situa­zio­ne di tale lesio­ne dei dirit­ti e del­le con­ven­zio­ni inter­na­zio­na­li, non­ché del­le nostre leg­gi e del­la nostra Costi­tu­zio­ne, che è dovu­ta inter­ve­ni­re la magi­stra­tu­ra, che ha aper­to un’indagine nei suoi confronti.

La rea­zio­ne di Sal­vi­ni, ancor­ché pre­ve­di­bi­le da una figu­ra come la sua, è inqua­li­fi­ca­bi­le per un mini­stro del­la Repub­bli­ca che ha giu­ra­to sul­la Costi­tu­zio­ne. L’attacco fron­ta­le ai magi­stra­ti, le con­ti­nue pro­vo­ca­zio­ni e minac­ce, il sen­tir­si al di sopra del­la leg­ge, sono atteg­gia­men­ti inde­gni che non pos­sia­mo sop­por­ta­re oltre.

Mar­te­dì Sal­vi­ni incon­tre­rà a Mila­no il pri­mo mini­stro unghe­re­se Vik­tor Orbán, espo­nen­te di spic­co dell’estrema destra euro­pea, fau­to­re di uno sti­le di gover­no xeno­fo­bo e auto­ri­ta­rio a cui cer­ta­men­te il nostro mini­stro dell’Interno (ma ormai pre­si­den­te del con­si­glio ombra, vista l’evanescenza del resto del gover­no a comin­cia­re pro­prio da Con­te) si ispira.

È quan­to mai impor­tan­te che chi ha in men­te un’Italia e un’Europa mol­to diver­sa da Sal­vi­ni e Orbán si fac­cia sen­ti­re e vede­re. Per que­sto, come già al por­to di Cata­nia la scor­sa set­ti­ma­na, mar­te­dì 28 alle 17 sare­mo in piaz­za San Babi­la, a Mila­no, per mani­fe­sta­re il nostro dis­sen­so, per la Costi­tu­zio­ne e la Repubblica.

Con noi saran­no in tan­te e tan­ti, da mon­di diver­si, acco­mu­na­ti dal desi­de­rio di far sen­ti­re un’altra voce, fuo­ri dal coro che imper­ver­sa su tut­ti i media nazio­na­li, gior­no dopo giorno.

È fon­da­men­ta­le che chiun­que pos­sa sia pre­sen­te, non lascia­mo loro l’illusione che il pae­se sia tut­to dal­la loro par­te. È la più gran­de di tut­te le loro bugie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.