#SaveAleppo: l’ultimo chilometro prima della chiusura della raccolta fondi

I civili siriani continuano a restare intrappolati sotto il fuoco incrociato delle varie forze in campo e a subire in prima persona le atroci sofferenze che la guerra comporta

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1508398526263{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]A dicem­bre del­lo scor­so anno, duran­te la fase più acu­ta del­la guer­ra in Siria, Pos­si­bi­le lan­ciò la cam­pa­gna #SaveA­lep­po, per con­ti­nua­re a tene­re alta l’attenzione sul­la cri­si uma­ni­ta­ria, sia attra­ver­so l’appello a pri­ma fir­ma di Sha­dy Hama­di che con una mobi­li­ta­zio­ne con­cre­ta, a soste­gno dei civi­li più vul­ne­ra­bi­li. Per que­sta ragio­ne ave­va­mo deci­so di riser­va­re uno spa­zio sul sito per la rac­col­ta fon­di, desti­na­ta al finan­zia­men­to di diver­si pro­get­ti di svi­lup­po a bene­fi­cio del­la popo­la­zio­ne siria­na e in par­ti­co­la­re dei bam­bi­ni. Fino­ra, sono due i pro­get­ti  (li tro­va­te qui) che han­no otte­nu­to i fon­di necessari.

Degli altri due pro­get­ti anco­ra aper­ti, il pri­mo era desti­na­to alla rico­stru­zio­ne del­le tuba­tu­re dell’orfa­no­tro­fio Dar al-Salam, sul con­fi­ne tur­co siria­no. All’inizio di luglio i respon­sa­bi­li dell’Orfanotrofio Dar al-Salam han­no deci­so di com­pie­re una scel­ta impor­tan­te, tra­sfe­ren­do­si in una nuo­va e più gran­de strut­tu­ra. Come vi rac­con­ta­va­mo, nel vec­chio sta­bi­le i bam­bi­ni non ave­va­no acces­so ad acqua cal­da e/o puli­ta, e i mal­fun­zio­na­men­ti nel siste­ma idrau­li­co com­pro­met­te­va­no la anche salu­bri­tà dell’ambiente, costan­te­men­te umi­do e ino­spi­ta­le, non­ché poten­zial­men­te pericoloso.

Dopo diver­si mesi di disa­gio Muham­mad e Manar han­no quin­di deci­so, non sen­za dub­bi e dif­fi­col­tà, di inve­sti­re le pro­prie ener­gie e risor­se per spo­sta­re l’orfanotrofio in uno sta­bi­le che fos­se in con­di­zio­ni miglio­ri, e che aves­se anche spa­zi più ido­nei ad una sere­na cre­sci­ta dei bam­bi­ni. Di lavo­ro da fare ce n’è tan­to, come ci rac­con­ta Muham­mad: le zone comu­ni van­no attrez­za­te e ade­gua­te ai biso­gni di un bam­bi­no, affin­ché si tra­sfor­mi­no in uno spa­zio ras­si­cu­ran­te, che pro­fu­mi di casa oltre con­fi­ne. Per­ché tan­ti altri bam­bi­ni insie­me alle loro madri le loro case le han­no dovu­te abban­do­na­re, in fuga da una guer­ra che ha fini­to per costrin­ger­li ad affron­ta­re un viag­gio pie­no di insidie.

Muham­mad spie­ga la deci­sio­ne e le dif­fi­col­tà in que­sto video­mes­sag­gio per Possibile:

L’altro pro­get­to che ave­va­mo scel­to di soste­ne­re pre­ve­de l’acqui­sto di pac­chi fami­glia diret­ta­men­te in loco, in Siria, tra­mi­te ONSUR, e distri­buir­li a fami­glie in par­ti­co­la­ri con­di­zio­ni di biso­gno. Nono­stan­te sia­no anni che la Siria muo­re len­ta­men­te, i civi­li con­ti­nua­no a resta­re intrap­po­la­ti sot­to il fuo­co incro­cia­to del­le varie for­ze in cam­po e a subi­re in pri­ma per­so­na le atro­ci sof­fe­ren­ze che la guer­ra com­por­ta. Amne­sty Inter­na­tio­nal denun­cia­va la cri­ti­ci­tà del­la situa­zio­ne nel­la cit­tà di Raq­qa già a fine ago­sto, quan­do il nume­ro di vit­ti­me con­ta­te dall’inizio dell’offensiva ripar­ti­ta il 6 giu­gno, era già oltre il miglia­io. Oggi la cit­tà è nuo­va­men­te sot­to i riflet­to­ri per la sua libe­ra­zio­ne; i pochi civi­li rima­sti stan­no venen­do eva­cua­ti, ma regna­no il caos, il ter­ro­re e la dispe­ra­zio­ne. Secon­do l’Osser­va­to­rio Siria­no per i Dirit­ti uma­ni, tra giu­gno e set­tem­bre 2017 i bom­bar­da­men­ti del­la Coa­li­zio­ne han­no ucci­so alme­no 1064 civi­li, tra cui 248 bam­bi­ni solo nel­la cit­tà di Raq­qa. Il tota­le dei civi­li che han­no per­so la vita dall’inizio del 2017 ammon­te­reb­be a 8115.

Ecco il mes­sag­gio di rin­gra­zia­men­to che ci ha invia­to Amer Dachan, Pre­si­den­te di Onsur Italia:

La cam­pa­gna di rac­col­ta fon­di ver­rà chiu­sa alla fine di que­sta set­ti­ma­na, e quan­to rac­col­to sarà nel più bre­ve tem­po pos­si­bi­le inte­ra­men­te desti­na­to a que­sti due pro­get­ti, per far sì che arri­vi un aiu­to con­cre­to. Pote­te par­te­ci­pa­re tra­mi­te la pagi­na dev.possibile.com/savealeppo.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.