Accesso all’acqua: prima condizione per costruire pace

Oggi, 22 marzo, è come ogni anno il WorldWaterDay, anche per ricordare che 1.8 milioni di persone al mondo non hanno accesso ad una fonte d’acqua sicura e potabile. Chi soffre maggiormente della mancanza di accesso all’acqua sono come sempre le persone più vulnerabili, tra cui rifugiati e sfollati.

Oggi, 22 mar­zo, è come ogni anno il World­Wa­ter­Day, anche per ricor­da­re che 1.8 milio­ni di per­so­ne al mon­do non han­no acces­so ad una fon­te d’acqua sicu­ra e potabile.

Chi sof­fre mag­gior­men­te del­la man­can­za di acces­so all’acqua sono come sem­pre le per­so­ne più vul­ne­ra­bi­li, tra cui rifu­gia­ti e sfollati. 

L’accesso all’acqua sicu­ra è un pro­ble­ma anche a Gazian­tep, cit­tà al con­fi­ne sud del­la Tur­chia, dove abbia­mo intrec­cia­to la nostra sto­ria con quel­la di cin­quan­ta bam­bi­ni orfa­ni che vivo­no all’orfa­no­tro­fio “Dar al-salam”, pro­fu­ghi del con­flit­to siria­no di cui vi abbia­mo già par­la­to. Sono solo cin­quan­ta dei cin­que­cen­to­mi­la pro­fu­ghi sira­ni che vivo­no a Gazian­tep e dei tre milio­ni che vivo­no in Tur­chia: rap­pre­sen­ta­no la par­te sfor­tu­na­ta di quel­la Siria che è sta­ta sra­di­ca­ta dal­la pro­pria ter­ra e sta cer­can­do di rimet­te­re radi­ci in un pae­se straniero.

Il pri­mo pro­ble­ma del­l’or­fa­no­tro­fio Dar al-Salam riguar­da l’im­pian­to a ener­gia sola­re. L’acqua per sco­pi sani­ta­ri — per lavar­si, per il lavag­gio del­le sto­vi­glie — è infat­ti riscal­da­ta attra­ver­so pan­nel­li sola­ri, che però sono obso­le­ti e non rie­sco­no a garan­ti­re il sod­di­sfa­ci­men­to di un biso­gno basi­la­re per tut­ti gli abi­tan­ti, pic­co­li e gran­di, del­la strut­tu­ra. I ser­ba­toi sono inol­tre dan­neg­gia­ti e gene­ra­no per­di­te d’ac­qua sul pavi­men­to del tet­to che, a cau­sa dei dan­ni subi­ti e del­la ina­de­gua­tez­za dei mate­ria­li, fil­tra­no attra­ver­so il sof­fit­to e le pare­ti del­la strut­tu­ra, ren­den­do gli ambien­ti estre­ma­men­te umi­di.

Il secon­do gran­de pro­ble­ma riguar­da il siste­ma idrau­li­co, in par­ti­co­la­re dell’ultimo pia­no, costrui­to in segui­to (e abu­si­va­men­te) all’e­di­fi­ca­zio­ne pri­ma­ria, dal pro­prie­ta­rio del palaz­zo. Tale costru­zio­ne è avve­nu­ta com­met­ten­do un erro­re nel­la rami­fi­ca­zio­ne e nel col­le­ga­men­to del­le tuba­tu­re per cui i bam­bi­ni e le mam­me che abi­ta­no que­sto pia­no non han­no acces­so, nean­che per quel poco che potreb­be­ro, all’acqua calda.

Sha­hi­ra ha ven­ti anni e vive su que­sto pia­no con le quat­tro sorel­le più pic­co­le. Sha­hi­ra mi rac­con­ta che ogni vol­ta che devo­no fare la doc­cia o han­no biso­gno di uti­liz­za­re il bagno, devo­no scen­de­re ai pia­ni infe­rio­ri e tro­va­re un bagno a dispo­si­zio­ne, non sem­pre faci­le in una strut­tu­ra che dispo­ne di tre bagni per cin­quan­ta per­so­ne. Spo­sta­men­ti che, come pos­sia­mo facil­men­te imma­gi­na­re, sono spes­so cau­sa di discus­sio­ni e malu­mo­ri tra i nuclei fami­lia­ri, com­po­sti prin­ci­pal­men­te da bambini.

Tut­ti gli impian­ti e i ser­vi­zi sono pie­ni di cre­pe, che cau­sa­no con­ti­nue per­di­te di acqua sia nei pia­ni che nel sot­ter­ra­neo, dove è pre­sen­te la zona cuci­na che ver­sa in una peren­ne situa­zio­ne di disa­gio. L’acqua goc­cio­la costan­te­men­te dal sof­fit­to ren­den­do i pavi­men­ti bagna­ti un peri­co­lo per i bambini.

Ci sono inol­tre mol­te cre­pe anche nei tubi del siste­ma di riscal­da­men­to che tra­sfe­ri­sco­no l’ac­qua cal­da dal­la prin­ci­pa­le mac­chi­na di riscal­da­men­to ai radia­to­ri distri­bui­ti tra i pia­ni dell’orfanotrofio.

La mag­gior par­te dei rubi­net­ti e dei misce­la­to­ri sono rot­ti e cau­sa­no costan­ti per­di­te di acqua pro­vo­can­do, oltre al disa­gio, un immen­so spre­co.

Il dirit­to all’acqua è un dirit­to lega­to a dop­pio filo con quel­lo a vive­re in un ambien­te salu­bre e ad ave­re acces­so a una ali­men­ta­zio­ne ade­gua­ta, non­ché a stan­dard di salu­te digni­to­si. A mag­gior ragio­ne quan­do si trat­ta di bam­bi­ni. Bam­bi­ni a cui è chie­sto di affron­ta­re con resi­lien­za il pas­sag­gio da una vita tran­quil­la nel pro­prio pae­se allo scap­pa­re da una guer­ra per la qua­le non han­no alcu­na col­pa. Bam­bi­ni a cui è sta­to impo­sto di per­de­re tut­to e dover rico­min­cia­re da zero, in un pae­se stra­nie­ro che li ha accol­ti ma che fati­ca a pren­der­si cura di loro e del loro per­cor­so di crescita.

In occa­sio­ne di que­sta gior­na­ta, ricor­dia­mo che il dirit­to all’acqua è un dirit­to anche di que­sti bam­bi­ni, lon­ta­ni dai riflet­to­ri e dimen­ti­ca­ti dal­le gran­di orga­niz­za­zio­ni internazionali.

Has­san ha 4 anni. Uscia­mo per anda­re al par­co e la mam­ma (è for­tu­na­to, sì, per­ché lui la mam­ma ce l’ha anco­ra) gli met­te orgo­glio­sa­men­te il ber­ret­to di Spi­der-man e un piu­mi­no blu. Has­san asso­mi­glia a qual­sia­si altro bam­bi­no di Gazian­tep, men­tre gio­ca nel par­co pub­bli­co vici­no all’orfanotrofio. La sof­fe­ren­za sta nel­la con­trad­di­zio­ne di veder­lo cori­car­si, la sera, insie­me a set­te fra­tel­li e sorel­le, su mate­ras­si ste­si sul pavi­men­to ade­ren­ti a pare­ti dove l’acqua del­la con­den­sa non smet­te di goc­cio­la­re. Costret­to a lavar­si con l’acqua fred­da quan­do c’è, e a man­gia­re quel­lo che le poche mam­me pre­sen­ti rie­sco­no a cuci­na­re in quel­le condizioni.

Sen­za acqua non c’è cibo, non c’è salu­te, non c’è scuo­la, non c’è casa. Per quan­to dall’esterno tut­to pos­sa sem­bra­re più faci­le di così.

Se vole­te aiu­tar­ci a dare a que­sti bam­bi­ni acces­so ad acqua sicu­ra e puli­ta, pote­te anco­ra fare una dona­zio­ne alla pagi­na del­la nostra cam­pa­gna #SaveA­lep­po.

CON UNA DONAZIONE PUOI GARANTIRE ACQUA SICURA E PULITA ALL’ORFANOTROFIO DI DAR AL SALAM

Eri­ka Capasso

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.