Salvini nasconde il razzismo sotto al tappeto

Chi ha il coraggio delle proprie azioni, chi sta dalla parte della legge e dell'umanità non modifica le proprie parole. Non invita alla violenza, non scappa dalle proprie responsabilità, ma utilizza le armi del diritto e del dialogo.

Pren­der­se­la con gli ulti­mi è sem­pre mol­to faci­le. Pren­der­se­la con gli ulti­mi che allo stes­so tem­po sono rite­nu­ti respon­sa­bi­li di tut­ti i più odio­si rea­ti è anco­ra più faci­le. Far­lo dal­l’al­to di 1,7 milio­ni di “like” del­la pro­pria pagi­na Face­book può sem­bra­re uno scher­zo. Ma uno scher­zo non è.

A segui­to dei fat­ti di Fol­lo­ni­ca di vener­dì scor­so, 24 feb­bra­io, che han­no visto due don­ne rom sor­pre­se a fru­ga­re tra i pro­dot­ti fal­la­ti del­la Lidl rin­chiu­se e seque­stra­te all’in­ter­no di un gab­biot­to da due sor­ri­den­ti addet­ti del super­mer­ca­to, Mat­teo Sal­vi­ni ha offer­to soste­gno ai due sor­ri­den­ti addet­ti, uti­liz­zan­do paro­le d’o­dio nei con­fron­ti del­le due donne:

Io sto con i LAVORATORI (li con­tat­te­rò già oggi per offri­re loro tut­to il nostro soste­gno, anche lega­le) e non con le ROM “FRUGATRICI”.
Ma quan­to urla que­sta disgraziata???
#ruspa e CONDIVIDI!

La «disgra­zia­ta». E «quan­to urla», si chie­de, per­ché nel mera­vi­glio­so mon­do vio­len­to di Mat­teo Sal­vi­ni del­le per­so­ne rin­chiu­se con la for­za e arbi­tra­ria­men­te non dovreb­be­ro esse­re spaventate.

L’im­man­ca­bi­le «ruspa», per fare puli­zia di per­so­ne, spo­sta­re con la for­za, pre­va­ri­ca­re, pas­sa­re sopra, schiac­cia­re. Che altro fa, una ruspa?

E «CONDIVIDI», scrit­to in maiu­sco­lo, mi rac­co­man­do. Che la cat­ti­ve­ria, come la feli­ci­tà, è rea­le solo se condivisa.

A segui­to di que­sto evi­den­te inci­ta­men­to all’o­dio raz­zia­le, il depu­ta­to di Pos­si­bi­le e avvo­ca­to immi­gra­zio­ni­sta Andrea Mae­stri ha fat­to un espo­sto con­tro Sal­vi­ni per apo­lo­gia di rea­to e inci­ta­men­to all’o­dio raz­zia­le. Sal­vi­ni ha rispo­sto sca­te­nan­do le trup­pe, attra­ver­so que­sto post, con tan­to di foto­gra­fia di Maestri:

ROBA DA MATTI!
Signo­re e signo­ri, ecco a voi il depu­ta­to sini­stro Andrea Maestri.
Ha pre­sen­ta­to un espo­sto con­tro di me al Tri­bu­na­le di Raven­na per aver offer­to soste­gno ai lavo­ra­to­ri del­la LIDL che ave­va­no col­to sul fat­to le signo­re “fru­ga­tri­ci”, scri­ven­do che “il signor Sal­vi­ni Mat­teo ha fat­to pub­bli­ca apo­lo­gia di un rea­to e ha isti­ga­to all’O­DIO RAZZIALE”, citan­do anche la “per­se­cu­zio­ne dei rom per­pe­tra­ta dal regi­me NAZISTA”!
Ma que­sto da che pia­ne­ta viene???

Pec­ca­to che, nel frat­tem­po, Mat­teo Sal­vi­ni cer­cas­se mal­de­stra­men­te di cam­bia­re le car­te in tavo­la, modi­fi­can­do la dida­sca­lia del video (quel­la del­la «disgra­zia­ta», del­la rom «fru­ga­tri­ce» per cui si invo­ca la «ruspa») pas­san­do a una pla­ci­da cro­na­ca dei fatti:

Fol­lo­ni­ca, ecco il video del­le noma­di bec­ca­te a fru­ga­re nel­l’an­go­lo dei pro­dot­ti fal­la­ti del­la Lidl.

Pec­ca­to che la cro­no­lo­gia di Face­book con­ser­vi le modi­fi­che dei post.

Chi ha il corag­gio del­le pro­prie azio­ni, chi sta dal­la par­te del­la leg­ge e del­l’u­ma­ni­tà non modi­fi­ca le pro­prie paro­le. Non invi­ta alla vio­len­za, non scap­pa dal­le pro­prie respon­sa­bi­li­tà, ma uti­liz­za le armi del dirit­to e del dialogo.

Per que­sto stia­mo al fian­co di Andrea Maestri.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.