Ripartire da Caserta

Il candidato sindaco Francesco Apperti racconta cosa rimane di buono dopo una campagna elettorale intensa e un risultato comunque sorprendente

Smal­ti­ti un anno di can­di­da­tu­ra (sì, sono can­di­da­to sin­da­co dal giu­gno 2015) e un ulti­mo mese di cam­pa­gna elet­to­ra­le furi­bon­da, smal­ti­te le not­ti inson­ni ed i gior­ni fre­ne­ti­ci, recu­pe­ra­to l’u­so com­ple­to del­la destra dopo le miglia­ia di mani stret­te… ecco­mi qui a rac­con­ta­re del­le ele­zio­ni comu­na­li Caser­ta 2016.

La mia è una cit­tà com­pli­ca­ta, dove in un con­te­sto rela­ti­va­men­te ristret­to (meno di 80mila abi­tan­ti), la fram­men­ta­zio­ne geo­gra­fi­ca (diver­se peri­fe­rie e ben 24 fra­zio­ni!) si riflet­te in una fram­men­ta­zio­ne socia­le e cul­tu­ra­le. E’ dif­fi­ci­le par­la­re a Caser­ta, par­lan­do ad una “sola” cit­tà. Spe­ran­za per Caser­ta, il movi­men­to poli­ti­co per il qua­le, dopo quat­tro anni di espe­rien­za come con­si­glie­re comu­na­le di oppo­si­zio­ne, ho accet­ta­to di can­di­dar­mi a sin­da­co, ci ha pro­va­to. Ha pro­va­to ad esse­re pre­sen­te ovun­que, nel­le stra­de, nel­le piaz­ze, sui temi, in tv, sui gior­na­li, su inter­net, sui social. Abbia­mo pro­va­to a descri­ve­re un model­lo di cit­tà capo­vol­to, dove spa­zi e per­so­ne ven­go­no pri­ma di cemen­to e “cose”. Dove l’e­ser­ci­zio del­la demo­cra­zia non si esau­ri­sce al momen­to del voto, ma con­ti­nua per cin­que anni nel­le assem­blee, nel­le con­sul­te, nei bilan­ci par­te­ci­pa­ti­vi. Dove un cit­ta­di­no non è solo uten­te, ma diven­ta “azio­ni­sta” del­la città.

Abbia­mo pro­va­to ad imma­gi­na­re una cit­tà “feli­ce” pri­ma anco­ra che “ric­ca”, anche per­ché par­la­re oggi di ric­chez­za per tut­ti è una chi­me­ra, ed a noi la ric­chez­za per pochi non pia­ce! Ci abbia­mo pro­va­to sen­za com­pro­mes­si e sen­za inve­sti­men­ti: due sole liste ed otto­mi­la euro di spe­sa com­ples­si­va, meno di quan­to impe­gna­to dai sin­go­li can­di­da­ti “di pun­ta” del­le liste “for­ti”. Sia­mo par­ti­ti da lon­ta­no e dal bas­so, ma nel cor­so dei mesi è cre­sciu­to un inte­res­se sano, natu­ra­le, intor­no ad un pro­gram­ma che len­ta­men­te pren­de­va for­ma dal­le discus­sio­ni rea­li e vir­tua­li, e che non si è fer­ma­to ai con­fi­ni del­la cit­tà. Ho avu­to l’o­no­re di rice­ve­re a Caser­ta per­so­ne che ci han­no por­ta­to il loro mero sup­por­to, ma anche “pez­zi” del­le loro sto­rie e del loro pen­sie­ro, che han­no irro­bu­sti­to e rilan­cia­to il nostro pro­get­to. L’e­len­co è lun­go e cor­ro il rischio di dimen­ti­ca­re qual­cu­no: gli asses­so­ri di De Magi­stris, Anna Dona­ti (mobi­li­tà) e Car­mi­ne Pisco­po (urba­ni­sti­ca e beni comu­ni), Car­mi­ne Matu­ro e Moni­ca Fras­so­ni di Green Ita­lia, il sin­da­co di Baco­li Josi Del­la Ragio­ne, il segre­ta­rio di Pos­si­bi­le Pip­po Civa­ti, il segre­ta­rio di Rifon­da­zio­ne Comu­ni­sta Pao­lo Fer­re­ro, l’o­no­re­vo­le Artu­ro Scot­to di SEL.

Si è crea­to intor­no alla nostra pro­po­sta un inte­res­san­tis­si­mo “labo­ra­to­rio poli­ti­co”, che ha occu­pa­to quel­l’am­pio spa­zio a sini­stra di un PD che a Caser­ta ha ripro­po­sto lo scel­le­ra­to sche­ma frut­to del qua­dro nazio­na­le, nel qua­le il nostro Pre­mier non elet­to ha pen­sa­to bene, pur di rima­ne­re in pol­tro­na, di allear­si con chiun­que fos­se dispo­ni­bi­le a far­lo. Si par­la tan­to di voto di pro­te­sta: noi di pro­po­ste ne abbia­mo fat­te tan­te, ma pen­sia­mo che i cit­ta­di­ni caser­ta­ni abbia­no tut­te le ragio­ni di pro­te­sta­re con­tro un par­ti­to che can­di­da come sin­da­co chi, fino a die­ci anni pri­ma, era asses­so­re e vice­sin­da­co con For­za Ita­lia, ed oggi pur di vin­ce­re al pri­mo tur­no (obiet­ti­vo peral­tro man­ca­to!) imbar­ca deci­ne di ex con­si­glie­ri ed asses­so­ri del­l’ul­ti­ma con­si­lia­tu­ra di cen­tro­de­stra. Insom­ma, a Caser­ta non si spo­sta l’e­let­to­ra­to, ma i can­di­da­ti con i loro pac­chet­ti di voti, dan­do l’il­lu­sio­ne a chi ci guar­da da lon­ta­no di una fin­ta alter­nan­za al pote­re tra destra e sinistra.

Chi rima­ne fer­ma, al palo, è inve­ce la cit­tà, spro­fon­da­ta nei debi­ti: abbia­mo accu­mu­la­ti altri tren­ta milio­ni di euro di debi­ti men­tre pro­via­mo ad usci­re da un dis­se­sto di oltre due­cen­to. Sì, ma giu­sta­men­te vi sta­re­te chie­den­do, a me ed alla mia can­di­da­tu­ra a Sin­da­co, come è anda­ta a fini­re? Male, ma bene. Male, per­ché dopo una not­te di spe­ran­ze ci sia­mo fer­ma­ti a due pun­ti per­cen­tua­li, a mil­le voti da un bal­lot­tag­gio che sareb­be sta­to cla­mo­ro­so. Chi ci ha scon­fit­ti, l’o­no­re­vo­le Ric­car­do Ven­tre, ha 72 anni ed è sta­to, nel­l’or­di­ne, Con­si­glie­re, Asses­so­re comu­na­le e Sin­da­co di For­mi­co­la, Con­si­glie­re comu­na­le e Con­si­glie­re pro­vin­cia­le di Caser­ta, Pre­si­den­te del­la Pro­vin­cia di Caser­ta per die­ci anni, ed infi­ne Euro­par­la­men­ta­re. Il suo vol­to ed i suoi slo­gan sono sta­ti per un mese su mani­fe­sti, 6x3, auto­bus, gior­na­li, tv, siti web. Ave­va a suo sup­por­to due par­ti­ti (For­za Ita­lia e Fra­tel­li d’I­ta­lia) e due liste civi­che di ema­na­zio­ne partitica.

Per que­sto dico anche “bene”, per­ché in que­sto qua­dro poli­ti­co, con que­ste due coraz­za­te ed altri cin­que can­di­da­ti sin­da­ci a spar­tir­si la tor­ta, chiu­de­re lo spo­glio con 7364 (set­te­mi­la­tre­cen­tos­san­ta­quat­tro!) voti per il can­di­da­to sin­da­co, pari al 16,96%, cre­do sia defi­ni­bi­le come “auten­ti­co mira­co­lo”. Ma la vera sfi­da, anzi le sfi­de, par­to­no ora. Sono fon­da­men­tal­men­te due: a livel­lo loca­le, occor­re par­ti­re fin da subi­to per tene­re insie­me que­sto enor­me con­sen­so, amplian­do la base par­te­ci­pa­ti­va e pre­pa­ran­do­ci ad un duro e costan­te lavo­ro di oppo­si­zio­ne costrut­ti­va in con­si­glio comu­na­le (avre­mo tre seg­gi). A livel­lo nazio­na­le, guar­dia­mo con inte­res­se e sia­mo pron­ti a dare il nostro con­tri­bu­to alla crea­zio­ne di quel­la “casa del­la sini­stra” che oggi, ogget­ti­va­men­te, man­ca, e che for­se sarà più faci­le costrui­re par­ten­do non dal­le segre­te­rie dei par­ti­ti, ma dal­le cit­tà dove que­sto pro­ces­so è già in sta­to avanzato.

Fran­ce­sco Apperti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.