Reddito minimo, la ragione può prevalere

L’orientamento che sta prevalendo nel governo è quello di un potenziamento del REI incrementando la dotazione fino a 5 miliardi per 4 milioni di poveri con assegno medio individuale di circa 300 euro al mese: ben lungi dal concretizzare le promesse elettorali che invece valevano un assegno mensile netto di 780 euro e a cui il Ministro Di Maio resta disperatamente aggrappato.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Nel 2017 si sti­ma­no in pover­tà asso­lu­ta 1 milio­ne e 778mila fami­glie resi­den­ti in cui vivo­no 5 milio­ni e 58mila indi­vi­dui. Sono i dati dell’ISTAT. È in pri­mo luo­go a loro, a que­ste 5 milio­ni di per­so­ne, che dovrem­mo guar­da­re quan­do par­lia­mo di red­di­to mini­mo (o di inclu­sio­ne, o di cit­ta­di­nan­za). Guar­dar­le negli occhi. E dire loro che la ragio­ne può pre­va­le­re: sul­le chiac­chie­re, sul­le bal­le del­la propaganda.

In cam­pa­gna elet­to­ra­le sono sta­ti pre­si impe­gni non soste­ni­bi­li. Per asse­gna­re il red­di­to di cit­ta­di­nan­za ela­bo­ra­to dal Movi­men­to 5 Stel­le ser­vo­no 17 miliar­di l’anno. Nel­la sua for­mu­la­zio­ne nor­ma­ti­va, però, non si distan­zie­reb­be gran­ché da altre varian­ti di red­di­to mini­mo con­di­zio­na­to. È tutt’altra cosa dal red­di­to di base, il qua­le non pone alcu­na con­di­zio­ne alla sua ero­ga­zio­ne. È una distin­zio­ne che spes­so nel dibat­ti­to pub­bli­co si per­de. La ricet­ta dei 5 Stel­le non è diver­sa dal red­di­to di inclu­sio­ne (REI) appron­ta­to nel­la scor­sa legi­sla­tu­ra (addi­rit­tu­ra è per­si­no più puni­ti­vo, lad­do­ve pre­ve­de l’erogazione di pre­sta­zio­ni — o per meglio dire, di lavo­ro gra­tui­to! — alla comu­ni­tà di appar­te­nen­za). Non è nem­me­no dis­si­mi­le da quan­to pro­po­ne­va­mo noi all’interno del Mani­fe­sto di Pos­si­bi­le. I model­li si misu­ra­no solo sul­la diver­sa magni­tu­do, sul­la diver­sa poten­zia­li­tà di assol­ve­re al pro­prio com­pi­to: sol­le­va­re dal­lo sta­to di biso­gno asso­lu­to quei 5 milio­ni di cit­ta­di­ni poveri.

Ebbe­ne, se il red­di­to di inclu­sio­ne debut­ta­va con quel­la dota­zio­ne così scar­sa (2 miliar­di), mes­sa insie­me in manie­ra un po’ postic­cia sol­tan­to a fine legi­sla­tu­ra e rivol­gen­do­si a cir­ca 660mila fami­glie, il red­di­to di cit­ta­di­nan­za non tro­ve­rà mai le coper­tu­re neces­sa­rie a meno di non sban­ca­la­re buo­na par­te del­le tax expen­di­tu­res (ma si rischie­reb­be la sol­le­va­zio­ne popo­la­re) o di sfo­ra­re abbon­dan­te­men­te i vin­co­li di bilan­cio e atti­ra­re i guai di un crol­lo del­la fidu­cia sui mer­ca­ti finan­zia­ri (ma a quel pun­to, dopo il tra­col­lo eco­no­mi­co, i pove­ri diven­te­reb­be­ro dav­ve­ro troppi).

L’orientamento che sta pre­va­len­do nel gover­no è quel­lo di un poten­zia­men­to del REI incre­men­tan­do la dota­zio­ne fino a 5 miliar­di per 4 milio­ni di pove­ri con asse­gno medio indi­vi­dua­le di cir­ca 300 euro al mese: ben lun­gi dal con­cre­tiz­za­re le pro­mes­se elet­to­ra­li che inve­ce vale­va­no un asse­gno men­si­le net­to di 780 euro e a cui il Mini­stro Di Maio resta dispe­ra­ta­men­te aggrappato.

La for­mu­la che sta­ma­ne è sta­ta rive­la­ta da Repub­bli­ca è tal qua­le a quel­la descrit­ta all’interno del Mani­fe­sto. Mas­si­mo Bal­di­ni dell’Università di Mode­na, inter­vi­sta­to dal gior­na­le, attri­bui­sce all’estensione del REI una mag­gior «ragio­ne­vo­lez­za» e una mag­gior «com­pa­ti­bi­li­tà con gli equi­li­bri di bilancio».

Nel Mani­fe­sto ave­va­mo inol­tre avan­za­to una secon­da impor­tan­te modi­fi­ca al REI e che qui ripro­pon­go: ovve­ro che l’assegno sia cal­co­la­to su base fami­lia­re per la soglia annua­le di pover­tà asso­lu­ta come indi­vi­dua­ta dall’ISTAT, ma ero­ga­to indi­vi­dual­men­te ad ogni com­po­nen­te mag­gio­ren­ne, in modo inver­sa­men­te pro­por­zio­na­le al pro­prio red­di­to. La moti­va­zio­ne di tale pre­vi­sio­ne è quel­la di evi­ta­re che l’erogazione al solo capo­fa­mi­glia non per­met­ta una rea­le eman­ci­pa­zio­ne dal biso­gno degli altri mem­bri del nucleo fami­lia­re. Di que­sto non v’è asso­lu­ta­men­te trac­cia nel­le altre pro­po­ste, ovvia­men­te. Le coper­tu­re le ave­va­mo rica­va­te in buo­na par­te nell’ambito del­la fisca­li­tà gene­ra­le, ovve­ro dal­le misu­re che ave­va­mo pre­vi­sto nel Mani­fe­sto per Red­di­ti di Capi­ta­le, Revi­sio­ne del­la Spe­sa e Impo­sta sul­le Suc­ces­sio­ni. In una chia­ra otti­ca redi­stri­bu­ti­va.

Per­ché noi di Pos­si­bi­le abbia­mo fat­to una scel­ta di ragio­ne­vo­lez­za e non abbia­mo pun­ta­to alla pro­po­sta più allet­tan­te? Per una que­stio­ne di eti­ca poli­ti­ca. Abbia­mo scel­to di non trat­ta­re i nostri inter­lo­cu­to­ri, gli elet­to­ri, come degli stol­ti. L’unica stra­da per­cor­ri­bi­le in fat­to di con­tra­sto alla cre­scen­te pri­va­zio­ne dei mez­zi, era quel­la di un’estensione del REI sino a tut­ta la fascia del­la pover­tà asso­lu­ta. Lo abbia­mo dimo­stra­to nei nume­ri, costruen­do un insie­me ordi­na­to di pro­po­ste, il Mani­fe­sto appun­to, che si reg­ge­va da solo, sen­za truc­chi da quat­tro sol­di (cit.). La sua coe­ren­za inter­na, che tro­va­va l’architrave nel­la rifor­ma fisca­le (anche la Pro­gres­si­vi­Tax tra­sfe­ri­sce dena­ro ver­so gli inca­pien­ti!), non era com­pro­mes­sa da fal­se pro­mes­se irrealizzabili.

I comu­ni­ca­to­ri diran­no che così non si pren­do­no i voti. Chi scri­ve è inve­ce cer­to che, nel lun­go perio­do, la coe­ren­za e la lim­pi­dez­za pre­var­ran­no. In fon­do, si trat­te­reb­be del pri­mo #Anti­vi­rus di cui abbia­mo biso­gno.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.