#Antivirus: contro le informazioni distorte, per fare opposizione

Perché vengono prodotte le fake news, le bufale, le informazioni distorte che spesso diventano virali? Perché viene, sistematicamente, fatta disinformazione da alcuni attori del dibattito pubblico? Per fabbricare i “problemi”, per creare un clima di emergenza, in cui automaticamente diventano giustificabili le “soluzioni” proposte da alcune parti politiche.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Per­ché ven­go­no pro­dot­te le fake news, le bufa­le, le infor­ma­zio­ni distor­te che spes­so diven­ta­no vira­li? Per­ché vie­ne, siste­ma­ti­ca­men­te, fat­ta disin­for­ma­zio­ne da alcu­ni atto­ri del dibat­ti­to pub­bli­co? Per fab­bri­ca­re i “pro­ble­mi”, per crea­re un cli­ma di emer­gen­za, in cui auto­ma­ti­ca­men­te diven­ta­no giu­sti­fi­ca­bi­li le “solu­zio­ni” pro­po­ste da alcu­ne par­ti politiche. 

E inve­ce for­se è que­sta la vera emer­gen­za che in que­sto momen­to il nostro Pae­se sta affron­tan­do: un sem­pre più pre­oc­cu­pan­te scar­to tra real­tà e per­ce­zio­ne.

Come nel caso dei dati riguar­dan­ti il nume­ro degli omi­ci­di e dei fur­ti in casa, ad esem­pio: le fon­ti mini­ste­ria­li stes­se ci dico­no che sono cala­ti negli ulti­mi anni, men­tre non lo sono affat­to nel­le cro­na­che né nel­la reto­ri­ca del­lo stes­so mini­stro che ha pre­sen­ta­to quei dati.

Come nel caso del nume­ro degli stra­nie­ri pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio ita­lia­no, il 7% nel­la real­tà, il 25% nel­la per­ce­zio­ne: secon­do una ricer­ca dell’Istituto Cat­ta­neo il 75% dei cit­ta­di­ni sovra­sti­ma la loro inci­den­za sul­la popolazione.

A que­sto si aggiun­ge una cate­go­ria par­ti­co­la­re, quel­la del­le “bugie isti­tu­zio­na­li”, rac­con­ta­te dagli espo­nen­ti del gover­no e spes­so rilan­cia­te acri­ti­ca­men­te dagli orga­ni di stam­pa: quel­la di Toni­nel­li sul­le pres­sio­ni fat­te da Socie­tà Auto­stra­de duran­te il suo mini­ste­ro, quel­la di Di Maio sul pare­re dell’Avvocatura di Sta­to riguar­dan­te il caso ILVA, quel­la di Sal­vi­ni che rilan­cia la noti­zia dei migran­ti che avreb­be­ro pro­te­sta­to per ave­re Sky, in un momen­to in cui già si sape­va che si trat­ta­va di una bufa­la. Solo tre esem­pi di una col­le­zio­ne che con­ti­nua ad arric­chir­si sen­za che nes­su­no ne deb­ba ren­de­re con­to, apparentemente.

Di fron­te a que­sta situa­zio­ne non pos­sia­mo rima­ne­re in silen­zio. Soprat­tut­to quan­do atti di gover­no inef­fi­ca­ci (e spes­so anche disu­ma­ni, come abbia­mo visto in un’estate in cui il dibat­ti­to pub­bli­co è sta­to deli­ran­te) tro­va­no giu­sti­fi­ca­zio­ne solo nel cli­ma in cui nascono. 

Di que­sto abbia­mo par­la­to l’8 set­tem­bre a Tori­no con Bea­tri­ce Bri­gno­ne, Giu­sep­pe Civa­ti, Ste­fa­no Cato­ne e Mar­co Vas­sa­lot­ti, e del modo in cui atti­var­ci per rove­scia­re que­sto sta­to di cose.

Se l’op­po­si­zio­ne oggi è e deve esse­re più che una sem­pli­ce que­stio­ne di schie­ra­men­to o di azio­ne poli­ti­ca tra­di­zio­nal­men­te inte­sa, se il pun­to non è solo poli­ti­co ma anche cul­tu­ra­le, allo­ra anche i modi di fare oppo­si­zio­ne sono mol­ti e diversi.

Non resta­re indif­fe­ren­ti se assi­stia­mo a un atto raz­zi­sta, intol­le­ran­te, omo­fo­bo, ses­si­sta, è fare opposizione. 

Scen­de­re in piaz­za è fare opposizione. 

Esse­re intran­si­gen­ti in Par­la­men­to è fare opposizione.

Denun­cia­re (e argo­men­ta­re) quan­do un discor­so si basa su pre­sup­po­sti sba­glia­ti o su pre­giu­di­zi è fare opposizione.

Dob­bia­mo ritro­va­re le paro­le, quel­le che a vol­te man­ca­no quan­do sia­mo immer­si in discus­sio­ni dopa­te, in cui bran­del­li di infor­ma­zio­ni sen­za fon­da­men­to, decon­te­stua­liz­za­te, mani­po­la­te ven­go­no bran­di­ti come cla­ve con­tro quel­lo in cui cre­dia­mo. Sui social, ma anche nel­la vita rea­le, dif­fon­den­do­si — appun­to — come virus.

#Anti­vi­rus vuo­le ser­vi­re a que­sto: a ritro­va­re le paro­le, quel­le giu­ste, per fare oppo­si­zio­ne. Per ribat­te­re in modo infor­ma­to e con­vin­cen­te, cam­bia­re il dibat­ti­to, e quin­di cam­bia­re la real­tà in cui viviamo.

#Anti­vi­rus sarà un sito inter­net, una pagi­na face­book, un pro­fi­lo twit­ter. Ma soprat­tut­to sarà una squa­dra: un grup­po di per­so­ne che unen­do ener­gie, tem­po e com­pe­ten­ze si oppor­ran­no alla deri­va che, pur­trop­po, è sot­to i nostri occhi.

Avrà il com­pi­to di moni­to­ra­re noti­zie fal­se o distor­te, di fare debun­king (come nel caso dell’inter­vi­sta al coman­dan­te del­la Diciot­ti Koth­meir), di ela­bo­ra­re rispo­ste da met­te­re a dispo­si­zio­ne di tut­te e tut­ti. Avrà il com­pi­to di met­te­re in cir­co­lo infor­ma­zio­ni “altre”, noti­zie “altre” che met­ta­no in dub­bio la bon­tà del­le “solu­zio­ni” che ora sem­bra­no così indispensabili. 

Avrà il com­pi­to, insom­ma, di fare con­tro­in­for­ma­zio­ne, una paro­la e una moda­li­tà di azio­ne che pur­trop­po abbia­mo lascia­to – negli ulti­mi tem­pi – sem­pre più ai semi­na­to­ri d’odio, e che dob­bia­mo tor­na­re a pra­ti­ca­re.

E poi, infi­ne, avrà il com­pi­to di fare for­ma­zio­ne: teo­ri­ca, sul­le moda­li­tà con cui inter­ve­ni­re nel dibat­ti­to, ma anche pra­ti­ca, illu­stran­do espe­rien­ze da cui pren­de­re esem­pio (come que­sta di qual­che gior­no fa, in Germania).

Sem­pre con un occhio di riguar­do alla pre­ci­sio­ne e alla cor­ret­tez­za, man­te­nen­do sal­da la nostra one­stà intellettuale.

Se vuoi aiu­ta­re #Anti­vi­rus a cre­sce­re, segna­la qui la tua disponibilità.

C’è biso­gno di tut­te e di tut­ti voi.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.