Intervista a Massimo Kothmeir, la verità manipolata da La Verità

#

Potrebbe capitare nelle prossime ore che i soliti simpaticoni né di destra né di sinistra che usano ossessivamente la bandiera italiana sui propri profili twitter, salvo “pulircisi il culo” fino a qualche anno fa, inizino a sventolare un’intervista rilasciata al quotidiano La Verità da Massimo Kothmeir, comandante della nave Diciotti.

Intervista che porta il titolo, tra virgolette:
Quante panzane sulla mia nave Diciotti
l’occhiello:
Il comandante smentisce ONG e giudici: “A bordo nessun bambino e stanno tutti bene”.
e il sottotitolo:
A bordo non avevamo bambini. Non c’è emergenza sanitaria, la situazione è più che soddisfacente, i migranti mangiano, stanno bene. E non hanno la sensazione di essere sequestrati dal governo.

Non tutti magari avranno modo di leggere l’intervista completa, ma è bene sapere (anche per rispondere ai simpaticoni né di destra né di sinistra, volendo) che:

Il comandante riferisce che ci sono casi di scabbia a bordo della nave, ma che vengono trattati con farmaci e pomate da un’equipe sanitaria messa a disposizione dal CISOM (l’equipaggio collabora anche con UNICEF per la mediazione culturale);

Sulla nave erano – com’è noto – presenti 27 minori (25 ragazzi eritrei e due ragazze somale) che hanno potuto scendere dalla nave solo dopo l’intervento della magistratura e del garante dell’infanzia;

Kothmeir giustamente rivendica quanto fatto dall’equipaggio della sua nave in termini umanitari (somministrazione dei pasti, erogazione delle cure mediche) da quando si prendono cura delle persone a bordo, ma dice che queste persone “hanno sicuramente sofferto al momento del viaggio”;

Il comandante non dice MAI nell’intervista che le persone “non hanno la sensazione di essere sequestrate”, ma spiega che le persone a bordo si stanno “comportando splendidamente” a fronte di una vicenda legata a una situazione politica di tipo internazionale che avrebbe comportato una più lunga permanenza a bordo;

Il virgolettato del titolo è COMPLETAMENTE INVENTATO. Nell’intervista Kothmeir non usa mai la parola “panzane”, e in generale non smentisce mai direttamente quanto si è scritto in questi giorni sui giornali. Al massimo fa delle precisazioni, soprattutto – giustamente, ripeto – per difendere il suo operato e quello del suo equipaggio;

L’autore dell’intervista è Adriano Scianca, caporedattore de “Il Primato Nazionale”, la rivista online e cartacea collegata alle attività dei “fascisti del terzo millennio” di Casa Pound.

Tutto più chiaro, ora, no?

Marco Vassalotti

  • 943
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati