Il sistema di reclutamento della scuola italiana? Un colabrodo

Dobbiamo salvare l’abilitazione, salvarla e difenderla con le unghie e coi denti; con essa difendiamo i diritti dati ai lavoratori perché possano trasformarsi in interessi degli studenti e non di questa o quella parte politica.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Le piaz­ze pie­ne di docen­ti pre­ca­ri che chie­do­no tute­la per il pro­prio per­cor­so ver­so l’insegnamento da trop­pi anni non si con­ta­no più, ma anche tra col­le­ghi è diven­ta­to dif­fi­ci­le capi­re le vicen­de­vo­li ragio­ni di pro­te­sta e disillusione.

Ci sono, attual­men­te, una deci­na di tipo­lo­gie diver­se di pre­ca­ri: ver­reb­be da sor­ri­der­ne incre­du­li se non fos­se dram­ma­ti­co e rap­pre­sen­ta­ti­vo di un mec­ca­ni­smo che da tem­po ha smes­so di funzionare.

Il siste­ma di reclu­ta­men­to è diven­ta­to ormai un cola­bro­do, anche gra­zie all’arroganza dell’impianto del­la “Buo­na Scuo­la” che ha fat­to un’operazione social­men­te e poli­ti­ca­men­te gra­vis­si­ma: ha deru­bri­ca­to il tito­lo di abi­li­ta­zio­ne a tito­lo di specializzazione.

Nel tito­lo di abi­li­ta­zio­ne, infat­ti, era ricom­pre­sa quell’autonomia di azio­ne e di pen­sie­ro che la L. 107/15 ha svi­li­to, desti­tuen­do la pro­fes­sio­na­li­tà del cor­po docen­te e ridu­cen­do­la a man­sio­ni impie­ga­ti­zie, al ser­vi­zio di un diri­gen­te che sce­glie e dispo­ne e di una “clien­te­la” (stu­den­ti e fami­glie) cui offri­re ser­vi­zi soddisfacenti.

Il per­cor­so di abi­li­ta­zio­ne dei docen­ti — così come ad esem­pio quel­lo di un medi­co che si lau­rea, si abi­li­ta, fa il con­cor­so e solo suc­ces­si­va­men­te si spe­cia­liz­za, otte­nen­do così una qua­li­fi­ca aggiun­ti­va — pre­ve­de­va via via il for­mar­si di una con­sa­pe­vo­lez­za del­la pro­pria pro­fes­sio­na­li­tà e l’acquisizione degli stru­men­ti che ne con­sen­ti­va­no la realizzazione.

Sen­za in clas­se non si entra, o per­lo­me­no non si entra tranquilli.

Dob­bia­mo sal­va­re l’abilitazione, sal­var­la e difen­der­la con le unghie e coi den­ti; con essa difen­dia­mo i dirit­ti dati ai lavo­ra­to­ri per­ché pos­sa­no tra­sfor­mar­si in inte­res­si degli stu­den­ti e non di que­sta o quel­la par­te poli­ti­ca.

La scuo­la deve esse­re auto­no­ma, libe­ra, indi­pen­den­te, fuo­ri dagli inte­res­si di par­te.

E deve esse­re lai­ca, nel sen­so più ampio: toglie­re l’abilitazione ha infat­ti spa­lan­ca­to le por­te alle scuo­le pri­va­te, che potran­no reclu­ta­re, sen­za più osta­co­li, attin­gen­do anche tra colo­ro che sono sta­ti respin­ti ai con­cor­si statali.

Ci vor­reb­be un dise­gno di leg­ge che met­tes­se insie­me tut­te le for­ze dell’arco par­la­men­ta­re come uni­ca, pos­si­bi­le solu­zio­ne ad un fra­zio­na­men­to sem­pre mag­gio­re del cor­po docen­te (e di tut­ta la comu­ni­tà edu­can­te) di que­sto Pae­se, ci vor­reb­be che si smet­tes­se di trat­ta­re la Scuo­la come un ves­sil­lo pro­pa­gan­di­sti­co, che si smet­tes­se di stru­men­ta­liz­za­re que­sta o quel­la cate­go­ria di docen­ti per faci­li pro­mes­se che nul­la han­no a che fare con una visio­ne lun­ga di una Scuo­la per tut­ti e tutte.

La fram­men­ta­zio­ne che vive la scuo­la – così come la sani­tà e il mon­do del lavo­ro- è una chia­ra rap­pre­sen­ta­zio­ne di una demo­cra­zia che si sfa­ri­na e si coa­gu­la intor­no agli inte­res­si di parte. 

Quest’anno sono sta­te auto­riz­za­te 57000 assun­zio­ni, ma sono solo 37000 i docen­ti che han­no fir­ma­to il con­trat­to a tem­po inde­ter­mi­na­to. Per­ché gli altri 20000 non sono sta­ti nominati?

Sap­pia­mo che le cau­se sono mol­te­pli­ci e rien­tra­no tut­te nel­la far­ra­gi­no­si­tà del mec­ca­ni­smo di reclu­ta­men­to, sem­pre più osta­co­la­to da ricor­si e sen­ten­ze, come sap­pia­mo che sia­mo giun­ti al para­dos­so per cui il Miur ha rinun­cia­to a pre­sen­ta­re una memo­ria difen­si­va per riven­di­ca­re la legit­ti­mi­tà del ban­do nei mol­te­pli­ci ricor­si che lo met­to­no in discus­sio­ne, pare per man­can­za di risor­se (fon­ti parlamentari).

Un siste­ma alla can­na del gas, ormai, in cui il Miur non rie­sce nem­me­no più ad oppor­si ai ricor­si­fi­ci.

Il Mini­stro Bus­set­ti chia­ri­sca alle miglia­ia di docen­ti abi­li­ta­ti come inten­de dar loro la pos­si­bi­li­tà di spen­de­re il tito­lo che lo stes­so Mini­ste­ro ha indi­vi­dua­to come stra­da cer­ta per la sta­bi­liz­za­zio­ne; indi­chi que­sta stra­da pre­sto, per­ché il rispet­to per la pro­fes­sio­na­li­tà dei suoi inse­gnan­ti non resti solo una bel­la fra­se da ripe­te­re come un disco rot­to ad ogni intervista.

Eula­lia Grillo

per il Comi­ta­to Scuo­la di Pos­si­bi­le[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.