Quel confine naturale che crolla sotto i nostri occhi

Siamo abituati a pensare la montagna come un luogo aspro, duro, resistente. E invece ci rendiamo conto che ghiacciai e vette sono fragili e son anch'essi indicatori di un'emergenza che ogni giorno che passa mette sempre più a rischio la nostra sicurezza. Quasi fossero colonnine di mercurio che segnano l'avvicinarsi del punto di non ritorno.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Una for­ma pira­mi­da­le pra­ti­ca­men­te per­fet­ta che si sta­glia ver­so l’al­to e una pri­ma eroi­ca e tra­gi­ca ascen­sio­ne che ha segna­to la sto­ria del­l’al­pi­ni­smo. Il Cer­vi­no è una vera e pro­pria ico­na del­le Alpi. Una di quel­le figu­re che si è impres­sa nel nostro imma­gi­na­rio e che fa del­la cate­na mon­tuo­sa che ci con­giun­ge al resto d’Eu­ro­pa un anfi­tea­tro invi­dia­to in tut­to il mondo.

Un’icona delle Alpi

Gli spi­go­li e le pare­ti del Cer­vi­no sono fini­ti sul­le pub­bli­ci­tà di un ita­lia­nis­si­mo dol­ce a base di cioc­co­la­to, sul­le sca­to­le di famo­sis­si­mi biscot­ti e di uti­liz­za­tis­si­mi pastel­li colo­ra­ti. Il Cer­vi­no è fini­to sul­la coper­ti­na di un disco dei Depe­che Mode. Sul­la vet­ta del Cer­vi­no un eli­cot­te­ro ha tra­spor­ta­to Mike Bon­gior­no per gira­re la pub­bli­ci­tà di una grap­pa, al gri­do di «sem­pre più in alto». In quel­l’oc­ca­sio­ne Mike Bon­gior­no restò bloc­ca­to sul­la vet­ta per un paio di ore, a cau­sa di un’im­prov­vi­sa perturbazione.

Mi por­ta­ro­no su con l’e­li­cot­te­ro e mi lascia­ro­no lì per gira­re le ripre­se. Poi il veli­vo­lo sce­se per fare rifor­ni­men­to e, improv­vi­sa­men­te, arri­vò una bufe­ra. Mi tro­vai in mez­zo alle nuvo­le, con un ven­to paz­ze­sco. L’e­li­cot­te­ro non pote­va sali­re a ripren­der­mi. Fu un momen­to dram­ma­ti­co, pen­sai di esse­re fini­to. Ave­vo solo Dio che mi pote­va aiu­ta­re. Mi sono lega­to alla cro­ce e l’ho abbrac­cia­ta. Poi, in mez­zo alla neb­bia, ho visto un cavo, mi sono aggan­cia­to, e l’e­li­cot­te­ro mi ha por­ta­to via nel vuo­to, come un angelo.

 

Il rischio crolli

Que­sta mon­ta­gna, scol­pi­ta nel­la nostra cul­tu­ra, rischia di diven­ta­re irri­co­no­sci­bi­le. In que­sti gior­ni i prin­ci­pa­li orga­ni di stam­pa rilan­cia­no l’al­lar­me a segui­to del­la deci­sio­ne del Fede­ral Insti­tu­te of Tech­no­lo­gy of Zuri­go (ETH) di instal­la­re sul ver­san­te sviz­ze­ro, lo scor­so giu­gno, 50 sen­so­ri di movi­men­to a quo­ta 3692, attra­ver­so i qua­li sarà pos­si­bi­le moni­to­ra­re la sta­bi­li­tà del­la roc­cia e pre­ve­de­re even­tua­li fra­ne. Tem­pe­ra­tu­re più alte, infat­ti, non signi­fi­ca­no “sola­men­te” scio­gli­men­to dei ghiac­ciai, ma anche scio­gli­men­to del cosid­det­to “per­ma­fro­st”, cioè il ghiac­cio peren­ne che tie­ne le roc­ce “appe­se” alla mon­ta­gna. Quin­di fra­ne sem­pre più fre­quen­ti. Su que­ste pagi­ne ne par­lam­mo esat­ta­men­te due anni fa, in occa­sio­ne di una enor­me fra­na distac­ca­ta­si dal piz­zo Cen­ga­lo, sul ver­san­te svizzero.

 

I rischi per chi sta a valle

Si pre­sen­ta­no nuo­vi rischi per chi fre­quen­ta la mon­ta­gna, lega­ti al distac­co di mas­se roc­cio­se e nevo­se oltre che al pre­sen­tar­si di pas­sag­gi più dif­fi­ci­li una vol­ta faci­li­ta­ti dal­la coper­tu­ra nevo­sa. Si pre­sen­ta­no nuo­vi rischi per chi sta a val­le (la fra­na del Cen­ga­lo ci arri­vò, a val­le) e anche per chi sta in pia­nu­ra, dove le riser­ve idri­che rap­pre­sen­ta­te dai ghiac­ciai rischia­no di veni­re meno pro­prio nel­le sta­gio­ni di mag­gior arsu­ra, quan­do ce n’è più bisogno.

 

Quale confine?

Sia­mo abi­tua­ti a pen­sa­re la mon­ta­gna come un luo­go aspro, duro, resi­sten­te. E inve­ce ci ren­dia­mo con­to che ghiac­ciai e vet­te sono fra­gi­li e son anch’es­si indi­ca­to­ri di un’e­mer­gen­za che ogni gior­no che pas­sa met­te sem­pre più a rischio la nostra sicu­rez­za. Qua­si fos­se­ro colon­ni­ne di mer­cu­rio che segna­no l’av­vi­ci­nar­si del pun­to di non ritorno.

Sia­mo abi­tua­ti a pen­sa­re anche ai con­fi­ni alpi­ni come luo­ghi di con­fi­ne posti dal­la natu­ra, impe­ne­tra­bi­li, inva­li­ca­bi­li. E inve­ce non sono che la foto­gra­fia di un momen­to, se con­si­de­ra­ti all’in­ter­no del­la sto­ria del nostro pia­ne­ta, desti­na­ti a muta­re, a sgre­to­lar­si. Che sia­no con­fi­ni natu­ra­li non è altro che una sug­ge­stio­ne dell’uomo.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?