Una proposta per usare bene e rapidamente i soldi degli sms pro zone terremotate

Il ter­re­mo­to ha col­pi­to anco­ra il Cen­tro Ita­lia, que­sta vol­ta in dram­ma­ti­ca con­co­mi­tan­za con il mal­tem­po e in par­ti­co­la­re con la neve, som­man­do altre tra­ge­die ad una situa­zio­ne che, anche solo in con­si­de­ra­zio­ne del­le con­di­zio­ni mete­reo­lo­gi­che, già era disastrosa.

Ora, sap­pia­mo che que­sto non è il momen­to per fare pole­mi­ca e stru­men­ta­liz­za­re l’emergenza, sono prio­ri­ta­ri i soc­cor­si e gli aiu­ti ai qua­li par­te­ci­pia­mo in pri­ma persona.

Ver­rà il tem­po, però, anche di accer­ta­re le respon­sa­bi­li­tà di una gestio­ne fal­li­men­ta­re del post sisma e di denun­cia­re situa­zio­ni che pote­va­no esse­re evi­ta­te con una più ade­gua­ta pia­ni­fi­ca­zio­ne e stra­te­gia, come han­no dichia­ra­to i nostri depu­ta­ti.

Sem­pre nell’immediato pro­via­mo ad affron­ta­re anche un altro problema.

Il pri­mo istin­to per chi non può mate­rial­men­te dare una mano è quel­lo di con­tri­bui­re eco­no­mi­ca­men­te, anche con una pic­co­la dona­zio­ne, quel­le che si fan­no con un sms o una tele­fo­na­ta “soli­da­le” attra­ver­so le com­pa­gnie tele­fo­ni­che o le reti tele­vi­si­ve nazionali.

Qual­cu­no si è chie­sto a che pun­to fos­se la distri­bu­zio­ne di quan­to già rac­col­to con le stes­se moda­li­tà e que­sto arti­co­lo de La Stam­pa ren­de con­to del pun­to in cui siamo.

Oltre 28 milio­ni di euro rac­col­ti ma inutilizzati.

Leg­gen­do il pro­to­col­lo d’intesa 27 giu­gno 2014, che rego­la que­sto tipo di rac­col­ta, non emer­go­no irre­go­la­ri­tà o par­ti­co­la­ri ritar­di di appli­ca­zio­ne del­la pro­ce­du­ra, che, come cor­ret­ta­men­te rife­ri­to nell’articolo, con­si­ste nell’individuazione dei nume­ri soli­da­li, di un ini­zio e di un ter­mi­ne del­la rac­col­ta, del tra­sfe­ri­men­to dei fon­di su con­ti cor­ren­ti sen­za alcun gua­da­gno o rim­bor­so per gli operatori.

Ma per quan­to riguar­da l’uti­liz­za­bi­li­tà con­cre­ta, i fon­di sono intoc­ca­bi­li fino alla fine del­la rac­col­ta e pos­so­no esse­re desti­na­ti a pro­get­ti pro­po­sti dal­le regio­ni col­pi­te, pro­get­ti rac­col­ti dal­la Pro­te­zio­ne Civi­le che sovrain­ten­de al pro­ces­so e veri­fi­ca­ti, così come ogni fase del­la rac­col­ta, da un Comi­ta­to di Garanti.

Il che è asso­lu­ta­men­te cor­ret­to, a tute­la di chi dona e di chi rice­ve, ma ren­de evi­den­te una tota­le dif­for­mi­tà fra l’intento del donan­te e l’uso dei fon­di.

Come reci­ta lo stes­so pro­to­col­lo, nel­le sue pre­mes­se, “la tem­pe­sti­va atti­va­zio­ne del nume­ro soli­da­le nel­la imme­dia­tez­za dell’evento, ha com­por­ta­to una mag­gior pro­pen­sio­ne alla dona­zio­ne” e que­sto per­ché chi dona cre­de di dare un aiu­to imme­dia­to a chi in quel momen­to è let­te­ral­men­te in ginocchio.

E inve­ce no.

Le som­me riman­go­no fer­me per mesi, e non han­no alcu­na con­nes­sio­ne con l’emergenza e la pri­ma neces­si­tà, ma con even­tua­li pro­get­ti di più ampio respi­ro, al momen­to ignoti.

Gli even­ti di que­ste ore dimo­stra­no come que­sto model­lo sia garan­ti­sta ma inef­fi­ca­ce, fer­ma la prio­ri­tà asso­lu­ta lega­ta all’incolumità ed al rico­ve­ro imme­dia­to del­le popo­la­zio­ni coin­vol­te, che non com­pe­te alla rac­col­ta solidale.

L’allevatore al qua­le sareb­be­ro basta­te poche miglia­ia di euro per pro­teg­ge­re i pro­pri ani­ma­li e tro­var­li vivi a pri­ma­ve­ra, non li ha più, per­ché muo­io­no di fred­do, e le stal­le diven­ta­no pro­get­ti inu­ti­li se rea­liz­za­ti fra sei mesi.

Dob­bia­mo allo­ra chie­der­ci se non esi­sta un modo miglio­re, più cele­re ed altret­tan­to sicu­ro per far per­ve­ni­re con­cre­ta­men­te la nostra soli­da­rie­tà di cit­ta­di­ni a quel­li fra noi col­pi­ti dal­le cala­mi­tà naturali.

In altre paro­le, come desti­na­re con urgen­za le som­me che ver­sia­mo volen­tie­ri con altret­tan­ta urgen­za e con que­sto impli­ci­to vin­co­lo di desti­na­zio­ne.

E’ una doman­da che dovreb­be­ro por­si tut­te le for­ze poli­ti­che con sen­so di respon­sa­bi­li­tà isti­tu­zio­na­le.

Sap­pia­mo tut­ti, e l’abbiamo fat­to, che una pic­co­la rac­col­ta fon­di mira­ta si con­clu­de in bre­vis­si­mo tem­po e, se vie­ne indi­vi­dua­to cor­ret­ta­men­te il sog­get­to bene­fi­cia­rio, por­ta l’aiuto qua­si in tem­po rea­le.

Que­sti pro­get­ti imme­dia­ti, anche se appli­ca­ti a cala­mi­tà natu­ra­li defi­ni­te come tali con la dichia­ra­zio­ne del­lo sta­to di emer­gen­za da par­te del nostro Con­si­glio dei Mini­stri, come da pro­to­col­lo, non pos­so­no e non devo­no, anche per bana­li ragio­ni di coor­di­na­men­to, sosti­tui­re le gran­di rac­col­te soli­da­li di cui al pro­to­col­lo stes­so, ma caso­mai affian­car­le.

E anche su que­sto sia­mo atti­vi, con l’impegno dei nostri comi­ta­ti e in pri­ma per­so­na di Bea­tri­ce Bri­gno­ne, già al lavo­ro nel­la pri­ma fase emer­gen­zia­le e che ora stan­no nuo­va­men­te aiu­tan­do in modo con­cre­to le per­so­ne col­pi­te così dura­men­te da que­sti even­ti dram­ma­ti­ci, con un pro­get­to lega­to alla vera e pro­pria “ado­zio­ne” di una stal­la.

Come far sì, allo­ra, che le som­me rac­col­te con gli sms soli­da­li sia­no desti­na­te all’urgen­za?

E’ evi­den­te come deb­ba esse­re indi­vi­dua­to un sog­get­to che abbia la facol­tà, anche in cor­so di rac­col­ta, assu­men­do­se­ne la respon­sa­bi­li­tà, e con ren­di­con­to al cen­te­si­mo, di desti­na­re le som­me, o una par­te per­cen­tua­le di esse, alle emer­gen­ze rea­li e imme­dia­te, quel­le che non pos­so­no aspet­ta­re la burocrazia.

Potreb­be esse­re lo stes­so con­si­glio dei Mini­stri ad agi­re con decre­to, rico­no­sciu­te le ragio­ni di urgen­za, in accor­do con le regio­ni inte­res­sa­te, la pro­te­zio­ne civi­le ed il comi­ta­to dei garan­ti di cui al pro­to­col­lo, con con­vo­ca­zio­ne in tem­pi stret­tis­si­mi.

Baste­reb­be aggiun­ge­re una postil­la al pro­to­col­lo per con­sen­ti­re que­sta procedura.

E’ let­te­ral­men­te incon­ce­pi­bi­le ed inac­cet­ta­bi­le che 28 milio­ni di euro dona­ti nell’immediatezza e con il cuo­re sia­no fer­mi su un con­to cor­ren­te men­tre l’inverno e altre scos­se di ter­re­mo­to distrug­go­no mate­rial­men­te, eco­no­mi­ca­men­te e moral­men­te un pez­zo del nostro Paese.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.