Preferite le donne, l’antifascismo, la coerenza, il progresso. Preferite Possibile

Tra comu­ni­ca­ti in pale­se con­trad­di­zio­ne tra loro, e gli imman­ca­bi­li attac­chi per­so­na­li a Civa­ti (il pro­ble­ma sem­bra non esse­re la pre­sen­za di espo­nen­ti di un par­ti­to di destra, il pro­ble­ma è Civa­ti), si segna­la il riti­ro del­la can­di­da­tu­ra di una del­le can­di­da­te di Fron­te Ver­de (che dichia­ra di esser­si iscrit­ta a Fron­te Ver­de pro­prio per poter entra­re in lista, men­tre i Ver­di nega­no di ave­re mai avu­to con­tat­ti con Fron­te Ver­de) e la per­ma­nen­za in lista dell’altra diri­gen­te di un par­ti­to che ha un pro­gram­ma lon­ta­nis­si­mo da quel­lo dei Ver­di Euro­pei e dal nostro.

Una que­stio­ne che pote­va esse­re risol­ta in poche ore, assu­men­do­si la respon­sa­bi­li­tà di scel­te sba­glia­te ed esclu­den­do le diri­gen­ti di Fron­te Ver­de dal­la cam­pa­gna elet­to­ra­le, diven­ta un caso poli­ti­co.

In que­ste ore mi sono con­fron­ta­ta con le can­di­da­te e i can­di­da­ti di Pos­si­bi­le nel­le liste di Euro­pa Ver­de per­ché è chia­ro che sia emer­sa una con­ce­zio­ne del­la poli­ti­ca mol­to diver­sa tra noi e i Ver­di ita­lia­ni. Cosa di cui discu­te­rò anche con i Ver­di del Süd-Tirol e con i can­di­da­ti indi­pen­den­ti, che han­no mani­fe­sta­to il nostro stes­so sconcerto.
La sfi­da per un’al­tra poli­ti­ca e un’Eu­ro­pa diver­sa resta comun­que aper­tis­si­ma.

Sfi­da defi­ni­ti­va, pri­ma cul­tu­ra­le che poli­ti­ca, per quan­to riguar­da i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e la loro gravità.

Sfi­da ai sovra­ni­sti e ai fasci­sti di ogni fron­te, per ripor­ta­re l’Europa alla sua voca­zio­ne ori­gi­na­ria, quel­la di Ven­to­te­ne e del­le gran­de idea­li­tà che l’hanno fondata.

Sfi­da gran­dis­si­ma per i con­te­nu­ti e per l’ambizione di por­ta­re anche in Ita­lia lo spi­ri­to dei Ver­di Euro­pei — al con­tem­po eleg­gen­do una nostra rap­pre­sen­tan­za all’Europarlamento.

Pos­si­bi­le ha fat­to una scel­ta (che ha inter­ro­ga­to la nostra comu­ni­tà, che ci ha mes­so di fron­te alle divi­sio­ni per­so­na­li­sti­che e auto­le­sio­ni­ste del­la sini­stra ita­lia­na), e ha scel­to di sta­re con i Ver­di Euro­pei, den­tro Euro­pa Ver­de, che è la scel­ta giu­sta, su cui non abbia­mo cam­bia­to idea. L’unica giu­sta in que­sta tor­na­ta. E lo abbia­mo fat­to espri­men­do can­di­da­tu­re rigo­ro­se e inat­tac­ca­bi­li. Per for­tu­na il siste­ma del­le ele­zio­ni euro­pee è chia­ro, ci sono le pre­fe­ren­ze. Pre­fe­ri­te le don­ne, l’antifascismo, la coe­ren­za, il pro­gres­so. Pre­fe­ri­te Possibile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.