Per una scuola possibile

Siamo per una Scuola egualitaria ed inclusiva, la Scuola della Costituzione, senza confini di censo, di etnia, di sesso e di religione.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]“Possibile ha un’abitudine che nel pano­ra­ma poli­ti­co attua­le può appa­ri­re stra­na: quel­la di affron­ta­re i temi a par­ti­re da alcu­ne doman­de fon­da­men­ta­li e nel meri­to, per tro­va­re rispo­ste arti­co­la­te e defi­ni­re oriz­zon­ti e obiet­ti­vi”. Con que­sta fra­se si apre il docu­men­to sul­la Scuo­la che oggi pre­sen­tia­mo: una tap­pa impor­tan­te di un per­cor­so che pro­se­gue da oltre due anni, ini­zia­to con­te­stual­men­te alla nasci­ta del par­ti­to, nel 2015, con gli 8 que­si­ti refe­ren­da­ri che Pos­si­bi­le ave­va idea­to e mes­so a dispo­si­zio­ne. Era­no già chia­ri allo­ra i dan­ni che la rifor­ma del­la “Buo­na Scuo­la” avreb­be pro­dot­to e ave­va­mo sen­ti­to l’urgenza di sgre­to­lar­la affos­san­do­ne il pun­to car­di­ne, la cosid­det­ta “chia­ma­ta diret­ta” del Diri­gen­te scolastico.

Il per­cor­so di Pos­si­bi­le è poi pro­se­gui­to all’insegna dell’ascol­to, attra­ver­so i nostri Comi­ta­ti. Stu­den­ti, lavo­ra­to­ri e lavo­ra­tri­ci del­la scuo­la, pro­fes­sio­ni­sti, asso­cia­zio­ni che vi ope­ra­no e Sin­da­ca­ti han­no volu­to con­se­gnar­ci con­tri­bu­ti pre­zio­sis­si­mi sui qua­li si è aper­to un con­fron­to appas­sio­na­to, nel cor­so di alcu­ni appun­ta­men­ti nazio­na­li e ter­ri­to­ria­li dedi­ca­ti. I Poli­ti­camp, un que­stio­na­rio onli­ne che ha rac­col­to 480 rispo­ste, la Cosi­tuen­te del­le idee, un con­ve­gno a Bolo­gna lo scor­so otto­bre sono sta­ti i momen­ti fon­da­men­ta­li del pro­ces­so da cui nasce il docu­men­to che pre­sen­tia­mo oggi.

Un docu­men­to che, sen­za pre­te­se rifor­mi­sti­che, trac­cia però del­le linee gui­da pro­gram­ma­ti­che; l’idea di scuo­la che emer­ge è mol­to lon­ta­na da quel­la del­la “buo­na scuo­la”, che resta per noi una leg­ge cui sia­mo con­vin­ta­men­te con­tra­ri, espres­sio­ne di un model­lo di socie­tà che non ci appar­tie­ne.

Sia­mo con­tro i tagli linea­ri del dirit­to al tem­po del­lo stu­dio, sia­mo con­tro la “chia­ma­ta diret­ta” del diri­gen­te sco­la­sti­co per­ché cre­dia­mo che il reclu­ta­men­to degli inse­gnan­ti deb­ba esse­re garan­ti­to da cri­te­ri di tra­spa­ren­za, sia­mo con­tro il model­lo di ato­miz­za­zio­ne, che con la leg­ge 107 è entra­to in pie­no nel­la scuo­la a suon di bonus, di per­cor­si per­so­na­liz­za­ti per le “eccel­len­ze”, di distru­zio­ne di ogni coe­sio­ne fra docen­ti e studenti.

Sia­mo per una Scuo­la egua­li­ta­ria ed inclu­si­va, la Scuo­la del­la Costi­tu­zio­ne, sen­za con­fi­ni di cen­so, di etnia, di ses­so e di religione.

Voglia­mo una Scuo­la in cui la bel­lez­za del pen­sie­ro uma­no, la per­fe­zio­ne logi­ca mate­ma­ti­ca o l’armonia di uno spar­ti­to, di un testo, di un dipin­to, l’azione dell’umanità nel­la sto­ria, le lin­gue sia­no mes­sag­gi uni­ver­sa­li di cui tut­ti han­no dirit­to di gode­re e che ci carat­te­riz­za­no come esse­ri pensanti.

La scuo­la deve esse­re una leva per la rea­liz­za­zio­ne dei prin­ci­pi dell’art.3 del­la Costi­tu­zio­ne e un labo­ra­to­rio di costru­zio­ne di una socie­tà soli­da­le e giu­sta. Si deve pre­mia­re il meri­to, non chi ha già di più: nul­la è più ingiu­sto che fare par­ti ugua­li tra disu­gua­li; è ingiu­sto uno Sta­to cie­co di fron­te alle dif­fe­ren­ze. Nel­la scuo­la, dovreb­be regna­re un model­lo vol­to alla coo­pe­ra­zio­ne, piut­to­sto che alla competizione.

In que­ste undi­ci pagi­ne abbia­mo pro­va­to a rias­su­me­re que­sta idea di Scuo­la, con un lavo­ro minu­zio­so di sin­te­si di tut­to il mate­ria­le rac­col­to in oltre due anni di atti­vi­tà. E voglia­mo che que­ste pagi­ne sia­no aper­te alle idee e alle pro­po­ste di tut­te le altre for­ze poli­ti­che del­la sini­stra.

Rin­gra­zio di cuo­re, a nome del grup­po scuo­la di Pos­si­bi­le, tut­te e tut­ti colo­ro che han­no spe­so tem­po, dena­ro ed ener­gie per con­tri­bui­re a que­sto docu­men­to. In par­ti­co­la­re, per la ste­su­ra e per i mil­le con­fron­ti e rifles­sio­ni, la pre­zio­sa Maria Lau­ra Mare­scal­chi, oltre che San­dra Pen­ge, Gia­co­mo Negri, Gian­mar­co Capo­gna, Mar­co Chiauz­za.

Un rin­gra­zia­men­to spe­cia­le va infi­ne ad Andrea Per­ti­ci per il soste­gno e i sug­ge­ri­men­ti, ai depu­ta­ti di Pos­si­bi­le e ai loro col­la­bo­ra­to­ri, con par­ti­co­la­re riguar­do a Bea­tri­ce Bri­gno­ne che da subi­to ha abbrac­cia­to il tema del­la scuo­la con pas­sio­ne e dedi­zio­ne e a Giu­sep­pe Civa­ti per cre­de­re fer­ma­men­te che scuo­la, uni­ver­si­tà e ricer­ca deb­ba­no esse­re “la pri­ma cosa”.

[LEGGI “PROPOSTA PER UNA SCUOLA POSSIBILE”]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.