A proposito dei commentatori di foglioline

Il commentatore più sagace è quello che sostiene che Grasso abbia detto che le donne sono foglioline. Il commentatore è sagace ma evidentemente anche in malafede
#

Ci sono commenti e commentatori estremamente sagaci del simbolo di «Liberi E Uguali» che Pietro Grasso ha presentato ieri sera in diretta Tv. Il commentatore più sagace è quello che sostiene che Grasso abbia detto che le foglioline rappresentano le donne, e che quindi le donne sono foglioline. Il commentatore è sagace ma evidentemente anche in malafede.

Grasso: «C’è un liberi/libere, perché noi abbiamo come elemento fondante la parità di genere».
Fazio: «Cioè, le foglioline… ?».
Grasso: «Ci sono delle foglioline accanto alla I che danno l’idea dell’ambiente per le foglie, e questa E che dà la possibilità di individuare le donne come elemento fondante della nostra formazione politica. Del resto le madri, sorelle, compagne, lavoratrici sono veramente coloro che possono aiutarci a cambiare questo paese».

E’ tutto qui, lo si può ascoltare miliardi di volte, e scoprire che le «foglioline» (introdotte nel discorso da Fazio) sono un richiamo all’ambiente, mentre la «E» è un richiamo alla questione maschile. Sono argomenti per i quali ci battiamo da tempo, spesso soli, e che ora entrano in un simbolo che troverete sulla scheda elettorale. Vi ricordate delle trivelle? Ecco, noi stavamo dalla parte di chi non le voleva. E vi ricordate dello Sblocca Italia? Ecco, noi eravamo contrari. E la tampon tax, ve la ricordate? Che ridere, eh, la tampon tax. Faceva tanto ridere, tra l’altro, proprio a Che tempo che fa, su invettiva di una sagacissima commentatrice.

Siamo una comunità politica che prova a rendere popolari questioni che ancora non lo sono, ma dovrebbero esserlo. Costa moltissima fatica, perché ovviamente sarebbe molto più semplice occuparsi delle solite polemiche quotidiane, ma è una cosa in cui crediamo e tanto basta. Oggi tantissimi commentatori distorcono strumentalmente le parole di Grasso proprio per rinfacciarci battaglie che da sempre sono nostre: siamo davvero contenti che anche i commentatori sagaci si stiano appassionando come noi.

I più sagaci di tutti sostengono che il simbolo di «Liberi E Uguali», e in particolare la «E», richiamerebbe alla mente il simbolo di Emergency. Come se fosse un problema condividere il primo articolo della Dichiarazione universale dei diritti umani e come se Emergency fosse un problema. Ed evidentemente per qualcuno lo è, un problema, dopo aver passato un’intera estate a criminalizzare le Ong e a preferire che le persone vengano torturate piuttosto che accolte.

  • 923
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati