Il nord Italia brucia, stretto nella morsa della siccità

Facciamoci tutti una cortesia: non votiamo mai più (mai più!) partiti che non forniscano serissime garanzie e possegga serissime competenze per mettere al centro dell'agenda politica tutto questo. Il voto utile è quello che salva la vita. La nostra e di quelli che verranno.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1509449907982{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Val di Susa, Cam­po dei Fio­ri di Vare­se, Val­tel­li­na, Alto Gar­da. E chis­sà quan­ti altri. Il nord Ita­lia, con la Lom­bar­dia che ha chie­sto lo sta­to di emer­gen­za nazio­na­le, in que­ste ore sta let­te­ral­men­te bru­cian­do, e da gior­ni. Nono­stan­te il lavo­ro dei volon­ta­ri e dei Vigi­li del fuo­co, le fiam­me non si fer­ma­no, le case ven­go­no eva­cua­te. Un’e­mer­gen­za che scop­pia quan­do i delin­quen­ti incen­dia­no i boschi e lo fan­no nel momen­to in cui le pro­ba­bi­li­tà di ave­re suc­ces­so sono più ele­va­te: nel nord-ove­st «non pio­ve seria­men­te da fine giu­gno e ora la cri­si idri­ca è al suo api­ce», ha scrit­to ieri Luca Mer­cal­li su La Stam­pa. «Solo negli stes­si perio­di del 1832 e del 1871 ave­va pio­vu­to meno, ma all’e­po­ca le tem­pe­ra­tu­re medie era­no più fre­sche di oltre due gra­di rispet­to a que­st’an­no, l’e­va­po­ra­zio­ne dai suo­li era dun­que più mode­ra­ta e gli effet­ti del­la sic­ci­tà meno evidenti».

Il cli­ma vol­ge ver­so sce­na­ri ine­di­ti per gli equi­li­bri ter­re­stri, in cui — scri­ve oggi Rober­to Gio­van­ni­ni su La Stam­pa — «sarà sem­pre più dif­fi­ci­le riu­sci­re a limi­ta­re gli effet­ti più disa­stro­si del cam­bia­men­to cli­ma­ti­co, pro­dot­to dall’attività uma­na dall’inizio dell’era indu­stria­le». Ce lo dimo­stra­no le cifre, che segna­no un nuo­vo record «nel­la con­cen­tra­zio­ne di ani­dri­de car­bo­ni­ca nell’atmosfera del nostro pia­ne­ta (il più dif­fu­so dei gas cli­mal­te­ran­ti) ha supe­ra­to il nuo­vo record degli ulti­mi 800mila anni. In media, nel cor­so del 2016, la pre­sen­za di CO2 nell’aria ha rag­giun­to quo­ta 403,3 par­ti per milio­ne (ppm) di con­cen­tra­zio­ne, con­tro le 400 ppm regi­stra­te nel 2015. Si trat­ta di un aumen­to, nel giro di soli dodi­ci mesi, par­ti­co­lar­men­te for­te e dun­que pre­oc­cu­pan­te, visto che nel­lo scor­so decen­nio l’aumento medio è sta­to di 2,1 ppm ogni anno».

«L’ultima vol­ta che la Ter­ra regi­strò simi­li con­cen­tra­zio­ni di ani­dri­de car­bo­ni­ca era nel Plio­ce­ne, da tre a 5 milio­ni d’anni fa: allo­ra la tem­pe­ra­tu­ra era di 3 gra­di supe­rio­re all’attuale, e il livel­lo del mare tra i 10 e i 20 metri supe­rio­re a quel­lo di oggi. Nel 1750 la con­cen­tra­zio­ne di CO2 era di 280 ppm, il 145% in meno rispet­to ad oggi».

Pro­va­no a far­ci cre­de­re che l’acqua impe­tuo­sa sia assas­si­na e i mor­ti e i dan­ni dei ter­re­mo­ti sia­no tra­ge­die dovu­te al fato avver­so. E gli incen­di sia­no respon­sa­bi­li­tà esclu­si­va dei piro­ma­ni (che spe­ria­mo ven­ga­no indi­vi­dua­ti e con­se­gna­ti alla giustizia).

Le cit­tà ita­lia­ne sono mala­te di “mal’aria”, come dimo­stra il rap­por­to di Legam­bien­te “Eco­si­ste­ma Urba­no” pre­sen­ta­to ieri a Mila­no: ci sono pochis­si­mi ammi­ni­stra­to­ri illu­mi­na­ti che han­no pre­so la que­stio­ne sul serio, un’I­ta­lia «che gesti­sce il ciclo dei rifiu­ti come e meglio di tan­te altre real­tà euro­pee, che ha cam­bia­to sti­li di mobi­li­tà, tro­va­to la for­mu­la giu­sta per depu­ra­re gli sca­ri­chi, con­te­ne­re i con­su­mi idri­ci e lo sper­pe­ro d’acqua pota­bi­le, che inve­ste sul­le rin­no­va­bi­li, che ha signi­fi­ca­ti­ve espe­rien­ze di rige­ne­ra­zio­ne e rifun­zio­na­liz­za­zio­ne degli spa­zi pub­bli­ci». C’è tut­ta un’al­tra Ita­lia, mag­gio­ri­ta­ria, che non lo fa. Ed è così che ogni anno moria­mo di inqui­na­men­to in più di 90mila. Per­ché i sol­di non ci sono mai, tran­ne che per le gran­di ope­re inu­ti­li e cri­mi­no­ge­ne, eppu­re sul pia­ne­ta la vita ani­ma­le e vege­ta­le così come la cono­scia­mo non è mai sta­ta così a rischio.

Fac­cia­mo­ci tut­ti una cor­te­sia: non votia­mo mai più (mai più!) par­ti­ti che non for­ni­sca­no seris­si­me garan­zie e pos­seg­ga seris­si­me com­pe­ten­ze per met­te­re al cen­tro del­l’a­gen­da poli­ti­ca tut­to que­sto. Il voto uti­le è quel­lo che sal­va la vita. La nostra e di quel­li che verranno.

Ste­fa­no Catone

Anna­li­sa Cor­ra­do[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.