Migranti, Civati appello a ‘non siamo pesci’: Non solo Mediterraneo, spingiamoci in Libia

#

“La mobilitazione che parte dall’iniziativa ‘Non siamo pesci‘ è preziosa e importante, perché vuole portare in Parlamento la vergogna delle stragi nel Mediterraneo. Ma lancio un appello per un passo ulteriore, sempre per il rispetto dei diritti umani: spingiamoci in Libia. Bisogna chiedere una commissione anche per fare piena luce su quello che è accaduto, e tuttora accade, nei campi di detenzione libici”. Lo dichiara Giuseppe Civati, fondatore di Possibile e autore di ‘Voi sapete’ libro denuncia sugli orrori nei centri in Libia, rivolgendo un appello ai promotori dell’iniziativa ‘Non siamo pesci’, che oggi pomeriggio animeranno un presidio pacifico a Piazza Montecitorio, a partire dalle ore 17.

L’indagine sulle continue violazioni dei diritti umani – aggiunge Civati – non deve fermarsi a quanto accade in mare. C’è un’altra strage, ancora meno visibile, ed è quella che avviene nei campi controllati dalla Libia. Solo così potremmo provare a iniziare a fare i conti con le ferite della storia e cancellare quell’indifferenza in cui si sono in cui si sono registrate troppe vittime”.

  • 112
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati