In mare si salva la gente e basta: spiegatelo agli identitari della C-star

La tragicomica avventura nazionalista della C-Star è rivelatrice: di fronte ai salvataggi in mare e alle morti non si improvvisa e non si scherza. Non si fanno "atti dimostrativi", come li chiamano loro, che rischiamo di intralciare i soccorsi. Si salva la gente e basta
#

Il 5 agosto lo annunciavano in pompa magna: «Come avevamo promesso, e come nessuno credeva, oggi la la nave degli identitari “C-Star” è arrivata nella SAR Zone della Libia per cominciare la fase operativa della missione Defend Europe». La missione Defend Europe consisterebbe nel difendere la nostra identità (per questo si definiscono identitari). E come? E come pensate che vogliano difenderla, se non bloccando i migranti in mare, ostacolando le operazioni di soccorso delle ONG e facilitando i respingimenti verso la Libia? Se fossero in camicia verde sarebbero guardie padane (ve le ricordate le ronde padane?), ma i padani in mezzo al Mediterraneo non ci stanno. Potrebbero essere un’emanazione minnitiana, i minnitions (per codice, non per decreto), ma no, gli identitari si definiscono apartitici – né destra, né sinistra: dove l’abbiamo già sentita?

Difendono la nostra cultura e sono agguerritissimi. Hanno fatto un crowdfunding per finanziare la missione a bordo della nave C-star e hanno una grande idea: la remigrazione (giuro!).

La C-star, dopo varie peripezie nel Mediterraneo, è riuscita a raggiungere la zona di ricerca e salvataggio (SAR) libica. E ci è rimasta. La nave ha dichiarato uno stato di avaria questa notte, dopo (pare) essere stata ferma alcuni giorni, a mollo. «Quattro giorni che siete fermi. Se avete bisogno di aiuto ditecelo, siamo una ONG che fa salvataggi e abbiamo un rimorchiatore», ha twittato ieri notte Oscar Camps, fondatore di Proactiva Open Arms.

Questa mattina è arrivata la richiesta di soccorso. Il coordinamento di Roma della Guardia costiera ha dato mandato a un’altra ONG, la Sea-Eye, di dirigersi verso gli identitari.

Ma quindi sono o non sono entrati nella SAR zone libica, come avevano annunciato? Perché guardate che se sono entrati nella zona SAR libica ci deve andare la guardia costiera libica a soccorrerli: li paghiamo e addestriamo per quello, che diamine. E deve caricarli a bordo, non trasbordarli su altre navi, arrestarli per immigrazione clandestina, affondare il natante. Tanti piccioni con un motore in avaria.

Scherzi e codici a parte, la tragicomica avventura nazionalista della C-Star è rivelatrice: di fronte ai salvataggi in mare e alle morti non si improvvisa e non si scherza. Non si fanno “atti dimostrativi”, come li chiamano loro, che rischiamo di intralciare i soccorsi, proprio come è accaduto ora. Si salva la gente e basta. E per fortuna che esiste una catena di comando e una solidarietà umana (non nazionalista: umana) che non guarda in faccia alle ideologie e al colore della pelle ma, semplicemente, si prende cura degli altri.

Questa mattina ho letto una frase su una targa in montagna, una preghiera. Diceva più o meno così: «aiutami a fare il bene difficile e a combattere il male facile». Non mi ritengo un credente in senso stretto ma credo a una cosa, sicuramente: che dovrebbe essere anche questa la nostra cultura da difendere. State bene, identitari della C-Star: vi auguriamo di fare presto approdo al porto sicuro più vicino.

  • 337
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati