Restare umani, una scelta di campo

Quan­to sta acca­den­do in tema di migra­zio­ni e di acco­glien­za, in que­ste set­ti­ma­ne, è una vera e pro­pria marea di fan­go, uno tsu­na­mi di vio­len­za (ver­ba­le e non), un mael­strom in cui i ruo­li, le posi­zio­ni, per­si­no le logi­che e i fini, si confondono.

Una sor­ta di psi­co­si di mas­sa che ha col­pi­to tra­sver­sal­men­te la socie­tà, i media, la poli­ti­ca, le isti­tu­zio­ni di ogni tipo.

Non inten­dia­mo far­ci tra­vol­ge­re da que­sta onda­ta di meschi­ni­tà, mai come ora sen­tia­mo il biso­gno di resta­re luci­di, ma soprat­tut­to mai come ora sen­tia­mo il biso­gno di resta­re umani.

Per­ché deve esse­re chia­ro il discri­mi­ne, il sol­co che si sta trac­cian­do: quel­lo tra chi nega l’umanità (per rab­bia, per pau­ra, per cal­co­lo, per insi­pien­za) e chi inten­de difen­der­la ad ogni costo, per­ché altri­men­ti nul­la ha senso.

Solo una futi­le posi­zio­ne di prin­ci­pio “ideo­lo­gi­ca o ideale”?
Se esi­ste un prin­ci­pio mini­mo che dovreb­be gui­da­re l’azione poli­ti­ca di chi vuo­le il bene del­la comu­ni­tà, quel­lo dovreb­be esse­re pro­prio l’umanità. Stu­pi­sce dover­lo riba­di­re. Ma se è neces­sa­rio, non ci tiria­mo cer­to indietro.

Ma no, non “solo” (solo?!) di un prin­ci­pio, di un’idea per noi irri­nun­cia­bi­le si tratta.
Si trat­ta dell’essenza stes­sa del nostro sta­re qui, del­la nostra ragion d’essere.

Chi nega il prin­ci­pio di uma­ni­tà non potrà mai costrui­re una socie­tà miglio­re di questa.
Chi nega il prin­ci­pio di uma­ni­tà sarà sem­pre dal­la par­te dei pochi con­tro i mol­ti, sia­no essi bian­chi o neri, ita­lia­ni o stranieri.
Chi nega il prin­ci­pio di uma­ni­tà non lavo­re­rà mai per com­bat­te­re la pover­tà, né per il dirit­to a una giu­sta paga, per il dirit­to alla salu­te, all’istruzione, per le mil­le altre ingiu­sti­zie e disu­gua­glian­ze che afflig­go­no que­sto pae­se e que­sto pianeta.

Noi voglia­mo dare all’Italia gior­ni miglio­ri, solo difen­den­do il prin­ci­pio di uma­ni­tà potre­mo far­lo. Solo con chi sarà al nostro fian­co in que­sta lot­ta, potre­mo farlo.

Per­ciò sia chia­ro che va tira­ta una linea, e va tira­ta qui, non oltre.

Dite­ci da che par­te sta­te, e vi dire­mo chi siete.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.