Il Bel Paese delle brutte case

L’Italia è il Bel Paese delle brutte case. L’abusivismo edilizio, spesso perpetrato in aree di particolare pregio, non ha paragoni nel resto dell’Europa continentale e ha le sue fondamenta in ormai oltre un trentennio di condoni in spregio a norme ambientali, di tutela del territorio, di non consumo di suolo.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1502392215751{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]L’Italia è il Bel Pae­se del­le brut­te case. L’abusivismo edi­li­zio, spes­so per­pe­tra­to in aree di par­ti­co­la­re pre­gio, non ha para­go­ni nel resto dell’Europa con­ti­nen­ta­le e ha le sue fon­da­men­ta in ormai oltre un tren­ten­nio di con­do­ni in spre­gio a nor­me ambien­ta­li, di tute­la del ter­ri­to­rio, di non con­su­mo di suolo.

Sono ben 25.000 all’anno le case abu­si­ve che ven­go­no tira­te su sen­za par­ti­co­la­ri timo­ri che pos­sa­no esse­re suc­ces­si­va­men­te but­ta­te giù, ed è un mal­co­stu­me strut­tu­ra­le che ha por­ta­to alcu­ne regio­ni del sud ad ave­re, oggi, ben il 60% di tut­ti gli edi­fi­ci sul pro­prio ter­ri­to­rio abu­si­vi. Oltre l’80% dei Comu­ni sciol­ti in Cam­pa­nia dal 1991 ad oggi ha visto tra le moti­va­zio­ni del­lo scio­gli­men­to un dif­fu­so abu­si­vi­smo edi­li­zio. Sono nume­ri incre­di­bi­li, inac­cet­ta­bi­li, impos­si­bi­li eppu­re pos­si­bi­li. 

Pos­si­bil­men­te per­si­no più odio­so e inac­cet­ta­bi­le come dal­la secon­da par­te degli anni ’70 ad oggi lo spread tra abu­si tota­li per pri­me case si sia pro­gres­si­va­men­te allar­ga­to a favo­re di secon­de case, case vacan­ze, case di vil­leg­gia­tu­ra, case di lus­so, che come appa­re ovvio non pos­so­no in alcun modo costi­tui­re que­stio­ne di pri­ma e pri­ma­ria necessità.

Nel men­tre l’Istat cer­ti­fi­ca un siste­ma­ti­co ral­len­ta­men­to del­lo spra­wl urba­no, ovve­ro­sia l’a­van­za­ta disor­di­na­ta dei sob­bor­ghi cit­ta­di­ni a bas­sa den­si­tà in aree pri­ma inedificate.

In tut­to que­sto irra­gio­ne­vo­le e inac­cet­ta­bi­le ille­ci­to che amman­ta e ammaz­za ogni regio­ne d’Italia una del­le tri­sti pri­ma­ti­ste in tal sen­so è la Sici­lia, dove il Sin­da­co di Lica­ta, elet­to appe­na due anni fa e che s’era mes­so la bislac­ca idea in testa di con­tra­sta­re gli abu­si edi­li­zi, pro­ce­den­do all’abbattimento di mostri edi­li­zi detur­pan­ti il lito­ra­le lica­te­se su cui insi­ste­va­no sen­ten­za rigo­ro­sa­men­te defi­ni­ti­ve, è sta­to man­da­to a casa dal Consiglio.

A sfi­du­cia­re il Sin­da­co, una Große Koa­li­tion che ha potu­to con­ta­re sull’appoggio deter­mi­nan­te degli alfa­nia­ni che pro­prio in que­ste ore stan­no fre­ne­ti­ca­men­te “ven­den­do­si e riven­den­do­si” al miglior offe­ren­te in vista del­la pros­si­ma tor­na­ta elet­to­ra­le regio­na­le, venen­do nel­le ulti­me ore acco­sta­ti e in odo­re di noz­ze di con­ve­nien­za (non cer­to per i cit­ta­di­ni né per il ter­ri­to­rio, sici­lia­no) con il Par­ti­to Democratico.

Ma para­fra­san­do un anti­co ada­gio non è tut­to cen­tro­de­stra quel che rab­buia e abu­sa: è noti­zia di que­ste ore come il can­di­da­to del Movi­men­to 5 Stel­le, Gian­car­lo Can­cel­le­ri, abbia sen­za ver­go­gna dichia­ra­to che in Sici­lia nul­la ver­rà fat­to ove lui venis­se elet­to Gover­na­to­re con­tro l’abusivismo.

Que­sto facen­do­si for­te Can­cel­le­ri pro­ba­bil­men­te del­la nor­ma­ti­va sul­l’a­bu­si­vi­smo edi­li­zio fa capo ad una leg­ge regio­na­le, la 37/1985, che non solo inclu­de un enne­si­mo con­do­no (vali­do anche per il pre­gres­so più ata­vi­co, natu­ral­men­te!) ma sta­bi­li­sce una nor­ma­ti­va-spec­chiet­to per le allo­do­le per i futu­ri abbat­ti­men­ti degli abu­si, con tem­pi e pro­ce­du­re per i ban­di alle dit­te depu­ta­te a sana­re tali ille­ci­ti che, pun­tua­li come un oro­lo­gio sviz­ze­ro, man­ca­no rego­lar­men­te di par­te­ci­pa­re a tali ban­di, lascian­do deser­te le gare.  Per fare un esem­pio, nel Comu­ne di Mes­si­na, nei due anni dal 2007 al 2009, le richie­ste di demo­li­zio­ne sono sta­te 1.191. Di que­ste, quan­te han­no avu­to luo­go? zero.

E la ter­ra muo­re. Non pos­sia­mo permetterlo.

È una que­stio­ne di ragio­ne­vo­lez­za, di lega­li­tà, di ambien­te e di sicu­rez­za (sicu­rez­za di chi nel­le case ci vive).

È una que­stio­ne del pos­si­bi­le e del dove­ro­so.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.