Sicilia, Possibile: “Sostegno a Navarra per sinistra unita, no alleanza con Alfano”

Pos­si­bi­le, il par­ti­to gui­da­to da Pip­po Civa­ti, annun­cia il soste­gno al pro­get­to per la can­di­da­tu­ra di Otta­vio Navar­ra alle Regio­na­li in Sici­lia, in nome di un cam­mi­no uni­ta­rio a sini­stra. È quan­to han­no reso noto i comi­ta­ti di Pos­si­bi­le in Sici­lia, al ter­mi­ne dell’ultima riu­nio­ne di coor­di­na­men­to regio­na­le, svol­ta a Palermo.

“C’è l’assoluta neces­si­tà — spie­ga una nota di Pos­si­bi­le — di met­ter­si al lavo­ro per la costru­zio­ne di un pro­get­to poli­ti­co com­ple­ta­men­te alter­na­ti­vo ed estra­neo al siste­ma di pote­re esi­sten­te e carat­te­riz­za­to da due ele­men­ti chia­ve: abbat­ti­men­to del­le disu­gua­glian­ze eco­no­mi­che e socia­li e tute­la dei dirit­ti fon­da­men­ta­li e dei beni comu­ni. Sce­glia­mo una­ni­me­men­te di soste­ne­re il per­cor­so che si sta aggre­gan­do attor­no alla figu­ra di Otta­vio Navar­ra con l’obiettivo di dare rap­pre­sen­tan­za e stru­men­ti alla lot­ta con­tro que­ste ingiu­sti­zie. Peral­tro, si apprez­za par­ti­co­lar­men­te che lo stes­so Navar­ra si sia pre­oc­cu­pa­to di chia­ri­re che la pro­pria dispo­ni­bi­li­tà alla can­di­da­tu­ra rima­ne con­di­zio­na­ta alla mas­si­ma inclu­si­vi­tà, con­di­vi­sio­ne e uni­ta­rie­tà pos­si­bi­le nel­la costru­zio­ne di que­sto polo del­la sini­stra alter­na­ti­vo all’establishment e al populismo.

“È però chia­ro — con­ti­nua la nota dei comi­ta­ti sici­lia­ni di Pos­si­bi­le — che nes­sun per­cor­so cre­di­bi­le per ripa­ra­re tali ingiu­sti­zie può esse­re intra­pre­so con le stes­se for­ze poli­ti­che che ne sono sta­te respon­sa­bi­li negli anni di (mal)governo Lom­bar­do e Cro­cet­ta. Auspi­chia­mo, inve­ce, che le altre for­ze poli­ti­che del­la sini­stra comin­ci­no a con­di­vi­de­re un per­cor­so uni­ta­rio e alter­na­ti­vo già a livel­lo regio­na­le. Ogni stra­bi­smo poli­ti­co, rispet­to al pro­ces­so di uni­fi­ca­zio­ne del­la Sini­stra su sca­la nazio­na­le, si rive­le­reb­be incom­pren­si­bi­le e, pro­ba­bil­men­te, imper­do­na­bi­le. Le ragio­ni che difen­dia­mo non pos­so­no atten­de­re oltre, soprat­tut­to qui in Sici­lia. La vera discon­ti­nui­tà non debe sta­re solo nel nome del can­di­da­to alla Pre­si­den­za del­la Regio­ne che pro­por­rà il Par­ti­to demo­cra­ti­co, ben­sì nel rom­pe­re ogni lega­me di affi­lia­zio­ne con la mede­si­ma clas­se poli­ti­ca che ha pro­dot­to i dan­ni che si voglio­no emen­da­re, con buo­na pace di ogni “fede­ra­to­re dell’impossibile” e di ogni ipo­te­si di impro­ba­bi­le “cam­po lar­go” da Alfa­no a Che Gue­va­ra. A quel­la par­te di ‘noi’, vor­rem­mo chie­de­re con De Andrè: ‘Con­ti­nue­rai a far­ti sce­glie­re o final­men­te sceglierai?’”

“Occor­re par­ti­re — con­clu­de Pos­si­bi­le — da quei dirit­ti che qui in Sici­lia ven­go­no cal­pe­sta­ti più che altro­ve. Da un lato, il dirit­to al lavo­ro, sul qua­le gra­va­no anco­ra ter­ri­bil­men­te gli intrec­ci di mafia, lavo­ro nero e pre­ca­ria­to. Dall’altro, l’accesso uni­ver­sa­le ai dirit­ti socia­li e ai beni comu­ni: l’acqua pub­bli­ca, un ambien­te salu­bre, demi­li­ta­riz­za­to ed effi­ca­ce­men­te pro­tet­to dagli incen­di che lo stan­no deva­stan­do, il pie­no godi­men­to del­la bel­lez­za del­la nostra ter­ra e del­le nostre coste, la salu­te, lo stu­dio, la ricer­ca, la cultura”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.