#lottocontinua: l’8 marzo continua, 365 giorni l’anno

L’ugua­glian­za, in tut­te le sue for­me, come moto­re del cam­bia­men­to nel­la socie­tà: que­sta è sin dal­la sua fon­da­zio­ne la rai­son d’etre di Pos­si­bi­le. E non esi­ste bat­ta­glia di ugua­glian­za più urgen­te di quel­la che chia­mia­mo “que­stio­ne maschi­le” (non fem­mi­ni­le, per­ché in que­sto Pae­se i pro­ble­mi ce li han­no i maschi).

Una que­stio­ne sot­to­va­lu­ta­ta, o per­si­no deri­sa (ricor­dia­mo tut­ti le sim­pa­ti­che paro­le di Lucia­na Lit­tiz­zet­to ver­so la nostra ini­zia­ti­va sul­la tam­pon tax), cer­ta­men­te igno­ra­ta da lar­ga par­te del­la nostra clas­se diri­gen­te, poli­ti­ca e non.

Sia­mo lie­ti che, pro­ba­bil­men­te con l’approssimarsi dell’8 mar­zo, ci sia sta­ta in que­sti gior­ni una rin­no­va­ta (o del tut­to nuo­va) atten­zio­ne ver­so que­sti temi, ma ci augu­ria­mo che i riflet­to­ri con­ti­nui­no a esse­re pun­ta­ti su que­sta enor­me con­trad­di­zio­ne del­la nostra socie­tà anche il 9, il 10, l’11 mar­zo e tut­to il resto dell’anno.

Per que­sto non solo anche noi soste­nia­mo lo scio­pe­ro de #lot­to­mar­zo pro­mos­so da NonU­na­Di­Me­no, e rilan­cia­mo con #lot­to­con­ti­nua, per­ché sia 8 mar­zo tut­to l’anno e per dare un dirit­to in più a cia­scu­na, sem­pre.

Un soste­gno che non è solo for­ma­le, una bat­ta­glia che non inten­dia­mo nutri­re solo di annun­ci, ma che por­tia­mo avan­ti con le nostre pro­po­ste con­cre­te, a par­ti­re dal­la pari­tà sala­ria­le, quel­la pink tax di cui ora tut­ti par­la­no, e che voglia­mo sia tema cen­tra­le anche quan­do si par­la di appal­ti e pub­bli­che con­ces­sio­ni e di sport pro­fes­sio­ni­sti­co.

A par­ti­re dal­la pie­na e cor­ret­ta appli­ca­zio­ne del­la Leg­ge 194, in un Pae­se che non garan­ti­sce un dirit­to fon­da­men­ta­le del­le don­ne e le puni­sce quan­do il col­pe­vo­le è lo Stato.

A par­ti­re dal con­tra­sto alla vio­len­za di gene­re, con l’istituzione di una com­mis­sio­ne di vigi­lan­za, per l’istituzione di un fon­do per le vit­ti­me e i loro fami­lia­ri e per il con­cre­to sup­por­to ai cen­tri antiviolenza.

A par­ti­re da quel­la tam­pon tax che solo nel nostro Pae­se ha sca­te­na­to un’infan­ti­le ila­ri­tà, men­tre nel resto dell’occidente è mate­ria già affron­ta­ta o tema di serio dibattito.

A par­ti­re da bat­ta­glie che abbia­mo in par­te già vin­to, come quel­la sul­la pro­ro­ga di “Opzio­ne Don­na”, su cui con­ti­nue­re­mo a vigi­la­re in parlamento.

Que­stio­ni anco­ra aper­te e in par­te inso­lu­te, ma su cui non voglia­mo cede­re alla ras­se­gna­zio­ne e non arre­tre­re­mo di un mil­li­me­tro, per­ché per Pos­si­bi­le l’8 mar­zo con­ti­nua, 365 gior­ni l’anno.

Bea­tri­ce Brignone
Giu­sep­pe Civati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.