La politica della rassegnazione

Dal­la fal­sa rot­ta­ma­zio­ne, sia­mo pas­sa­ti alla ras­se­gna­zio­ne pres­so­ché tota­le.

Dal­le lar­ghe inte­se, sia­mo pas­sa­ti — per col­pa pro­prio del­le lar­ghe inte­se — a osser­va­re ras­se­gna­ti un dibat­ti­to tra sor­di, in cui ci si man­da a quel Pae­se e nes­su­no ragio­na più. Una spe­cie di gigan­te­sco spec­chio rifles­so, a cui tut­ti sem­bra­no con­se­gna­ti. E rassegnati.

Dal­le rifor­me ombe­li­ca­li e auto­ce­le­bra­ti­ve, sia­mo pas­sa­ti alla con­vin­zio­ne che non si pos­sa fare nul­la. Alla cer­tez­za che tut­to sia irri­for­ma­bi­le, men­tre era­no sem­pli­ce­men­te rifor­me brut­te e inef­fi­ca­ci, quel­le che sono sta­te boc­cia­te. E inco­sti­tu­zio­na­li, come nel caso del­la leg­ge elet­to­ra­le (per la secon­da vol­ta consecutiva!).

Ras­se­gna­ti a una gestio­ne fol­le dell’immigrazione, tra l’il­le­ga­li­tà degli uni e muri degli altri: eppu­re si potreb­be fare bene, si potreb­be (e si dovreb­be) cam­bia­re il mon­do. E inve­ce abbia­mo cin­quan­ta sfu­ma­tu­re di Lega, da Sal­vi­ni a Min­ni­ti pas­san­do per le ambi­gui­tà di Grillo.

Ras­se­gna­ti a un Pae­se pove­ro di ener­gie, e inve­ce si potreb­be fare tut­to sen­za dipen­de­re da sceic­chi e dit­ta­to­ri, pro­du­cen­do­si e scam­bian­do­si l’energia, gra­zie anche agli straor­di­na­ri cam­bia­men­ti tec­no­lo­gi­ci che han­no ridot­to i prez­zi di pro­du­zio­ne da rin­no­va­bi­li.

Ras­se­gna­ti a un Pae­se fami­li­sta, pie­no di con­flit­ti di inte­res­si, di fur­bi­zie di cui tut­ti si scan­da­liz­za­no ma che qua­si tut­ti pra­ti­ca­no o ammi­ra­no. Per­ché quan­to è sta­to bel­lo ave­re pre­mier fur­bi, negli ulti­mi anni!

Ras­se­gna­ti alle disu­gua­glian­ze, come se fos­se­ro un dato natu­ra­le, come se non si potes­se supe­rar­le con la pro­gres­si­vi­tà, con il red­di­to mini­mo, con la giu­sta retri­bu­zio­ne, con la dove­ro­sa tas­sa­zio­ne dei grup­pi mul­ti­na­zio­na­li elu­si­vi e i nostra­nis­si­mi evasori.

Ras­se­gna­ti al pre­sen­te che sa di pas­sa­to, men­tre si potreb­be inve­sti­re nel­la scuo­la e nel­l’u­ni­ver­si­tà tut­to quel­lo che abbia­mo, come fareb­be un geni­to­re intel­li­gen­te e con­sa­pe­vo­le dei rischi a cui van­no incon­tro figli che non abbia­no impa­ra­to a cono­sce­re il mon­do e se stessi.

Ras­se­gna­ti al maschi­li­smo, tan­to che si cele­bra l’8 mar­zo come una festa coman­da­ta e però poli­ti­ca­men­te mino­re, con fiu­mi di reto­ri­ca sen­za alcu­na concretezza.

La ras­se­gna­zio­ne. Che azze­ra la poli­ti­ca. Che la ren­de indi­stin­gui­bi­le, che la con­se­gna all’inu­ti­li­tà.

Per tut­ti quel­li che non si ras­se­gna­no, per quel­l’Ita­lia pos­si­bi­le, com­pe­ten­te, lun­gi­mi­ran­te, libe­ra e corag­gio­sa che esi­ste già e ha solo biso­gno di esse­re rap­pre­sen­ta­ta, per tut­ti quel­li che pen­sa­no che si pos­sa fare diver­sa­men­te, noi ci sia­mo. Potrem­mo esse­re di più, ci vie­ne det­to. Ma anche que­sto dipen­de da voi: noi sia­mo qui.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.