Lo strano caso di ProVita alla Festa dell’Unità

In questi giorni il sito d'informazione LGBTI Gaypost ha reso nota la partecipazione di Toni Brandi a un dibattito sulle "Disposizioni Anticipate di Trattamento e fine vita" organizzato al Festival dell’Unità di Roma

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1507187859960{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]

In que­sti gior­ni, rilan­cian­do una dura pre­sa di posi­zio­ne di Aure­lio Man­cu­so, il sito d’in­for­ma­zio­ne LGBTI Gay­po­st ha reso nota la par­te­ci­pa­zio­ne di Toni Bran­di a un dibat­ti­to sul­le DAT (Dispo­si­zio­ni Anti­ci­pa­te di Trat­ta­men­to e fine vita) orga­niz­za­to al Festi­val dell’Unità di Roma il pri­mo otto­bre. Bran­di è l’attuale pre­si­den­te del­l’as­so­cia­zio­ne Pro­Vi­ta, una onlus che si bat­te per la dife­sa del­la “fami­glia tra­di­zio­na­le” e nota per i mol­ti lega­mi che la col­le­ga­no al par­ti­to neo­fa­sci­sta For­za Nuo­va.

In un pri­mo momen­to, il neo­se­gre­ta­rio roma­no del PD Andrea Casu ha giu­sti­fi­ca­to la pre­sen­za di Pro­Vi­ta dichia­ran­do che quel­la da lui orga­niz­za­ta è sta­ta “la Festa più aper­ta di tut­te. Tut­ti han­no potu­to par­la­re”. Una giu­sti­fi­ca­zio­ne che ci lascia asso­lu­ta­men­te sbi­got­ti­ti. Una dichia­ra­zio­ne che lo ste­so Casu, poco dopo, ha rifor­mu­la­to, par­lan­do di epi­so­dio incre­scio­so: di fat­to una retromarcia.

Lo stes­so orga­niz­za­to­re del­l’e­ven­to, Cri­stia­no Davo­li, ha sen­ti­to il biso­gno di sot­to­li­nea­re che quel even­to non va asso­lu­ta­men­te con­si­de­ra­to come “uno sdo­ga­na­men­to” di Pro­Vi­ta da par­te del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, pur rico­no­scen­do nel­la onlus un avver­sa­rio poli­ti­co. Il pro­ble­ma, però, si è spo­sta­to su un altro pia­no quan­do si è sco­per­to che lo stes­so Davo­li, can­di­da­to nel 2016 nel­le liste del PD per le comu­na­li a Roma, è sta­to nomi­na­to respon­sa­bi­le del­l’uf­fi­cio stam­pa del­la stes­sa Pro­Vi­ta, alme­no fino al 2 otto­bre. L’avversario poli­ti­co da ascol­ta­re in un inter­ven­to sul fine vita era, dun­que, la stes­sa asso­cia­zio­ne per la qua­le Davo­li lavo­ra­va in qua­li­tà di uffi­cio stam­pa, biz­zar­re coincidenze.

In que­sti anni, pro­prio in con­co­mi­tan­za con la discus­sio­ne pub­bli­ca sul con­tra­sto all’omotransfobia e sul­le unio­ni civi­li, sono sor­te diver­se real­tà ricon­du­ci­bi­li al radi­ca­li­smo cat­to­li­co e all’e­stre­ma destra ita­lia­na che han­no fat­to del­la “bat­ta­glia per la fami­glia natu­ra­le” il ful­cro di una cro­cia­ta “neo­fon­da­men­ta­li­sta”. Sotto la pre­sun­ta dife­sa dal­la così det­ta “ideo­lo­gia gen­der”, que­ste real­tà por­ta­no avan­ti un’a­gen­da aper­ta­men­te rea­zio­na­ria, con­tra­stan­do le poli­ti­che di gene­re e a tute­la del­le per­so­ne LGBTI, le lot­te all’omotransfobia e al bul­li­smo, dun­que l’educazione alle differenze.

Que­sti grup­pi, infat­ti, die­tro l’ap­pa­ren­te aurea festo­sa e colo­ra­ta del Fami­ly Day, nascon­do­no una nar­ra­zio­ne tos­si­ca e para­noi­ca. Vi sareb­be, cioè, un com­plot­to del­le “lob­by LGBTI” che, attra­ver­so il con­cet­to di gene­re (tenu­to all’inglese, “gen­der”),  ten­te­reb­be­ro di mina­re la fami­glia. Spes­so, il com­plot­to del “gen­der” si affian­che­reb­be al sup­po­sto “pia­no Kaler­gi” attra­ver­so cui i “pote­ri for­ti” (l’Unione Euro­pea, l’ONU, Soros) vor­reb­be­ro sosti­tui­re la popo­la­zio­ne euro­pea con l’im­mi­gra­zio­ne di mas­sa, distrug­gen­do quel­la che riten­go­no esse­re la base del­la socie­tà ita­lia­na: la fami­glia. Per la cro­na­ca, il “pia­no Kaler­gi” è deri­va­to dal nome del poli­ti­co Richard Niko­laus Cou­de­n­ho­ve-Kaler­gi, il qua­le, all’inizio del Nove­cen­to, soste­ne­va piut­to­sto l’idea di una “Unio­ne Paneu­ro­pea” per evi­ta­re i con­flit­ti bel­li­ci.

[Per appro­fon­di­re leg­gi le sche­de #Anti­fa]

Que­ste mani­po­la­zio­ni di stu­di e di teo­rie (gen­der, queer, filo­so­fi­co-poli­ti­che) ven­go­no rilan­cia­te da una buo­na par­te del movi­men­to “no-gen­der” ita­lia­no e si inse­ri­sco­no anche all’interno di un cam­bio di stra­te­gia comu­ni­ca­ti­va del­l’e­stre­ma destra, tan­to euro­pea e sta­tu­ni­ten­se quan­to ita­lia­na. Lo sco­po di tali distor­sio­ni è, cioè, ren­de­re accet­ta­bi­le il (neo)fascismo agli occhi del­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca, dei poten­zia­li mili­tan­ti ed elet­to­ri, sfrut­tan­do pau­re e ren­den­do­si vit­ti­me. Nel­lo spe­ci­fi­co, se Casa­Pound ha scel­to di pre­sen­tar­si attra­ver­so un’e­ste­ti­ca che potrem­mo defi­ni­re hip­ster, ossia fin­ta­men­te fine e intel­li­gen­te, ma sostan­zial­men­te far­loc­ca, For­za Nuo­va ha pre­fe­ri­to rin­no­va­re e insi­ste­re sul pro­prio radi­ca­li­smo cat­to­li­co. È pro­prio in que­sto alveo che vedia­mo nasce­re la onlus ProVita.

Pro­Vi­ta è una onlus fon­da­ta a par­ti­re da una rivi­sta car­ta­cea Noti­zie Pro­Vi­ta, alla qua­le si affian­ca da subi­to un sito omo­ni­mo. Crea­ta nell’ottobre del 2012, la rivi­sta era edi­ta da una coo­pe­ra­ti­va gior­na­li­sti­ca lega­ta a For­za Nuo­va, la M.P., e distri­bui­ta da un’azienda posta­le, la Rapi­da Vis, in mano a due figlie del segre­ta­rio di For­za Nuo­va Rober­to Fio­re. A par­ti­re dal mag­gio del 2014, inve­ce, a pub­bli­ca­re la rivi­sta è diret­ta­men­te la neo-nata Pro­Vi­ta onlus, il cui pre­si­den­te è il già ampia­men­te cita­to Toni Bran­di e il cui por­ta­vo­ce è Ales­san­dro Fio­re, figlio di Rober­to. Oltre alle azien­de e ai rap­por­ti inter­per­so­na­li, i lega­mi tra la onlus e il par­ti­to neo­fa­sci­sta, poi, si rica­va­no da vari momen­ti di col­la­bo­ra­zio­ne tra le due real­tà: peti­zio­ni pro­mos­se con­giun­ta­men­te; even­ti orga­niz­za­ti insie­me (mar­ce con­tro l’aborto; mar­ce con­tro le unio­ni civi­li); un film rus­so (“Sodom”); un libro edi­to dal par­ti­to euro­peo di Rober­to Fio­re, Allian­ce for Pea­ce and Free­dom (“Attac­co alla famiglia”).

Pro­Vi­ta, poi, si è distin­ta tra le varie real­tà “anti-gen­der” per le sue posi­zio­ni dure e intran­si­gen­ti. Duran­te il Fami­ly Day del gen­na­io 2016, per esem­pio, lo stes­so Bran­di ha urla­to invet­ti­ve con­tro dif­fe­ren­ti “lob­bies” che gover­ne­reb­be­ro il mon­do occi­den­ta­le per por­ta­re avan­ti una “agen­da LGBT” (spec­chio e appen­di­ce del­la c.d. teo­ria del com­plot­to giu­dai­co). Tali “lob­bies” sareb­be­ro le indu­strie del por­no, le case far­ma­ceu­ti­che e anche le indu­strie dei con­dom. Ven­de­re pre­ser­va­ti­vi, tan­to per capir­ci, costi­tui­reb­be una minac­cia alla nata­li­tà, favo­ri­reb­be la ses­sua­liz­za­zio­ne pre­co­ce dei bam­bi­ni e frut­te­reb­be “cen­ti­na­ia di miliar­di di dol­la­ri” (sic) di fat­tu­ra­to. Evi­den­te­men­te, il dirit­to alla salu­te ses­sua­le e l’autodeterminazione del­le per­so­ne non han­no, per Bran­di, alcun valore.

La super­fi­cia­li­tà degli orga­niz­za­to­ri e del Par­ti­to Demo­cra­ti­co roma­no è dun­que allar­man­te: per­ché invi­ta­re pro­prio Pro­Vi­ta, per­ché invi­ta­re Bran­di, un signo­re che a Radio24 ha anche affer­ma­to:  “[I] gay han­no ten­den­ze pedo­fi­le, rom­po­no i coglio­ni e pos­so­no esse­re cura­ti”?

La que­stio­ne va oltre all’e­vi­den­te erro­re poli­ti­co, come accen­na­va­mo. Ci chie­dia­mo, dun­que, per­ché si sia volu­to legit­ti­ma­re, dal pre­sti­gio­so pal­co del­la Festa del­l’U­ni­tà, chi par­la a van­ve­ra di una fan­to­ma­ti­ca “ideo­lo­gia del gen­der” e di “agen­da LGBTI” dei gover­ni mon­dia­li per annien­ta­re le fami­glie ita­lia­ne com­po­ste da geni­to­ri ete­ro­ses­sua­li. Per­ché è sta­ta data voce, in quel con­te­sto, a chi fa aper­ta pro­pa­gan­da a favo­re del­le teo­rie ripa­ra­ti­ve del­l’o­mo­ses­sua­li­tà? Per­ché sono sta­ti sot­to­va­lu­ta­ti o igno­ra­ti i lega­mi con par­ti­ti neo­fa­sci­sti?

For­se sia­mo poco inclu­si­vi, per cita­re Casu, ma cre­dia­mo anco­ra che l’an­ti­fa­sci­smo sia un valo­re e che l’o­mo­fo­bia non sia una sem­pli­ce opi­nio­ne: per noi cer­te posi­zio­ni non devo­no tro­va­re ascol­to. Nean­che, a mag­gior ragio­ne, in un dibat­ti­to a sen­so uni­co sul fine vita.

P.s.: Gra­zie ad una foto di Aure­lio Man­cu­so, venia­mo a sape­re che l’e­ven­to è sta­to un fia­sco. Una man­cia­ta di per­so­ne come pub­bli­co, non più di die­ci. Evi­den­te­men­te i mili­tan­ti PD han­no più intel­li­gen­za dei diri­gen­ti. Il pun­to, però, non è questo.

Yàdad De Guer­re, blog­ger, PLAYING THE GENDER CARD

Fede­ri­co Buttò

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.