L’indifferenza che genera violenza

Storie di ordinaria violenza e discriminazione, accadute nell’arco di pochi giorni e che raccontano in maniera agghiacciante il clima a cui sono soggette le persone LGBTI nel nostro Paese, e non solo

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Un Vesco­vo in una scuo­la di Pavia avver­te che i gay non saran­no mai feli­ci; un ragaz­zo ingle­se offe­so, pic­chia­to e deru­ba­to nel pie­no cen­tro di Bolo­gna nell’indifferenza dei pas­san­ti in quan­to gay; Geno­va, Firen­ze e la Pro­vin­cia di Tren­to nega­no il patro­ci­nio ai pros­si­mi Pri­de; una per­so­na tran­ses­sua­le ita­lia­na ed il suo com­pa­gno seque­stra­ti e pic­chia­ti all’aeroporto di Istanbul.

Sto­rie, pur­trop­po, di ordi­na­ria vio­len­za e discri­mi­na­zio­ne, acca­du­te nell’arco di pochi gior­ni e che rac­con­ta­no in manie­ra agghiac­cian­te il cli­ma a cui sono sog­get­te le per­so­ne LGBTI nel nostro Pae­se, e non solo. Discri­mi­na­zio­ni che assu­mo­no anche carat­te­ri isti­tu­zio­na­li come nel caso del­la man­ca­ta con­ces­sio­ne ai Pri­de, deru­bri­can­do la mani­fe­sta­zio­ne a qual­co­sa di non isti­tu­zio­na­le sen­za tene­re con­to che inve­ce rap­pre­sen­ta un momen­to di orgo­glio del­la comu­ni­tà, e di una fet­ta sem­pre più ampia di per­so­ne, attra­ver­so il qua­le affron­ta­re a testa alta una socie­tà, ed una poli­ti­ca, che trop­po spes­so con­ti­nua a con­si­de­rar­li cit­ta­di­ni di serie B. Come nel caso di Ros­si, Pre­si­den­te del­la Pro­vin­cia di Tren­to, che ritie­ne il pros­si­mo, pri­mo, Pri­de del Tren­ti­no: “un aspet­to più di fol­clo­re e di esi­bi­zio­ni­smo che sicu­ra­men­te non appor­ta alcun con­tri­bu­to alla cre­sci­ta e valo­riz­za­zio­ne del­la socie­tà tren­ti­na e del­la sua immagine”.

In que­sti anni abbia­mo sem­pre cam­mi­na­to al fian­co del movi­men­to LGBTI nel­la richie­sta di dirit­ti, liber­tà e sicu­rez­za, per costrui­re un obiet­ti­vo con­di­vi­so di una socie­tà più giu­sta che tute­li le mino­ran­ze rico­no­scen­do­le e dan­do a tut­te e tut­ti le stes­se pos­si­bi­li­tà di rea­liz­zar­si e con­cor­re­re alla pro­pria feli­ci­tà.

In que­sti anni ci sia­mo resi con­to che non pote­va basta­re un’azione poli­ti­ca e legi­sla­ti­va sul pia­no giu­ri­di­co, con l’estensione del­la Leg­ge Man­ci­no alle discri­mi­na­zio­ni per orien­ta­men­to ses­sua­le ed iden­ti­tà di gene­re, per­ché ser­vi­va un’azione stra­te­gi­ca più ampia, che fos­se cul­tu­ra­le e for­ma­ti­va, per col­pi­re l’ignoranza e l’odio e per scar­di­na­re l’indifferenza che è sem­pre più este­sa. La stes­sa indif­fe­ren­za che il ragaz­zo ingle­se a Bolo­gna ha toc­ca­to con mano. A Bolo­gna, cit­tà sim­bo­lo di aper­tu­ra, mul­ti­cul­tu­ra­li­tà e sede nazio­na­le del­la sto­ri­ca asso­cia­zio­ne Arci­gay. Sino­ni­mo che non pos­sia­mo abbas­sa­re mai la guar­dia, nem­me­no in quei luo­ghi che cre­dia­mo esse­re sto­ri­ca­men­te vici­ni ad alcu­ne istan­ze.

Per trop­po tem­po la poli­ti­ca ha fat­to fin­ta di nul­la, non occu­pan­do­si di con­tra­sta­re l’odio che cre­sce­va, ali­men­ta­to da una nar­ra­zio­ne tos­si­ca che face­va del diver­so il nemi­co ogget­ti­vo. Di dirit­ti, in que­sta ulti­ma cam­pa­gna elet­to­ra­le non abbia­mo mai sen­ti­to par­la­re, ma di posi­zio­ni rea­zio­na­rie come quel­la di can­cel­la­re le Unio­ni Civi­li se ne sono sus­se­gui­te tan­te. Affer­ma­zio­ni che ser­vo­no ad ali­men­ta­re un cli­ma di con­flit­to socia­le, basa­to su intol­le­ran­za e odio. A tut­to que­sto abbia­mo il dove­re di ante­por­re una stra­te­gia cul­tu­ra­le e poli­ti­ca insie­me a tut­ti i sog­get­ti che si stan­no mobi­li­tan­do su que­sti temi, a par­ti­re dal­le asso­cia­zio­ni LGBTI, alla rete nazio­na­le Edu­ca­re alle Dif­fe­ren­ze e al coor­di­na­men­to nazio­na­le Lai­ci­tà Scuo­la Salu­te, che ave­va lan­cia­to 7 pun­ti pro­gram­ma­ti­ci per le scor­se ele­zio­ni aper­te alla sot­to­scri­zio­ne del­le can­di­da­te e dei candidati.

Una sfi­da che deve unir­si alla lot­ta al ses­si­smo e alla que­stio­ne maschi­le che non può con­si­de­rar­si sle­ga­ta dal­le vio­len­ze con­tro le per­so­ne LGBTI in quan­to riguar­da le iden­ti­tà, e la liber­tà di esse­re e autodefinirsi.

Per que­sti moti­vi nei pros­si­mi mesi ripren­de­re­mo il lavo­ro di incon­tro, con­fron­to ed ela­bo­ra­zio­ne con­di­vi­sa con tut­te le real­tà che si occu­pa­no di que­sti temi, con­ti­nuan­do un per­cor­so che negli ulti­mi anni abbia­mo intrapreso.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.