L’indifferenza che genera violenza

Storie di ordinaria violenza e discriminazione, accadute nell’arco di pochi giorni e che raccontano in maniera agghiacciante il clima a cui sono soggette le persone LGBTI nel nostro Paese, e non solo

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Un Vesco­vo in una scuo­la di Pavia avver­te che i gay non saran­no mai feli­ci; un ragaz­zo ingle­se offe­so, pic­chia­to e deru­ba­to nel pie­no cen­tro di Bolo­gna nell’indifferenza dei pas­san­ti in quan­to gay; Geno­va, Firen­ze e la Pro­vin­cia di Tren­to nega­no il patro­ci­nio ai pros­si­mi Pri­de; una per­so­na tran­ses­sua­le ita­lia­na ed il suo com­pa­gno seque­stra­ti e pic­chia­ti all’aeroporto di Istanbul.

Sto­rie, pur­trop­po, di ordi­na­ria vio­len­za e discri­mi­na­zio­ne, acca­du­te nell’arco di pochi gior­ni e che rac­con­ta­no in manie­ra agghiac­cian­te il cli­ma a cui sono sog­get­te le per­so­ne LGBTI nel nostro Pae­se, e non solo. Discri­mi­na­zio­ni che assu­mo­no anche carat­te­ri isti­tu­zio­na­li come nel caso del­la man­ca­ta con­ces­sio­ne ai Pri­de, deru­bri­can­do la mani­fe­sta­zio­ne a qual­co­sa di non isti­tu­zio­na­le sen­za tene­re con­to che inve­ce rap­pre­sen­ta un momen­to di orgo­glio del­la comu­ni­tà, e di una fet­ta sem­pre più ampia di per­so­ne, attra­ver­so il qua­le affron­ta­re a testa alta una socie­tà, ed una poli­ti­ca, che trop­po spes­so con­ti­nua a con­si­de­rar­li cit­ta­di­ni di serie B. Come nel caso di Ros­si, Pre­si­den­te del­la Pro­vin­cia di Tren­to, che ritie­ne il pros­si­mo, pri­mo, Pri­de del Tren­ti­no: “un aspet­to più di fol­clo­re e di esi­bi­zio­ni­smo che sicu­ra­men­te non appor­ta alcun con­tri­bu­to alla cre­sci­ta e valo­riz­za­zio­ne del­la socie­tà tren­ti­na e del­la sua immagine”.

In que­sti anni abbia­mo sem­pre cam­mi­na­to al fian­co del movi­men­to LGBTI nel­la richie­sta di dirit­ti, liber­tà e sicu­rez­za, per costrui­re un obiet­ti­vo con­di­vi­so di una socie­tà più giu­sta che tute­li le mino­ran­ze rico­no­scen­do­le e dan­do a tut­te e tut­ti le stes­se pos­si­bi­li­tà di rea­liz­zar­si e con­cor­re­re alla pro­pria feli­ci­tà.

In que­sti anni ci sia­mo resi con­to che non pote­va basta­re un’azione poli­ti­ca e legi­sla­ti­va sul pia­no giu­ri­di­co, con l’estensione del­la Leg­ge Man­ci­no alle discri­mi­na­zio­ni per orien­ta­men­to ses­sua­le ed iden­ti­tà di gene­re, per­ché ser­vi­va un’azione stra­te­gi­ca più ampia, che fos­se cul­tu­ra­le e for­ma­ti­va, per col­pi­re l’ignoranza e l’odio e per scar­di­na­re l’indifferenza che è sem­pre più este­sa. La stes­sa indif­fe­ren­za che il ragaz­zo ingle­se a Bolo­gna ha toc­ca­to con mano. A Bolo­gna, cit­tà sim­bo­lo di aper­tu­ra, mul­ti­cul­tu­ra­li­tà e sede nazio­na­le del­la sto­ri­ca asso­cia­zio­ne Arci­gay. Sino­ni­mo che non pos­sia­mo abbas­sa­re mai la guar­dia, nem­me­no in quei luo­ghi che cre­dia­mo esse­re sto­ri­ca­men­te vici­ni ad alcu­ne istan­ze.

Per trop­po tem­po la poli­ti­ca ha fat­to fin­ta di nul­la, non occu­pan­do­si di con­tra­sta­re l’odio che cre­sce­va, ali­men­ta­to da una nar­ra­zio­ne tos­si­ca che face­va del diver­so il nemi­co ogget­ti­vo. Di dirit­ti, in que­sta ulti­ma cam­pa­gna elet­to­ra­le non abbia­mo mai sen­ti­to par­la­re, ma di posi­zio­ni rea­zio­na­rie come quel­la di can­cel­la­re le Unio­ni Civi­li se ne sono sus­se­gui­te tan­te. Affer­ma­zio­ni che ser­vo­no ad ali­men­ta­re un cli­ma di con­flit­to socia­le, basa­to su intol­le­ran­za e odio. A tut­to que­sto abbia­mo il dove­re di ante­por­re una stra­te­gia cul­tu­ra­le e poli­ti­ca insie­me a tut­ti i sog­get­ti che si stan­no mobi­li­tan­do su que­sti temi, a par­ti­re dal­le asso­cia­zio­ni LGBTI, alla rete nazio­na­le Edu­ca­re alle Dif­fe­ren­ze e al coor­di­na­men­to nazio­na­le Lai­ci­tà Scuo­la Salu­te, che ave­va lan­cia­to 7 pun­ti pro­gram­ma­ti­ci per le scor­se ele­zio­ni aper­te alla sot­to­scri­zio­ne del­le can­di­da­te e dei candidati.

Una sfi­da che deve unir­si alla lot­ta al ses­si­smo e alla que­stio­ne maschi­le che non può con­si­de­rar­si sle­ga­ta dal­le vio­len­ze con­tro le per­so­ne LGBTI in quan­to riguar­da le iden­ti­tà, e la liber­tà di esse­re e autodefinirsi.

Per que­sti moti­vi nei pros­si­mi mesi ripren­de­re­mo il lavo­ro di incon­tro, con­fron­to ed ela­bo­ra­zio­ne con­di­vi­sa con tut­te le real­tà che si occu­pa­no di que­sti temi, con­ti­nuan­do un per­cor­so che negli ulti­mi anni abbia­mo intrapreso.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.